fbpx

Esbjerg Challenge: in Danimarca domina Gouveia, Scalise 25/o

Scalise Lorenzo 1 2020 GI
  14 Agosto 2021 In primo piano
Condividi su:

Il portoghese trova il successo davanti a Dodge Kemmer, Jesper Kennegard e Niklas Regner e ipoteca la possibilità di passare a giocare sull’European Tour dalla prossima stagione

Sul percorso dell’Esbjerg Golfklub (Par 71), ad Esbjerg, in Danimarca, Ricardo Gouveia vince il Made in Esbjerg Challenge con il punteggio di 276 (69 71 69 67, -8) colpi davanti allo statunitense Dodge Kemmer, allo svedese Jesper Kennegard e all’austriaco Niklas Regner, tutti appaiati al secondo posto con uno score di 279 (-5). Per il portoghese si tratta del quinto successo in carriera sul Challenge Tour e il secondo stagionale dopo l’exploit all’Italian Challenge. Gouveia strappa così un assegno da 32.000 euro su un montepremi complessivo di 200.000 euro e si iscrive all’albo d’oro del Made in Esbjerg Challenge dopo lo scozzese Calum Hill, vincitore nel 2019 (nel 2020 l’evento fu annullato per Covid). Non solo, il portoghese sale al secondo posto nella classifica della Road to Mallorca alle spalle dello spagnolo Santiago Tarrio e ipoteca il diritto di giocare il prossimo anno sull’European Tour.

“Sono veramente contento – ha detto Gouveia al termine del torneo -, sarà splendido tornare a giocare sull’Eurotour. Sento come se fosse il posto a cui appartengo, sono stati anni difficili e senza l’aiuto del mio team e della mia famiglia non ce l’avrei mai fatta a raggiungere questo traguardo”.

Sei gli italiani in gara, ma solo Lorenzo Scalise è riuscito a superare il taglio dopo i primi due giri. Il classe 1995 si piazza al 25/o posto grazie al punteggio di 284 (69 71 70 74, Par). 89/a piazza per Enrico Di Nitto con 145 (75 70, +3), Filippo Bergamaschi è 102/o con uno score di 146 (73 73, +4), Matteo Manassero si classifica 130/o con 149 (77 72, +7). Edoardo Raffaele Lipparelli non va oltre il 152/o posto con un punteggio di 159 (78 81, +17), mentre Federico Maccario è 153/o con 163 (84 79, +21).

Nella foto, Lorenzo Scalise