fbpx

Sergio Melpignano Senior Italian Open: Canonica parte forte, è 4/o

  03 Novembre 2021 In primo piano
Condividi su:

Italian Pro Tour e Legends Tour, al San Domenico Golf (par 72) di Savelletri di Fasano (Brindisi) il piemontese dopo il primo round è ad un solo colpo dalla vetta occupata dallo svedese Haeggman e dagli inglesi Shacklady e Wilson

Al San Domenico Golf (par 72) di Savelletri di Fasano (Brinidisi), il primo round del Sergio Melpignano Senior Italian Open è iniziato con una grande prova di Emanuele Canonica. Il piemontese, con uno score di 68 (-4) avvalorato da sei birdie con due bogey, dopo le prime 18 buche giocate (su un totale di 54) è 4/o ad un solo colpo da un terzetto di leader composto dallo svedese Joakim Haeggman e dagli inglesi David Shacklady e Peter Wilson, in testa con 67 (-5).

“E’ andata bene nonostante il forte vento e sono assolutamente soddisfatto. E’ sempre bello giocare bene in casa, l’emozione s’è fatta sentire e ora spero di continuare in questo modo anche negli ultimi due round”. Queste le dichiarazioni di Canonica.

In Puglia ha regalato subito spettacolo l’ultimo evento dell’Italian Pro Tour 2021 (il circuito di gare nazionali e internazionali della FIG), inserito anche nel calendario del Legends Tour (circuito europeo riservato agli over 50). L’americano Clark Dennis (vincitore nel 2017 e nel 2018) è 5/o con 70 (-2) al pari dell’argentino Ricardo Gonzalez, del sudafricano James Kingston e del britannico Peter Baker. Mentre il gallese Stephen Todd, campione nel 2016 e secondo nell’ordine di merito del Legends Tour 2021, condivide la 9/a posizione con 71 (-1) insieme ad altri sei giocatori. E’ invece 16/o con 72 (par) il britannico Barry Lane, campione in carica (ha fatto suo il torneo nel 2019, la competizione non s’è giocata, causa Covid, nel 2020).

Più indietro gli altri azzurri. Mauro Bianco è 37/o con 75 (+3), mentre Massimo Scarpa è 52/o con 77 (+5) e precede in classifica Michele Reale, 55/o con 78 (+6) davanti a Gianluca Pietrobono, 56/o con 79 (+7), e Costantino Rocca, 58/o con 80 (+8).

Formula e montepremi – ll torneo si disputa sulla distanza di 54 buche, 18 al giorno, senza taglio. Il montepremi è di 300.000 euro, con prima moneta di 45.000. Mentre sabato 6 novembre si giocherà la Pro-Am.

In campo in memoria di Sergio Melpignano – L’evento si gioca in memoria di Sergio Melpignano, fondatore e forza trainante dello sviluppo di San Domenico Hotels e del turismo pugliese. Grazie alla sua intraprendenza visionaria e alla sua determinazione, Melpignano ha vissuto con ispirazione il suo sogno di una vita: portare il golf di alto livello in Puglia.

Il percorso – Dopo esser stato il teatro di gioco del Challenge Tour Grand Final nel 2005 e nel 2012, il San Domenico Golf scrive un’altra pagina importante della sua storia. Il percorso di gara, che si snoda lungo la suggestiva costa adriatica, metterà a dura prova i partecipanti che si sfideranno su fairway con ulivi centenari e scorci dell’antica città di Egnathia e bunker strategicamente progettati.

Gli sponsor – L’Italian Pro Tour ha il supporto di DS Automobiles (Main Sponsor); Fideuram (Official Bank); Allianz, Kappa ed Eureco (Official Supplier); Corriere dello Sport, Tuttosport, Il Giornale (Media Partner). Official advisor: Infront.

Social Partner – Il circuito Italian Pro Tour sostiene Sport Senza Frontiere Onlus che da anni porta avanti un progetto di inclusione sociale attraverso il golf.

Nella foto, Emanuele Canonica