fbpx

The Masters al via con F.Molinari e Migliozzi, torna Woods

  06 Aprile 2022 In primo piano
Condividi su:

Dal 7 al 10 aprile all’Augusta National Golf Club, negli Stati Uniti, andrà in scena il primo Major maschile del 2022. Difenderà il titolo Matsuyama, sarà grande sfida anche per la leadership mondiale

L’undicesima volta di Francesco Molinari, il debutto di Guido Migliozzi, il grande ritorno di Tiger Woods 25 anni dopo il suo primo successo ad Augusta. E ancora: la sfida per la leadership mondiale. Dal 7 al 10 aprile all’Augusta National Golf Club, in Georgia (Usa), l’86esima edizione del The Masters si annuncia come indimenticabile. Saranno 91 i campioni in gara nel primo Major maschile del 2022.

L’Italia punta su Francesco Molinari e Guido Migliozzi – Per la prima volta dal 2014 (Francesco Molinari e Matteo Manassero), l’Italia avrà due azzurri al The Masters. Con Chicco Molinari, ci sarà anche Migliozzi che nel 2021, grazie al quarto posto allo US Open, s’è qualificato per l’ambito torneo.

Molinari, 39enne di Torino, ha conosciuto da vicino per la prima volta il Masters nel 2006, quando ha fatto da caddie al fratello Edoardo. Poi, nel 2010, è arrivata la sua prima apparizione all’Augusta National. Quindi, nel 2019, il piemontese ha sfiorato l’impresa stanziandosi al quinto posto (proprio come Costantino Rocca nel 1997) dopo essere stato a lungo in testa. In quella occasione, a imporsi e a indossare per la quinta volta la “Green Jacket”, fu Woods. Il piemontese giocherà i primi due round della competizione al fianco dell’austriaco Sepp Straka e dell’americano Larry Mize che il 12 aprile del 1987 ad Augusta (dov’è nato e cresciuto) ha vinto in casa il The Masters superando al play-off campionissimi quali Severiano Ballesteros e Greg Norman.

Appuntamento da sogno per Migliozzi. Il 25enne di Vicenza giocherà per la prima volta il Masters dove troverà in campo il suo idolo, Woods. Al terzo torneo Major in carriera (nel 2021 dopo lo US Open ha giocato anche il The Open), il veneto (miglior italiano nel world ranking), che partirà subito dopo Molinari, avrà al suo fianco il sudafricano Garrick Higgo e lo statunitense Fred Couples (ex numero 1 al mondo) che il The Masters lo ha vinto nel 1992.

Il grande ritorno di Tiger Woods – Dal Masters al Masters. Venticinque anni dopo il suo primo exploit all’Augusta National (il 13 aprile del 1997 trionfò per la prima volta in questo evento affermandosi quale più giovane vincitore all’età di 21 anni, 3 mesi e 14 giorni) e a distanza di 14 mesi dal grave incidente d’auto a Los Angeles, che ha rischiato di porre fine alla sua stratosferica carriera, Woods si prepara a rientrare in campo nel torneo che lo ha reso grande. E a chi gli ha domandato se fosse in grado di poter vincere ancora, Tiger ha risposto con un “sì, posso farlo”. Il 15 volte campione Major, dopo l’operazione alla gamba destra, giocherà con delle scarpe più stabili per avere il maggior comfort possibile nella camminata che oggi rappresenta il suo problema principale. Il pubblico (i “patrons”) è in delirio per il ritorno di “The Big Cat” che, in caso di successo, emulerebbe Jack Nicklaus (l’unico ad aver vinto per sei volte il The Masters). Nel novembre 2020, Woods ha giocato la sua ultima gara ufficiale proprio al Masters. Poi, il californiano è stato protagonista, insieme al figlio Charlie, per due volte al PNC Championship (la prima nel dicembre 2020, l’altra nello stesso mese del 2021).

Matsuyama difende il titolo, è sfida anche per la leadership mondiale – Primo giapponese a indossare la “Green Jacket” nel 2021, Hideki Matsuyama (non al meglio per via di un infortunio al collo che lo ha costretto a ritirarsi, la scorsa settimana, dal Valero Texas Open) difenderà il titolo ad Augusta. Il nipponico proverà a diventare il primo giocatore dal 2001-2002 (Tiger Woods) a vincere consecutivamente il The Masters. Protagonista della tradizionale “Cena dei campioni”, Matsuyama dovrà fare i conti con un field di livello assoluto. Che vedrà in campo anche tutti i migliori dieci giocatori al mondo. Dall’americano Scottie Scheffler (numero 1 mondiale, è reduce da tre successi nelle ultime cinque gare sul PGA Tour) allo spagnolo Jon Rahm (secondo), dal californiano Collin Morikawa (terzo) al norvegese Viktor Hovland (quarto). Senza dimenticare gli statunitensi Patrick Cantlay (quinto), Justin Thomas (settimo), Dustin Johnson (ottavo, nel 2020 ha stabilito, con un totale di 268, -20 colpi, il punteggio mai realizzato nella competizione) e Xander Schauffele (decimo e medaglia d’oro ai Giochi di Tokyo), l’australiano Cameron Smith (sesto) e il nordirlandese Rory McIlroy (nono), che proverà ancora una volta a completare il Grande Slam. Mentre saranno sei gli amateur in gara: gli americani Austin Greaser, Stewart Hagestad e James Piot, il giapponese Keita Nakajima (numero 1 del world amateur golf ranking), l’inglese Laird Shepherd e, direttamente dalle Isole Cayman, il 19enne Aaron Jarvis (primo golfista del suo paese a qualificarsi per il Masters). Per la prima volta dal 1994, mancherà invece Phil Mickelson (per lui tre successi al Masters, nel 2004, 2006 e 2010).

Torna il “Par 3 Contest” – Ad anticipare l’86esima edizione del torneo sarà il “Par 3 Contest”, che torna protagonista tre anni dopo l’ultima volta (nel 2020 e nel 2021 fu annullato causa Covid). Uno show che vedrà, come da tradizione, i protagonisti del Masters esibirsi al fianco dei propri cari. Nel 1960, anno della prima edizione, a imporsi fu Sam Snead che riuscì a calare poi il bis nel 1974. Curiosità: nessun campione del Par 3 Contest ha poi vinto, nello stesso anno, il Masters. Non ci sarà Jack Nicklaus, che sarà tra gli “honorary starters” del Masters insieme a Gary Player e a Tom Watson.

Ad Augusta tornerà a pieno regime anche il pubblico (nel 2020 la competizione si giocò a porte chiuse mentre nel 2021 la capienza fu contingentata a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria), già in delirio per il ritorno di Woods. Con il celebre percorso dell’Augusta National (colorato da azalee, magnolie e pini secolari) che, rispetto allo scorso anno, passerà dalla lunghezza di 7.475 a 7.510 yard, con modifiche alle buche 11 e 15, allungate rispettivamente di 15 e 20 yard.

Il The Masters in diretta su Sky – Il The Masters verrà trasmesso in diretta su Sky Sport Arena. Prima e seconda giornata, giovedì 7 e venerdì 8 aprile, dalle ore 21:00 alle ore 1:30. Il terzo round, in programma sabato 9, verrà trasmesso dalle ore 21:00 alle ore 1:00. Il quarto giro, domenica 10, dalle ore 20:00 alle ore 1:00. Telecronache di Alessandro Lupi e Michele Gallerani, commento tecnico di Massimo Scarpa e Roberto Zappa.

Per tutti i giorni di gara la diretta verrà preceduta da “Studio Golf”, condotto da Francesca Piantanida, con la seguente programmazione: giovedì 7, venerdì 8 e sabato 9 aprile, dalle 19:30 alle 19:45 su Sky Sport 24 e in streaming su NOW. Domenica 10, dalle 18:30 alle 18:45 sempre su Sky Sport 24 e in streaming su NOW.

Nella foto, da sinistra a destra, Guido Migliozzi e Francesco Molinari