fbpx

RIO 2016: Ariya Jutanugarn a gran ritmo

Jutanugarn Ariya
  17 Agosto 2016 In primo piano
Condividi su:

Giulia Sergas, 51ª con 77 (+6), e Giulia Molinaro, 54ª con 78 (+7), dopo il primo giro del torneo olimpico di golf che si sta svolgendo all’Olympic Golf Course (par 71) nella Reserva de Marapendi a Rio de Janeiro. E’ al comando con 65 (-6) colpi la thailandese Ariya Jutanugarn (nella foto), numero due mondiale e una delle più accreditate candidate al titolo, che ha espresso un gran gioco, così come le coreane Inbee Park e Sei Young Kim che la seguono a un colpo (66, -5). Tre outsiders al quarto posto con 67 (-4), la danese Nicole Broch Larsen, la taiwanese Candie Kung e la spagnola Carlota Ciganda.

Ha tenuto un buon passo la statunitense Lexi Thompson, settima con 68 (-3), e ha recuperato nel finale, dopo una partenza molto difficile la neozelandese Lydia Ko, numero uno del Rolex Ranking e grande favorita, undicesima con 69 (-2) insieme all’australiana Minjee Lee e alla giapponese Haru Nomura. Meno toniche, ma non lontane dalla vetta, la canadese Brooke M. Henderson, numero due al mondo, la cinese Shanshan Feng e l’americana Stacy Lewis, 19.e con 70 (-1).

Ariya Jutanugarn, 21anni a novembre, quattro titoli nel PGA Tour comprensivi di un major tutti conquistati quest’anno, ha iniziato il suo recupero nei riguardi di Inbee Park, che era partita molto prima di lei, con tre birdie, contro un bogey sulla prima metà del campo, poi si è portata a “meno 4” alla 14ª buca infilando nell’ordine due birdie, un doppio bogey e un eagle. A quel punto, con la Park in club house con sul “meno 5”, ha operato il sorpasso con altri due birdie.

Inbee Park, che rientrava dopo un periodo difficile seguito a un infortunio che l’ha tenuta parecchio tempo ferma, e Sei Young Kim, hanno fatto percorso netto entrambe con cinque birdie senza bogey. Partenza ad handicap di Lydia Ko con due bogey di fila, poi il paziente recupero con tre birdie e un eagle, in mezzo un bogey.

E’ stata una giornata difficile per le azzurre, entrambe partite bene con un birdie. Giulia Sergas ha segnato a seguire un doppio bogey, poi è rimasta un colpo sopra par (bogey alla 5ª, birdie alla 6ª) fino alla buca 8 quando è iniziato un black out che ha portato dalla 9ª quattro bogey consecutivi, a cui se n’è aggiunto un altro alla 14ª. Giulia Molinaro è andata in altalena per quattro buche facendo seguire al birdie in avvio due bogey e un birdie, poi ha lasciato un colpo sulla 9ª. Rientro da dimenticare con un birdie, due bogey, un doppio bogey e un pesante “8” alla buca conclusiva, par 5.

Il percorso, sebbene ridotto a 5.711 metri (6.516 metri per gli uomini), si è dimostrato ancora una volta selettivo, anche se non c’è stato molto vento.

Le partenze – Inizio alle 12,30 italiane (7,30 brasiliane). Ore 13,52: Giulia Sergas, Xi Yu Lin (Cin), Noora Tamminen (Fin); ore 14,03: Stacy Lewis, Ariya Jutanugarn, Sei Young Kim (Cor); ore 14,14, Lydia Ko, Anna Nordqvist (Sve), Charley Hull (GB); ore 15,03: Giulia Molinaro, Pornanong Phatlum (Tha), Caroline Masson (Ger); ore 15,58: Gerina Piller (Usa), Azahara Muñoz (Spa), Inbee Park; ore 16,09: Brooke Henderson, Suzann Pettersen, Lexi Thompson.

Il torneo sulla RAI – La gara femminile sarà teletrasmessa dalla Rai: nella seconda e terza giornata dalle ore 12,30 italiane alle ore 21,30 e nella quarta dalle ore 12 alle ore 21. Sul sito di Raisport ci sarà streaming integrale con la telecronaca di Maurizio Losa, mentre sui canali RAI (Rai 2, Raisport 1, Raisport 2) la trasmissione avverrà in alternativa con gli altri avvenimenti della giornata.

 

I RISULTATI