Alps Tour, in Puglia vince Margolis. Manassero ancora secondo

  30 Marzo 2021 In primo piano
Condividi su:

A Vernole (Lecce) nel MIRA Live the Soul Open trionfa l’amateur francese in volata ma l’atleta veneto è ora al comando dell’ordine di merito del terzo circuito europeo. Brilla ancora De Leo, 3/o

A Vernole (Lecce) l’amateur francese Paul Margolis con un totale di 201 (67 68 66, -12) colpi ha vinto in volata il MIRA Live the Soul Open (Alps Tour). Secondo posto consecutivo per Matteo Manassero che con 202 (68 65 69 -11), sempre all’Acaya GC (par 71), s’è piazzato alle spalle del transalpino e davanti all’amateur piemontese Gregorio De Leo, 3/o con 205 (66 72 67, -8), che ha chiuso così un periodo d’oro nel circolo del Salento cominciato con la vittoria agli Internazionali d’Italia Maschili. Con questo risultato però Manassero con un totale di 8.088.75 punti è il nuovo leader dell’ordine di merito del terzo circuito europeo maschile.

Alps Tour, Manassero secondo e nuovo leader dell’ordine di merito – Ha chiuso il primo giro al 13/o posto salvo poi, nel secondo, firmare il miglior score (66, -5) di giornata (insieme ad Enrico Di Nitto) che gli è valso la leadership solitaria del torneo proprio come accaduto giovedì scorso nel MIRA Golf Experience Acaya Open. Dunque ha cominciato il terzo round alla grande con due birdie nelle prime tre buche (4 quelli realizzati nelle prime 9 con un bogey) salvo arrestare la sua marcia con due bogey consecutivi alla 14 e alla 15 prima di un birdie alla 16 e di un altro bogey alla 17. E alla 18 (la 54/a e ultima buca della competizione, par 4), lì dove nel primo come nel secondo giro aveva realizzato un birdie, il 27enne di Negrar (Verona) non è andato oltre il par. Ancora una volta per un colpo il golfista veneto ha visto svanire la vittoria. Ma grazie alla costanza mostrata nelle prime due gare del 2021 Manassero è ora al primo posto della money list e a Vernole ha incassato anche un assegno di 5.075 euro come prima moneta (per gli amateur non è prevista una gratificazione economica) a fronte di un montepremi complessivo di 35.000.

De Leo da sorpresa ad habitué – Sul percorso dell’Acaya GC ha vinto i Campionati Internazionali d’Italia Maschili e poi s’è piazzato 7/o nel MIRA Golf Experience Acaya Open. In Puglia De Leo ha confermato il feeling con questo percorso stanziandosi stavolta al terzo posto. Ancora progressi per il piemontese che già nel 2020 ha ottenuto due piazzamenti tra i primi dieci (sesto al Cervino Open e settimo al Campionato Nazionale Open) tra i professionisti.

Rivincita Margolis dopo la beffa ai Campionati Internazionali di Spagna contro Fallotico – Il 7 marzo scorso a Terrassa (Barcellona) il 22enne Margolis è stato battuto in finale (1 up) dall’azzurro Nicolas Fallotico nello Spanish International Amateur Championship “Copa S. M. El Rey”. Ora il francese s’è preso la rivincita contro gli azzurri imponendosi tra i professionisti.

Quattro azzurri nella Top 10 – Non solo Manassero e De Leo. Sono infatti quattro gli azzurri che hanno ottenuto la Top 10 al MIRA Live the Soul Open. Il veterano Alessandro Tadini con 207 (-6) ha chiuso la competizione al 5/o posto. Mentre l’amateur Riccardo Bregoli s’è classificato 10/o con 209 (-4). Tredicesima piazza (210, -3) per Edoardo Raffaele Lipparelli (vincitore dell’ordine di merito dell’Alps Tour nel 2019), Cristiano Terragni (leader dopo il primo giro) ed Enrico Di Nitto. Diciottesima (211, -2) per Filippo Bergamaschi.