fbpx

LPGA: Henderson “hole in one” e primato

Brooke Henderson
  10 Giugno 2016 In primo piano
Condividi su:

Leadership con “buca in uno” per la canadese Brooke M. Henderson, una delle giovani emergenti del LPGA Tour e già numero quattro mondiale, in vetta con 67 (-4) colpi nel KPMG Women’s Championship, il secondo dei cinque major stagionali femminili in svolgimento sul percorso del Sahalee Country Club (par 71), a Sammamish nello stato di Washington. Hanno avuto un avvio piuttosto difficile le due azzurre in gara, Giulia Molinaro, 101ª con 77 (+6), e Giulia Sergas, 148ª con 83 (+12).

La Henderson precede la rivitalizzata Christina Kim e la coreana In-Kyung Kim, seconde con 69 (-2), e un sestetto al quarto posto con 70 (-1) formato da Tiffany Joh, dalla sudafricana Ashleigh Simon, dalla norvegese Suzann Pettersen, dalla coreana Hee Young Park, dall’australiana Minjee Lee e dalla thailandese Ariya Jutanugarn, dal proscenio nelle ultime tre gare, tutte vinte, ed entrata tra le top ten del Rolex Ranking (10ª).

Le giocatrici citate sono state le uniche nove a scendere sotto par sul selettivo percorso dove hanno trovato modo di non perdere molto terreno Lydia Ko, numero uno mondiale, decima con 71 (par), e la coreana Inbee Park, 20ª con 72 (+1), numero due, da tre anni di fila vincitrice del torneo, ma al momento penalizzata da un infortunio al polso non ancora pienamente smaltito.

Dovranno cambiare marcia per proporre la loro candidatura al titolo la svedese Anna Nordqvist e Stacy Lewis, 37.e con 73 (+2), la giapponese Haru Nomura e l’australiana Karrie Webb, 49.e con 74 (+3), Lexi Thompson, numero tre della classifica mondiale, e la coreana Sei Young Kim, numero cinque, 63.e con 75 (+4). Avranno addirittura da pensare ad evitare il taglio la cinese Shanshan Feng, 83ª con 76 (+5), la connazionale Xi Yu Lin, stesso score della Molinaro, Michelle Wie, 114ª con 78 (+7), e la coreana Na Yeon Choi, 121ª con 79 (+8).

Brooke MacKenzie Henderson (nella foto), questo il nome completo della 19enne di Smiths Fall, nell’Ontario, ha realizzato la “hole in one” mandando la palla direttamente a bersaglio alla buca 13 (par 3, yards 152) utilizzando un ferro 7. Ha poi completato 67 con cinque birdie e tre bogey. Nel suo palmares figurano un successo nel LPGA Tour (Portland Classic, 2015) e uno nel Symetra Tour (Four Winds Invitational, 2015). Per Giulia Molinaro un solo birdie insieme a tre bogey e a due doppi bogey. Per Giulia Sergas sei bogey e tre doppi bogey, senza birdie. Il montepremi è di 3.500.000 dollari, il più alto del LPGA Tour dopo quello di 4,5 milioni di dollari dell’US Womens Open, il terzo major dell’anno (7-10 luglio, San Martin, California).

 

I RISULTATI