fbpx

Let Q-School: finale in Spagna con cinque italiane

  15 Dicembre 2022 In primo piano
Condividi su:

Il torneo si svolgerà dal 17 al 21 dicembre sui due percorsi del La Manga Golf, a Murcia, sulla distanza di 90 buche, Al termine saranno assegnate le ‘carte’ per il Ladies European Tour 2023. In campo Colombotto Rosso, Molinaro, Manzalini, Fanali e Berselli

A Murcia, in Spagna, nella Final Qualifier Let Q-School si assegnano le ‘carte’ per il Ladies European Tour 2023. Dal 17 al 21 dicembre saranno in gara cinque italiane: Lucrezia Colombotto Rosso, ammessa di diritto, Giulia Molinaro, Clara Manzalini, Alessandra Fanali e Sara Berselli, che hanno superato la prequalifica disputata sugli stessi percorsi del La Manga Club in cui avrà luogo la finale, il North Course (par 71) e il South Course (par 73).

Il torneo, al quale prendono parte 146 giocatrici in rappresentanza di 31 nazioni, si disputa sulla distanza di 90 buche. Nelle prime 72 le concorrenti si alterneranno sui due tracciati, poi le prime 60 classificate e le pari merito al 60° posto effettueranno il quinto round sul South Course.

Al termine della gara saranno assegnate “carte” di diverse categorie e con varie possibilità di gioco. Alle prime 20 in graduatoria spetterà la categoria 12 (tempo pieno), alle classificate dal 21° al 50° posto la categoria 16 e alle altre la categoria 19.

Nel field tante giocatrici emergenti e alcune che hanno avuto in passato qualche buon momento tra le quali ricordiamo l’austriaca Emma Spitz e la thailandese Benyapa Niphatsophon, che si sono imposte ex aequo nella prequalifica, la gallese Amy Boulden, a segno nella Q-School 2020, le francesi Celine Herbin e Lucie Andrè, le spagnole Fatima Fernandez Cano e Noemi Jimenez Martin, la ceca Tereza Melecka, la tedesca Karolin Lampert, la marocchina Maha Haddioui, l’indiana Tvesa Malik e la messicana Alejandra Llaneza, con trascorsi su Epson Tour e LPGA Tour.

Tra le past winner della Q-School, oltre alla Boulden, le svedesi Anna Nordqvist (2008) e Caroline Hedwall (2010), la tedesca Caroline Masson (2009) e l’inglese Jodi Ewart-Shadoff (2011).

I due percorsi – Il North Course, progettato da Robert Dean Putman nel 1971, si snoda tra palme e laghetti ed è sicuramente più abbordabile del South Course, considerato uno dei migliori campi di Spagna. Disegnato anche questo da Putman nel 1971, è stato poi ristrutturato nel 2005 da Arnold Palmer, una leggenda del golf.

Nella foto: Lucrezia Colombotto Rosso