fbpx

Progetto Ryder Cup 2022: proseguono gli incontri accademici alla Bocconi

montali
  24 Aprile 2018 In primo piano
Condividi su:

Golf e università: un legame sempre più forte. Nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022, nei primi mesi del 2018, la FIG è stata protagonista di quattro appuntamenti accademici in prestigiosi atenei per illustrare le iniziative per far crescere il movimento. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, ha incontrato gli studenti del corso “Management delle istituzioni artistiche e culturali” all’Università Bocconi. Per Gian Paolo Montali si è trattato del secondo invito presso l’ateneo milanese dopo l’esposizione ai partecipanti al Fifa Master. Cresce, dunque, l’interesse del mondo accademico verso il Progetto Ryder Cup 2022 sia in ambito italiano che internazionale come dimostrano la visita degli studenti dello York College of Pennsylvania al Marco Simone Golf & Country Club e l’incontro di Gian Paolo Montali con i laureandi della Temple University nella sede romana del prestigioso ateneo internazionale di Philadelphia.

IL GOLF TRA ARTE E CULTURA – Gli studenti del corso in “Management delle istituzioni artistiche e culturali” hanno manifestato grande attenzione nei confronti del lavoro svolto dalla FIG. Gian Paolo Montali ha illustrato i contenuti e gli obiettivi del percorso di crescita del golf italiano verso la sfida Europa-Usa che nel 2022 sarà disputata a Roma presso il Marco Simone Golf & Country Club. Sono stati affrontati temi non strettamente golfistici a testimonianza di un percorso della durata di dodici anni che coinvolgerà l’intera nazione sia attraverso i grandi tornei internazionali, fra i quali spicca l’Open d’Italia, e sia attraverso manifestazioni dal forte valore simbolico per dimostrare che il golf è uno sport che sa valorizzare le bellezze artistiche e paesaggistiche, patrimonio della cultura italiana.

ROAD TO ROME 2022 – La marcia di avvicinamento verso la sfida Europa-Usa, iniziata nel 2017 con cinque tappe itineranti, proseguirà anche nel 2018 con cinque eventi che renderanno il trofeo della Ryder Cup un’icona sempre più popolare. Appuntamenti in luoghi iconici dell’Italia attraverso i quali la FIG vuole ribadire il carattere inclusivo del golf mostrando l’accessibilità a questa disciplina da parte di tutte le persone.

I tee shot alla Valle dei Templi ad Agrigento e sul Monte Bianco hanno unito idealmente il Paese da Sud a Nord portando avanti un messaggio di coesione e coinvolgimento di tutta la nazione in vista della Ryder Cup. Gli Open Days dei circoli del Lazio sono stati un momento significativo per mostrare il carattere aggregativo e salutare di uno sport come il golf che può essere praticato all’interno di contesti ambientali rigeneranti oltre che ecosostenibili. Nella Road to Rome 2022 ci sono state anche manifestazioni dal forte impatto emozionale organizzate nel cuore delle città come avvenuto a Monza e a Piazzale Michelangelo a Firenze. Il Progetto Ryder Cup 2022 ha fra i suoi obiettivi principali la conferma del legame indissolubile del golf con l’ambiente e lo sviluppo di una disciplina trasversale. Ne danno prova il “50 Ryder Compact BioGolf” e “Golf4Autism”, esempi concreti dell’impegno della FIG per valorizzare il Progetto Ryder Cup 2022 non solo da un punto di vista sportivo, ma anche sociale.