fbpx

Is Molas Sardinia Open: il grande golf internazionale torna al CG Is Molas

  04 Ottobre 2013 News
Condividi su:

Il grande golf internazionale torna sul percorso del Circolo Golf Is Molas, a Pula (CA),  per la disputa dell’Is Molas Sardinia Open, torneo in calendario nell’Alps Tour e nell’Italian Pro Tour, il circuito delle gare nazionali. L’evento è in programma da mercoledì 9 ottobre a venerdì 11 e sarà anticipato martedì 8 ottobre dalla Is Molas Pro Am alla quale prenderanno parte una ventina di squadre composte da quattro giocatori, un professionista e tre dilettati. L’Is Molas Sardinia Open si giocherà sulla distanza di 54 buche, 18 al giorno. Dopo 36 saranno ammessi all’ultimo giro i primi 40 in graduatoria, i pari merito al 40° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di qualifica. Il montepremi è di 40.000 euro dei quali 5.800 andranno al vincitore. L’ingresso per il pubblico sarà libero. Il torneo riveste particolare importanza perché è il penultimo dell’Alps Tour, che si concluderà con il Masters 13 (17-20 ottobre), e quindi sarà particolarmente sentito sia da coloro che occupano i primi cinque posti nell’ordine di merito, che vorranno difendere la posizione foriera del passaggio al Challenge Tour 2014, sia da chi è subito dietro e che ha l’intento di recuperare. Molto qualificato il field, perché saranno il via tutti i migliori elementi del tour e, in particolare, ben 19 giocatori dei primi venti dell’ordine di merito, con l’assenza del solo spagnolo Pol Bech (14°). Grande favorito è l’inglese Jason Palmer, (nella foto) leader della money list e già tre volte a segno in stagione, la cui posizione è inattaccabile, ma che non per questo si sente appagato. Proveranno a  contrastarlo il connazionale Steven Brown, il francese Edouard España, lo spagnolo Jesus Legarrea e l’austriaco Lukas Nemecz, alle sue spalle nell’ordine di merito, ma hanno chances anche l’irlandese Brendan McCarroll, l’altro austriaco Uli Weinhandl e i transalpini Tomas Linard, Raphael Marguery e Clement Berardo. Tra i 49 italiani al via hanno le carte in regola per puntare al titolo Gregory Molteni, che con un successo potrebbe avvicinarsi alla zona “carta” per il Challenge Tour, Andrea Maestroni e Alessio Bruschi, elementi dotati di grande esperienza, ma sono attesi alla prova anche Lorenzo Scotto, Francesco Gatti, Alessandro Grammatica, Andrea Zanini e Aron Zemmer. La Is Molas Pro Am, interessante prologo nel quale si potranno vedere all’opera in anteprima alcuni dei protagonisti del successivo Open, si svolgerà sulla distanza di 18 buche con formula “Net aggregate team score in relation to par” and “use your Pro”: per la classifica saranno conteggiati solo birdie, eagle e eventuali albatross, peraltro rarissimi. Inoltre ognuno dei dilettanti potrà chiedere al proprio pro di eseguire un qualsiasi colpo per suo conto, per una sola volta durante la gara. Il club dispone di 27 buche nel contesto di un elegante Resort. Grazie alla vicinanza del mare e alla protezione delle colline circostanti il comprensorio gode di un microclima unico, mite e particolarmente favorevole al golf tutto l’anno. Le diciotto buche da campionato sono nate dalla collaborazione fra lo studio Cotton, Pennink & Partners e l’ing. Piero Mancinelli. I green e i bunker hanno ampiezza e taglio di stile americano e il tracciato viene considerato uno dei più tecnici e spettacolari di tutto il Mediterraneo. Ha già ospitato numerose grandi manifestazioni tra le quale quattro Open d’Italia ed un European Volvo Master. Le nove buche del percorso giallo sono state firmate da Franco Piras, referente in Italia della Gary Player Design. La presenza, lungo il campo, di tutte le specie tipiche della flora spontanea della Sardegna e della macchia mediterranea fa del Circolo Golf Is Molas un bellissimo giardino con vista mare. La dirigenza del circolo ha voluto promuovere il torneo nell’intento di facilitare i giovani italiani a misurarsi in un contesto internazionale, ma in un ambiente a loro familiare che li possa aiutare nella crescita sportiva con obiettivo di accedere ai circuiti superiori. La gara, come detto, fa parte dell’Italian Pro Tour, ossia il circuito delle gare nazionali allestite dal Comitato Organizzatore Open Professionistici di Golf della FIG di cui è di cui è Presidente Alessandro Rogato e Direttore Barbara Zonchello. Gli avvenimenti si dipanano durate tutta la stagione: hanno avuto il loro clou con l’Open d’Italia (CG Torino, 19-22 settembre) e si concluderanno con il Campionato Nazionale Open (Royal La Bagnaia, 21-24 novembre) Tutte le notizie relative ai tornei dell’Italian Pro Tour, agli sponsor e ai circoli ospitanti vengono pubblicate sul sito ufficiale del circuito all’indirizzo: www.italianprotour.com