fbpx

Italian Pro Tour: EMC Challenge Fritsch leader, Delpodio 7° Tadini e Bruschi noni

  03 Ottobre 2014 News
Condividi su:

Il tedesco Florian Fritsch è il leader in club house con 137 (70 67, -5) colpi nell’EMC Golf Challenge Open, torneo in calendario nel Challenge Tour e nell’Italian Pro Tour, il circuito delle gare nazionali gestito dalla FIG, che si sta svolgendo sul percorso dell’Olgiata Golf Club (par 71). Dopo i ritardi accumulati nel primo giro, anche il secondo non è stato portato a termine e verrà concluso nella prima mattinata di domani, sabato 4 ottobre, prima dell’inizio del terzo turno. Nella classifica provvisoria Fritsch precede di un colpo il francese Benjamin Hebert (138, -4), il più gettonato tra i favoriti alla vigilia, e lo spagnolo Antonio Hortal, anch’egli a “meno 4” e con sei buche a disposizione per salire. A due lunghezze il portoghese Ricardo Gouveia e il transalpino Alezandre Kaleka (139, -3), leader dopo un giro, ma hanno lo stesso “meno 3” e la possibilità di migliorarsi anche un altro francese, Julien Guerrier stoppato alla 12ª, e il danese Jeppe Huldahl (15ª). Può ancora salire Matteo Delpodio, settimo con “meno 2” alla 12ª, mentre hanno concluso in nona posizione con 141 (-1) Alessandro Tadini (70 71) e Alessio Bruschi (74 67). In 22ª con “+1” Niccolò Quintarelli (15ª buca) e il dilettante romano Enrico Di Nitto,nella foto, (15ª), in 37ª con 145 (+1) Andrea Rota e l’altro amateur Michele Cea, anch’egli del Parco di Roma come Di Nitto, insieme a Lorenzo Gagli con lo stesso “+3” (12ª), in 51ª con 146 (+4) Nicolò Ravano. Usciranno sicuramente al taglio: Filippo Bergamaschi e Andrea Maestroni, 71.i con 148 (+6), il dilettante Renato Paratore, 81° con 149 (+7), Stefano Pitoni, 87° con 150 (+8) e Francesco Laporta e Andrea Perrino, 94.i con 151 (+9), e Joon Kim, 101° con 152 (+10). Title sponsor del torneo è EMC. Nel 2006, EMC ha acquisito RSA Security, società specializzata nella protezione delle identità online e degli asset digitali. Con questa operazione, EMC si è assicurata uno dei principali player nel settore della sicurezza informatica per il mercato enterprise e ha ampliato ulteriormente la propria offerta. La manifestazione si avvale anche del significativo intervento della Regione Lazio, molto attenta al golf che ha individuato come veicolo imprescindibile per la promozione a livello internazionale sia del  territorio che dei suoi marchi.  Sponsor: Istituto per il Credito Sportivo. Fornitore ufficiale: Acqua di Fiuggi. Collaborazione del Comitato Regionale FIG del Lazio e del circolo ospitante. L’Italian Pro Tour ha l’ausilio di Sky, media partner che manderà in onda una sintesi dell’evento, di Jaguar Land Rover, official "automotive", di Mulligan, sponsor, di Europ Assistance, Frosecchi, Martin Argenti e di John Deere, fornitori ufficiali, e della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica onlus, charity partner. Presente uno staff di fisioterapisti di Physio Team per le esigenze di cura e rigenerazione fisica degli atleti. Inoltre sul sito www.italianprotour.com è possibile consultare una sezione con previsioni meteorologiche a cura di Golfmeteo. Fritsch, 29enne di Monaco di Baviera a caccia del primo titolo nel circuito, ha condotto un giro pulito in 67 (-4) con quattro birdie e senza sbavature. “Sono felice – ha detto – per la mia prestazione. Con un percorso così lungo e insidioso la chiave sta nell’esprimere un gioco solido da tee a green. Serve anche un po’ di fortuna, come accaduto nel rocambolesco salvataggio del par della buca 18, che chiudeva il mio round. Strategia per domani? Cercherò di non cambiare nulla del mio gioco, provando a mantenere la giusta concentrazione buca dopo buca” Tadini ha viaggiato nel 71 del par con tre birdie e tre bogey. E’ impegnatissimo a migliorare la sua posizione nella money list, dove attualmente è al 28° posto: “Sono abbastanza soddisfatto – ha dichiarato – anche se il par di giornata mi sta stretto. Avevo iniziato il giro con ottime sensazioni, poi a metà gara, dopo un bogey, ho avuto un calo al quale non è seguita una pronta reazione. Speriamo di mettere a segno qualche birdie in più nel weekend così da poter restare in corsa per il titolo. Cerco la vittoria per poter arrivare al Grand Final nei primi 15 del ranking, ma se non dovessi farcela, mi concentrerò sulle prossime occasioni”. Paratore, reduce dal vittorioso Campionato Italiano a squadre vinto con il team del Parco di Roma,, pur se estromesso dalla gara, ha comunque trovato lati positivi nella sua prestazione: “Sono letteralmente saltato sulle seconde nove buche – ha spiegato –  forse per la stanchezza accumulata nei cinque giorni precedenti in cui ho disputato il Campionato. Comunque è stata una bella esperienza che mi tornerà utile per la Qualifying School dove proverò a prendere la ‘carta’ per il circuito europeo” Il percorso, lungo e dal rough complicato, sta mettendo a dura prova i concorrenti, che comunque ne tessono le lodi per la qualità tecnica  e per l’ottima preparazione. Alla gara hanno preso parte 120 giocatori che competono sulla distanza di 72 buche. Alla conclusione del secondo giro il taglio lascerà in campo i primi 60 classificati e i pari merito al 60° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di qualifica. Il montepremi è di 180.000 euro con prima moneta di 28.000. Ingresso libero per il pubblico. Web e social network – Tutte le informazioni sull’EMC Golf Challenge 2014 sono reperibili sul sito www.italianprotour.com. Inoltre, attraverso i profili facebook, twitter e instagram dell’Italian Pro Tour sarà possibile interagire e seguire gli aggiornamenti live del torneo, anche attraverso gli hashtag ufficiali #OpenYourFuture #ItalianProTour #ChallengeTour.   I risultati