fbpx

Evian Masters: Lewis tiene 48ª Sergas, out la Luna

  27 Luglio 2012 News
Condividi su:

Giulia Sergas, 48ª con 143 (71 72, -1) colpi, è rimasta in gara nell’Evian Masters, il prestigioso torneo che si svolge sul tracciato dell’Evian Masters GC (par 72) a Evian-Les-Bains in Francia, mentre non ha superato il taglio Diana Luna, 103ª con 152 (76 76, +8). Ha mantenuto il comando con 132 (63 69, -12) la statunitense Stacy Lewis, numero tre mondiale, ma il suo vantaggio sulla prima inseguitrice, la coreana Il Hee Lee (133, – 11), si è assottigliato a un solo colpo. In rimonta l’altra americana Paula Creamer, terza con 135 (-9) insieme alla coreana Inbee Park, quindi al quinto posto con 136 (-8) la giapponese Mika Miyazato, e al sesto con 137 (-7)  la spagnola Beatriz Recari e altre due coreane, Hee Young Park e Hyo-Joo Kim, quest’ultima dilettante.

 

Oltre alla Lewis e alla Creamer, delle altre favorite hanno buona classifica l’iberica Azahara Muñoz e la coreana Jiyai Shin, none con 138 (-6), l’australiana Karrie Webb e la svedese Anna Nordqvist, 14.e con 139 (-5), Brittany Lincicome, Cristie Kerr, la cinese Shanshan Feng e la norvegese Suzann Pettersen, 18.e con 140 (-9). In questo gruppetto si trova anche Cheyenne Woods, figlia del fratellastro di Tiger Woods, ammessa alla gara con un invito. Qualche incertezza per la nipponica Ai Miyazato, campionessa uscente, 28ª con 141 (-3), e torneo finito per la taiwanese Yani Tseng, leader del Rolex ranking, 76ª con 147 (+3) e fuori per un colpo. La Lewis, 27 anni e tre titoli nel LPGA comprensivi di un major, dopo il 63 (-9, con nove birdie) del primo giro ha realizzato un parziale di 69 (-3) colpi con un eagle, tre birdie e due bogey. Nel 72 (par) della Sergas due birdie e due bogey; nel secondo 76 (+4) della Luna tre birdie, tre bogey e due doppi bogey.

 

La prima edizione dell’Evian Masters si è svolta nel 1994 con la partecipazione di 78 concorrenti, passate a 90 nel 2007 e a 111 nel 2010. Dal prossimo anno il torneo diventerà un major con il nome di The Evian Championship. Per l’occasione il campo subirà delle varianti: i green verranno ampliati e alcune caratteristiche cambieranno per renderlo più consono a tale tipo di gara. Il montepremi di 3.250.000 dollari (E 2.496.170) è il più altro a livello mondiale per un torneo femminile alla pari con quello dell’US Womens Open.   I risultati