fbpx

Italian Golf Show: Open di proposte e affari

  12 Gennaio 2014 News
Condividi su:

E’ un Open originale, con tanto di putting green e driving range, con tre giorni di gare, dove i protagonisti sono i 100 espositori e un’agenda di proposte, incontri, convegni, sorprese per creare l’atmosfera giusta, di grande collaborazione, allo scopo di dimostrare come il golf si sia attrezzato per sfidare la crisi economica. Forte delle sue precedenti esperienze del Salone Italiano del Golf, due anni ad Arezzo e quattro a Verona, Golf Town presenta in collaborazione con Fiere di Parma "Italian Golf Show" dal’1 al 3 marzo. L’appuntamento nasce col patrocinio della massime istituzioni sportive, sociali e amministrative, convinte di una positiva ricaduta per il territorio, la promozione, l’economia, la comunicazione: CONI, Federazione Italiana Golf, UISP, Regione Emilia Romagna, Provincia e Comune di Parma. E parimenti importante per il mondo del golf l’occasione di poter avere una propria vetrina contemporaneamente a “Mercanteinfiera Primavera”, mostra di antiquariato e modernariato dal successo crescente, con 50 mila visitatori.
Per il marchio leader nel settore espositivo degli affari, che ha gestito per tre edizioni dell’Open d’Italia il Villaggio Commerciale con punte-record di espositori “si tratta di un appuntamento obbligato per una comunità golfistica sempre più numerosa, competente, in continuo aggiornamento, propensa a viaggi e a incontri e tesa all’affermazione di uno stile di vita”.
Show deve intendersi non solo come effetto spettacolare, ma come offerta, proposta, novità, vivacità, capacità di attrarre attenzione e quindi "Italian Golf Show" si rivolge anche agli espositori stranieri e ai paesi emergenti, come ad esempio la Turchia che ha già confermato la sua presenza assieme a una trentina di espositori.
"Italian Golf Show" cercherà anche di offrire il proprio contributo all’offerta turistica tanto importante per il Pil nazionale e di ridare energia e, con l’individuazione di nuove realtà imprenditoriali, dal piccolo artigiano alla grande impresa, di incentivare ulteriormente la crescita di un "made in Italy" interessantissimo, in termini di innovazione, ricerca in tutti i campi, compreso quello tecnologico. Si tratta di un settore che ha offerto cifre interessanti come presenze di mercato, qualità e affari e spinta alla promozione del gioco e che per prima Golf Town ha individuato e lanciato.
E’ stato studiato un programma ricco di appuntamenti, con tavoli di lavoro fra domanda e offerta, convegni, seminari, e gare e golf-clinic, sfide fra personaggi dello sport e dello spettacolo.