fbpx

Masters: Jon Rahm, titolo e leadership mondiale

  10 Aprile 2023 In primo piano
Condividi su:

Sul percorso dell’Augusta National lo spagnolo ha superato nel giro finale Brooks Koepka, in vetta per tre round, raggiunto al secondo posto da Phil Mickelson. Ritirato Tiger Woods e out al taglio Francesco Molinari

Jon Rahm ha vinto l’87ª edizione del Masters Tournament ed è tornato numero 1 al mondo. Sul percorso dell’Augusta National (par 72), ad Augusta in Georgia (USA), lo spagnolo ha firmato con 276 (65 69 73 69, -12) colpi il suo secondo Major superando nella giornata finale Brooks Koepka, che per tre round aveva condotto i giochi, e Phil Mickelson, entrambi ora sulla Superlega araba, secondi con 280 (-8). Al quarto posto con 281 (-7) Jordan Spieth, Patrick Reed e Russell Henley e solo al decimo con 284 (-4) Scottie Scheffler, campione uscente costretto a scendere dal trono mondiale.

Rahm, 28enne basco di Barrika, ha trionfato nel giorno in cui Severiano Ballesteros avrebbe compiuto 66 anni, divenendo il quarto iberico a imporsi nel Masters Tournament, preceduto dal grande campione scomparso (due vittorie 1980, 1983), da Josè Maria Olazabal (due titoli 1994, 1999) e da Sergio Garcia (2017). E’ il 18° giocatore a fare l’accoppiata Masters-US Open, tra i quali c’è anche lo stesso Ballesteros. Ha portato a undici i successi sul PGA Tour, comprensivi dei due Major e, al netto di questi, ne vanta anche otto sul DP World Tour. Ha siglato il quarto titolo nel 2023, ma da ottobre scorso ne ha collezionati sei, compresi due sul tour continentale. Oltre alla leadership mondiale, ora è anche il primo nella graduatoria della FedEx Cup.

Il vincitore aveva quattro colpi di ritardo da Koepka dopo la sospensione per maltempo del terzo giro in cui entrambi avevano giocato solo sei buche. Ne ha annullati due sulle 12 buche rimanenti, ha agganciato lo statunitense alla quarta del turno conclusivo (un suo birdie contro un bogey del rivale), poi ha operato il sorpasso alla sesta per il secondo errore di Koepka che sostanzialmente ha alzato bandiera bianca quando i bogey sono diventati quattro alla 12ª. Ha chiuso con un 75 (+3, tre birdie, sei bogey). Rahm non ha avuto tentennamenti e non è stato mai a rischio (69, -3 colpi con quattro birdie e un bogey). Per lui un assegno di 3.240.000 dollari su un montepremi di 18 milioni di dollari.

Le dichiarazioni – “Sto vivendo un momento unico – ha detto al termine il Masters Champions – e so che Ballesteros mi ha spinto da lassù. Sono rimasto sempre fiducioso, anche quando sono stato costretto a inseguire, perché il mio gioco era ottimale in ogni parte del campo. E soprattutto ho mantenuto molto alta la concentrazione, specie nella parte finale quando il vantaggio era rassicurante”.

Rahm, detto Rahmbo, ha trovato ad attenderlo all’uscita dalla buca 18 la moglie Kelley Cahill, ex lanciatrice di giavellotto con la quale è sposato dal 2019, e i figli Kepa e Eneko, che ha abbracciato commosso. Con loro Josè Maria Olazabal che gli ha detto: “Sei stato enorme e questo è solo il primo di tanti Masters. Continua a divertirti”.

Prodezze di Mickelson – Protagonista del giro finale anche Phil Mickelson, 52enne di San Diego (California), 45 titoli sul PGA Tour con sei Major. Con un 65 (-7), miglior score di giornata con un otto birdie (cinque nelle ultime sette buche) e un bogey, ha rimontato dalla 22ª piazza tra l’entusiasmo degli spettatori.

In classifica al settimo posto con 282 (-6) Cameron Young e Viktor Hovland, al nono con 283 (-5) Sahith Theegala e, insieme a Scheffler, Matt Fitzpatrick, Xander Schauffele e Collin Morikawa. Note di merito per il dilettante Sam Bennett, vincitore dell’US Amateur 2022, 16° con 286 (-2) dopo essere stato anche al terzo posto.

Record e ritiro di Woods – Pioggia, vento e sospensioni. Troppo per il fisico provato da incidenti e interventi di chirurgici di Tiger Woods, che dopo aver giocato sette buche nel terzo round prima dello stop, ha poi deciso per il ritiro. Non senza, però, aver lasciato in qualche modo il segno. Infatti nel secondo giro, disputato in due frazioni, con grande grinta e determinazione e sia pure con l’ultimo punteggio utile (49° con 147, +3) ha superato il taglio per la 23ª volta di fila eguagliando la striscia di Gary Player (1959-1982) e di Fred Couples (1983-2007).

Molinari out – Il 12° Masters Tournament di Francesco Molinari è durato 36 buche. Un primo giro nel 72 del par poi un secondo in 76 (+4) iniziato con un doppio bogey e proseguito con tre bogey e un solo birdie per il 55° posto con 148 (+4). Dopo la splendida prestazione del 2019 quando terminò quinto, miglior prestazione italiana condivisa con Costantino Rocca, quinto nel 1997 (in entrambe le occasioni vinse Tiger Woods), non ha avuto più un buon rapporto con il torneo. E’ il terzo taglio subito nelle ultime quattro presenze. E’ uscito a metà gara anche Rory McIlroy che ancora una volta ha dovuto rinunciare all’idea di completare il “Grande Slam” con l’unico Major che manca nel suo palmarès.

Par 3 Contest tradizione confermata – Nelle 61 edizioni del Par 3 Contest, l’evento-spettacolo che apre la gara, il vincitore non è mai riuscito ad indossare la “Green Jacket” quattro giorni dopo. E’ accaduto anche a Tom Hoge, che ha avuto la meglio con l’aiuto di una delle cinque “hole in one” realizzate nell’occasione e che hanno portato il totale a 99. E’ uscito al taglio con lo stesso score di Molinari, ma il 33enne di Statesville (North Carolina), un successo sul PGA Tour, potrà comunque ancora sperare nel futuro, perché alcuni past winner sono riusciti a imporsi in anni diversi.

Nella foto: Jon Rahm (Credit The Masters)

 

 

 

La Federazione sui Social

 Instagram

[instagram-feed]

 Youtube