fbpx

Italian Pro Tour: scatta il Friuli VG Open Grado

  29 Maggio 2013 News
Condividi su:

Sul percorso del Golf Club Grado scatta il Friuli Venezia Giulia Open Grado (30 maggio-1 giugno), torneo in calendario nell’Alps Tour e nell’Italian Pro Tour, il circuito delle gare nazionali allestito dal Comitato Organizzatore Open Professionistici di Golf della FIG. Main sponsor la Regione Friuli Venezia Giulia, che ha individuato nel golf un potente veicolo promozionale per incrementare ulteriormente il turismo in un comprensorio peraltro frequentato e ricco di storia, cultura ed arte. All’evento prendono parte 108 giocatori provenienti da 12 nazioni che competeranno sulla distanza di 54 buche, 18 al giorno, Dopo 36 il taglio promuoverà al turno finale i primi 40 classificati e i pari merito al 40° posto. Il montepremi è di 40.000 euro dei quali 5.800 gratificheranno il vincitore. Testimonial della gara e sicuro protagonista sul campo Costantino Rocca, il grande campione bergamasco che guiderà il folto gruppo italiano di 51 elementi tra i quali vi sarà suo figlio Francesco, ancora dilettante, ma che ha in animo di fare il salto di categoria. “Mi fa piacere essere qui – ha detto Rocca – e poi dopo la vittoria di Manassero a Wentworth mi sento… più giovane. E’ comunque piacevole essere insieme a tanti ragazzi che iniziano la loro carriera.  La vittoria di Matteo? E’ stata una bella sofferenza, fino alla fine. Ero fiducioso, tanto che al termine del terzo giro avevo pronosticao lui e i fratelli Molinari tra i primi cinque classificati. Mi ha impressionato veramente la freddezza di Manassero, la tranquillità sia nelle ultime tre buche che nel play off. Sempre concentrato, non ha cambiato mai passo e atteggiamento, comportandosi non come un ventenne ma come un veterano. Per quanto mi riguarda continuerò a giocare nel Senior Tour, ma parteciperò solamente ai tornei necessari a conservare la categoria. Ho parecchi impegni, anche come presidente PGAI, dove credo che con la collaborazione di tutti potremo fare ottime cose”. In casa azzurra c’è attesa anche per le prove di Alessio Bruschi, Joon Kim, Nunzio Lombardi, Mattia Miloro, Cristiano Terragni, Aron Zemmer e di Nino Bertasio, Alessandro Grammatica e Gregory Molteni (nella foto), reduci da un ottimo Umbria Open. Ha dichiarato Molteni: “Dopo la bella prova a Perugia affronto l’impegno molto tranquillo, rilassato e più consapevole delle mie possibilità. Preferisco i campi con i fairway tra i boschi, mentre questo è molto più aperto e perdona qualche errore in più. Comunque la cosa non mi preoccupa: cercherò di fare il mio gioco senza condizionamenti di sorta. Gli avversari saranno tutti da prendere con le molle perché l’Alps Tour è diventato un circuito selettivo e, anche se manca Jesus Legarrea, che in Umbria ha fatto corsa per conto suo, ci saranno tanti altri elementi da controllare. Rocca? Per me è sempre un piacere giocare con lui poiché è una persona estremamente carismatica, che ti mette a tuo agio e da cui c’è sempre da imparare. In campo con lui ho sempre offerto buone performances. Spero di ripetermi anche questa volta”. Il trio composto da Rocca, Molteni e l’inglese Andrew Cooley partirà dalla buca 1 alle ore 12,28. Nei giorni di gara l’ingresso per il pubblico sarà gratuito. Con la Regione Friuli Venezia Giulia, collaborano alla riuscita dell’avvenimento gli sponsor Banca Mediolanum, Golf Club Grado e LOGOS (Libera Organizzazione Golfisti Seniores) insieme a Castelvecchio, Morgante, Marina Fiorita, Masut da Rive, San Pellegrino e ADS Glen. Per l’autore della prima “hole in one” alla buca 18 (par 3, metri 171) vi sarà un premio speciale consistente in una settimana di soggiorno in hotel in Florida offerto da Opisas, società internazionale specializzata nella vendita e negli investimenti immobiliari all’estero. Tra i giocatori stranieri osservato speciale l’inglese Andrew Cooley, vincitore delle prime due gare stagionali in Egitto e spodestato proprio domenica scorsa dallo spagnolo Jesus Legarrea in vetta alla money list. Nell’occasione sarà particolarmente motivato, poiché ha l’opportunità di riprendersi il primato approfittando dell’assenza del rivale. Insieme a lui proveranno a vincere i connazionali Jason Palmer e Ricki Neil-Jones, lo spagnolo Diego Suazo, i francesi Julien Foret, Sebastien Gros, Johann Lopez Lazaro e Xavier Poncelet, gli austriaci Uli Weinhandl e Lukas Nemecz, l’irlandese Brendan McCarroll, a segno nel recente Gosser Open, il nordirlandese Jason Kelly, lo scozzese Michael Stewart e il gallese Rhys Enoch. Il percorso si snoda tra isole e penisole a fianco della laguna gradese. Nel suo disegno Marco Croze ha sottolineato ulteriormente gli ostacoli d’acqua con laghetti e ruscelli. E’ un tracciato vario, non lunghissimo con i 6051 metri (par 72) dal tee di campionato, ma comunque impegnativo soprattutto quando il gioco viene disturbato dalla bora, che da queste parti è di casa. Interessante anche lo stretto contatto con la laguna sulle buche 6 e 7 dove un primo colpo sbagliato può far finire la palla in acqua. Un’altra particolarità del tracciato è il classico layout dei campi links: si “esce fuori” dalla club house fino alla buca 9, per poi rientrare. Le notizie relative ai tornei dell’Italian Pro Tour, agli sponsor e ai circoli ospitanti, insieme a contributi multimediali sulle gare, vengono pubblicate sul sito ufficiale del circuito all’indirizzo: www.italianprotour.com