fbpx

Italian Pro Tour: Cervino Open c’è anche Domenico Geminiani

  26 Agosto 2013 News
Condividi su:

Tutto pronto al Golf Club Cervino per la seconda edizione del Cervino Open, il torneo dell’Alps Tour inserito anche nel calendario dell’Italian Pro Tour, che si svolgerà da giovedì 29 a sabato 31 agosto e che sarà anticipato mercoledì 28 dalla Pro Am del Cervino. Si gioca a 2.050 metri di altezza, unica gara italiana a tale quota. Sponsorizza l’evento Cine 1, prima piattaforma Paneuropea di distribuzione cinematografica gratuita e legale nel cui catalogo figurano circa mille film tra cartoni animati, commedie, drammatici, western, titoli inediti ed altri ancora (www.cine1freemovie.com/it), che farà il tal modo il suo debutto nel mondo del grande golf continentale. Si è completato lo schieramento che sarà di 132 concorrenti provenienti da 12 nazioni per un torneo che si dipanerà sulla distanza di 54 buche, 18 al giorno. Dopo 36 saranno ammessi all’ultimo giro i primi 40 in graduatoria e i pari merito al 40° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di qualifica. Il montepremi è di 40.000 euro dei quali 5.800 andranno al vincitore. La manifestazione, come detto, avrà quale prologo la Pro Am del Cervino, alla quale prenderanno parte 20 squadre composte da un professionista e da tre dilettanti. Si giocherà sulla distanza di 18 buche con formula: "Par is your friend", ossia per la classifica saranno conteggiati solamente birdie, eagle ed eventuali difficilissimi albatross realizzati. Sarà l’occasione per vedere all’opera in anteprima alcuni dei più forti pro che poi daranno vita all’Open. La prima partenza verrà data alle ore 9, l’ultima alle ore 13 con conclusione prevista attorno alle 18. L’ingresso sarà libero, come anche nei successivi tre giorni di torneo. Di ottima qualità il field del Cervino Open in cui figurano sette giocatori dei primi dieci dell’ordine di merito: l’inglese Jason Palmer, vincitore del Friuli VG Open Grado, leader con 17.362 euro guadagnati attualmente, e i due che lo seguono, lo spagnolo Jesus Legarrea, mattatore dell’Umbia Open, e l’altro inglese Andrew Cooley, due volte a segno in Egitto dove si è aperto il circuito. Quindi l’inglese Steven Brown (6°), il francese Thomas Linard (7°), l’irlandese Stephen Grant (9°) e l’inglese Ben Evans (10°). Tutti entrano di diritto nella lista dei favoriti insieme agli austriaci Lukas Nemecz e Uli Weinhandl, al norvegese Jason Kelly, ai francesi Alan Bihan, Julien Foret, Sebastien Gros, Johann Lopez-Lazaro e Raphael Marguery, agli inglesi Tom Shadbolt e Tom Sherreard e agli iberici Jaime Camargo e Juan Antonio Bragulat. Saranno 67 gli italiani al via alcuni dei quali hanno le carte in regola per aspirare al titolo. Si affideranno alla loro notevole esperienza Gregory Molteni, primo italiano della money list (17°), Alessio Bruschi, terminato quinto lo scorso anno, Andrea Maestroni, Andrea Rota e Andrea Zanini, mentre sarà sicuramente da seguire Domenico Geminiani (nella foto), l’azzurro nato in Martinica appena 17enne e già da due stagioni nel Challenge Tour, che accampa giuste pretese per un ruolo di rilievo. Tra gli altri giovani attesi alla prova Alessandro Grammatica, Joon Kim, Mattia Miloro, Nino Bertasio e Aron Zemmer. Consistente il gruppo dei piemontesi tra i quali ricordiamo Cristiano Terragni, Alberto Campanile, Lorenzo Guanti, Marco Guerisoli e Benedetto Pastore. Tra gli iscritti il dilettante Francesco Rocca, figlio del grande campione Costantino, e lo statunitense Zeke Martinez, che da anni esercita la sua attività di insegnante in Italia. Due i valdostani: Matteo Bellenda e l’amateur Laurent Morelli. Il percorso del Golf Club Cervino, che l’anno scorso si è rivelato un severo test per i concorrenti che peraltro ne hanno elogiato tutti indistintamente le qualità, di sicuro farà nuovamente selezione. Realizzato dall’architetto Donald Harradine all’inizio degli anni cinquanta, è stato uno dei primi quindici campi in Italia. Situato a 2.050 metri sul livello del mare è attualmente il più alto della penisola e uno dei più alti d’Europa. Nel 2008 è stato ultimato l’ampliamento del percorso che può contare su 18 buche di elevata qualità tecnica, ma nel contempo offre al giocatore un panorama spettacolare al cospetto del maestoso Cervino. Il torneo, come accennato, fa parte dell’Italian Pro Tour, ossia il circuito delle gare nazionali allestite dal Comitato Organizzatore Open Professionistici di Golf della FIG che si dipanano durate tutta la stagione. Avranno il loro clou con l’Open d’Italia (CG Torino, 19-22 settembre) e si concluderanno con il Campionato Nazionale Open (Royal La Bagnaia, 21-24 novembre) Tutte le notizie relative ai tornei dell’Italian Pro Tour, agli sponsor e ai circoli ospitanti vengono pubblicate sul sito ufficiale del circuito all’indirizzo: www.italianprotour.com