fbpx

Challenge Tour: Jonsson Workwear Open, quattro azzurri in Sudafrica

  23 Febbraio 2022 In primo piano
Condividi su:

A Durban occasione di riscatto per Lorenzo Scalise, Aron Zemmer, Jacopo Vecchi Fossa e Philip Geerts

Il Sudafrica è pronto ad ospitare un nuovo appuntamento del Challenge Tour. Dal 24 al 27 febbraio andrà in scena il Jonsson Workwear Open, terzo di sette tornei organizzati in combinata con il Sunshine Tour. Si giocherà a Durban, sui percorsi del Durban Country Club e del Mount Edgecombe Country Club. In palio un montepremi complessivo di 250.000 dollari.
Saranno quattro gli italiani in gara: Lorenzo Scalise, Aron Zemmer, Jacopo Vecchi Fossa e Philip Geerts. Tutti gli azzurri scenderanno in campo con spirito di rivalsa. Scalise, Zemmer e Vecchi Fossa, infatti, non hanno superato il taglio nel Bain’s Whisky Cape Town la scorsa settimana. Geerts, invece, si è arreso per un solo colpo in prequalifica.

Oltre a JC Ritchie e Alexander Knappe, vincitori dei primi due appuntamenti del Challenge Tour 2022, puntano a un risultato di prestigio anche il neozelandese Daniel Hillier (terzo al Dimension Data Pro-Am), lo spagnolo Angel Hidalgo, il belga Kristof Ulenaers e i sudafricani Haydn Porteous e Bryce Easton. A questi si aggiungono gli inglesi Alfie Plant e Ross McGowan (vincitore, nel 2020, dell’Open d’Italia).

Il Jonsson Workwear Open vedrà in sfida i partecipanti su due differenti impianti di Durban. Il Durban Country Club ha già ospitato 16 volte il South African Open, con la memorabile edizione del 1956 conquistata da Gary Player, il primo dei suoi 13 successi da record in quella manifestazione. Oltre a suggestivi scorci dell’Oceano Indiano, il percorso si apre anche verso lo stadio Moses Mabhida, una delle sedi di gioco dei Campionati del mondo di calcio nel 2010. Il Mount Edgecombe Country Club dispone di due percorsi: Woods e Lakes. Nel 2013 è stato il teatro di gara del Nelson Mandela Championship, con Dawie van der Walt autore di una toccante vittoria in patria, proprio il giorno precedente al funerale di Mandela.

Nella foto Jacopo Vecchi Fossa