fbpx

Italian Pro Tour: Maestroni leader nel Campionato Open Bruschi e Bertasio secondi

  28 Novembre 2014 News
Condividi su:

Andrea Maestroni (foto piccola) è il nuovo leader con 136 (68 68, -6) colpi del 75° Campionato Nazionale Open, la più longeva gara italiana e seconda per importanza solo all’Open d’Italia, che si sta svolgendo sul percorso del San Domenico Golf (par 71) a Savelletri di Fasano (BR). E’ l’ultima prova dell’Italian Pro Tour, il circuito di nove eventi, otto internazionali e l’attuale, gestiti dal Comitato Organizzatore Open Professionistici di Golf della FIG. Maestroni, 38enne bresciano reduce dal successo della scorsa settimana nel Campionato della PGA Italiana, ha raddoppiato il 68 (-3) iniziale lasciando a due colpi Nino Bertasio (foto grande) e Alessio Bruschi (138, -4), campione uscente, e a tre Andrea Pavan, risalito dalla 28ª posizione, Alessandro Tadini e Marco Bernardini,  anche loro in rimonta dalla nona, quarti con 139 (-3). Ha ceduto Giorgio De Filippi, sceso al settimo posto con 140 (-2) dopo un 75 (+4), che ha fatto seguito al 65 (-6) iniziale, dove ha la compagnia di Andrea Perrino, Alessandro Grammatica, Federico Colombo, Carlo Guaraldi e del romano Enrico Di Nitto, il migliore tra i dieci dilettanti in campo. Subito dietro il reatino Stefano Pitoni, 13° con 141 (-1), e Renato Paratore, da 18° a 14° con 142 (71 71, par), al debutto tra i professionisti al termine di una straordinaria stagione tra i dilettanti in cui ha conquistato l’oro nell’individuale ai Giochi Olimpici giovanili e la ‘carta’ per l’European Tour 2015. Stesso score anche per Lorenzo Coppini e note di merito per altri cinque amateur promossi ai due turni finali, Jacopo Vecchi Fossa, 16° con 143 (+1), Luca Cianchetti e Stefano Mazzoli 17.i con 144 (+2), Rocco Sanjust, 20° con 143 (+3), e Guido Migliozzi, 44° con 149 (+7). Sono rimasti in corsa Luca D’andreamatteo, unico pro abruzzese, anch’egli 20°, e il pugliese Giulio Grippa (44°), maestro al GC Coccaro. Major sponsor del Campionato Nazionale Open è Continental, azienda leader nella fornitura di automotive e nella produzione dei pneumatici, e danno il loro sostegno il San Domenico Golf e le splendide strutture legate al circolo, Borgo Egnazia, Masseria San Domenico e Masseria Cimino, insieme al San Domenico House, hotel che opera in Inghilterra. L’Italian Pro Tour si avvale dell’apporto di Jaguar Land Rover, official "automotive", di Europ Assistance, Frosecchi, Martin Argenti e di John Deere, fornitori ufficiali. Media partner: Sky, che manderà in onda una sintesi dell’evento. Charity partner: Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica onlus. Presente uno staff di fisioterapisti di Physio Team per le esigenze di cura e rigenerazione fisica degli atleti. Inoltre sul sito www.italianprotour.com è possibile consultare una sezione con previsioni meteorologiche a cura di Golfmeteo. Il taglio, caduto a 149 colpi, ha lasciato in gara 46 concorrenti, compresi sei dilettanti. I professionisti si contenderanno un montepremi di 50.000 euro dei quali 7.250 euro gratificheranno il vincitore. L’ingresso per il pubblico, in linea con i programmi promozionali della Federazione Italiana Golf, è gratuito. “Ho giocato molto bene, come nel primo giro del resto – ha detto Andrea Maestroni – ma è stato tutto più difficile perché si è alzato il vento. Ieri ho colto tutti i 18 green oggi 15 e sono pienamente soddisfatto. Il vento indubbiamente ha influito sulla prestazione di tutti, ma io ho giocato parecchie volte in tali condizioni su questo tracciato e disponevo di una mappetta su cui avevo annotato tutto. E’ stato un piccolo vantaggio e credo che questa sia la chiave di lettura del mio score. Vincere due gare a fine anno? Certo, mi piacerebbe molto anche perché questo evento non figura ancora nel mio palmares. Ci proverò, sono in forma, ma mancano ancora due giri e la strada è piuttosto lunga. Cosa farò nel prossimo anno? Ancora non lo so. Alla mia età occorre trovare stimoli nuovi, qualcosa che possa portarti a credere in quello che fai”. L’accoppiata Campionato PGAI-Campionato Nazionale Open è riuscita nella passata stagione ad Alessio Bruschi, che nel primo torneo è stato vicinissimo al bis, superato nel playoff da Maestroni. Il duello contimua, ma ci sono parecchi terzi incomodi. Enrico Di Nitto, tesserato per il Parco di Roma G&CC, era al secondo posto a un passo dal traguardo: “Purtroppo – ha raccontato – finale non è stato dei migliori: ero tre colpi sotto par per il giro con due buche da giocare e ho concluso con un bogey e un doppio bogey. Il vento? Certo, mi ha dato fastidio e non potrei dire altrimenti, però mi sono divertito parecchio. La tattica per domani? Andrò all’attacco, occorre provarci sempre”. Nella terza giornata la prima partenza verrà data alle ore 8,30, l’ultima alle ore 10,09 con conclusione prevista attorno alle ore 15. Saliranno sul tee della buca 1 Paratore e Vecchi Fossa alle ore 9,06, Bernardini e Tadini alle ore 9,51, Pavan e Bruschi alle ore 10, Bertasio e Maestroni alle ore 10,09. Web e social network – Tutte le informazioni inerenti Il Campionato Nazionale Open possono essere consultate sul sito www.italianprotour.com. Inoltre, attraverso i profili facebook, twitter e instagram dell’Italian Pro Tour è possibile interagire e seguire gli aggiornamenti live del torneo con gli hashtag ufficiali #ItalianProTour #OpenYourFuture.   I risultati