fbpx

Eurotour: nel Lyoness Open brilla Joost Luiten piace Lorenzo Gagli (10°)

  07 Giugno 2013 News
Condividi su:

Lorenzo Gagli (nella foto) ha colto un gratificante decimo posto con 279 colpi (72 67 68 72, -9) nel Lyoness Open (European Tour), svoltosi sul tracciato del Diamond CC (par 72) ad Atzenbrugg in Austria. Ha ottenuto il secondo titolo nel circuito Joost Luiten (271 – 65 68 67 71, -17), 27enne olandese di Bleiswijk che nel 2011 si era imposto nell’Iskandar Open. Partito per il giro finale con tre colpi di vantaggio, Luiten ha mantenuto sempre a distanza gli avversari superando il danese Thomas Bjorn, secondo con 273 (-15), il cinese Wen-chong Liang e il francese Romain Wattel, terzi con 274 (-14), l’inglese Paul Waring e lo spagnolo Jorge Campillo, quinti con 275 (-13), e l’altro iberico Eduardo De la Riva, settimo con 276 (-12). Gagli ha concluso alla pari con l’indiano Shiv Kapur, con il transalpino Alexander Levy e con l’inglese Graeme Storm. Sono usciti al taglio Alessandro Tadini, 102° con 148 (79 69, +4), e Matteo Delpodio, 111° con 149 (76 73, +5), e con loro giocatori dai quali si attendeva di più: l’inglese Robert Rock, 72° con 145 (+1), lo spagnolo Pablo Larrazabal e il sudafricano Jbe Kruger, 92.i con 147 (+3), e il danese Soren Kjeldsen, 102° come Tadini. Luiten, come detto avanti di tre colpi su Campillo e De la Riva, ha iniziato un po’ contratto con un bogey, ma si è rapidamente ripreso con due birdie. I due rivali, invece, si sono allontanati: Campillo, dopo aver accorciato le distanze con un birdie, ho trovato due bogey e ha perso ritmo, mentre De la Riva è finito subito fuori gioco con tre bogey. Per Luiten 71 colpi (-1), con tre birdie e due bogey, e un assegno di 166.660 su un montepremi di un milione di euro. Gagli, ottavo dopo tre turni al termine di una rimonta iniziata dal 66° posto, ha avuto un cammino molto articolato che poi alla fine si è concluso con il 72 del par. E’ partito con un birdie, ha perso tre colpi con un doppio bogey e un bogey, ha rimediato immediatamente con un eagle e un birdie tornando in par al giro di boa con un bogey. Nelle seconde nove buche un birdie alla 15, un stop di circa un’ora per maltempo, e  un bogey alla 17 alla ripresa del gioco. Il fiorentino, che veniva da cinque tagli consecutivi, ha raccolto per la seconda volta in stagione un piazzamento tra i top ten, dopo il nono posto nel Jobyurg Open a febbraio. Terzo giro – Lorenzo Gagli ha continuato la sua risalita passando dal 17° all’ottavo posto con 207 colpi (72 67 68, -9), grazie a un parziale di 68 (-4), nel Lyoness Open (European Tour), in svolgimento sul tracciato del Diamond CC (par 72) ad Atzenbrugg in Austria. Ha allungato decisamente il passo l’olandese Joost Luiten (200 – 65 68 67, -16), 27enne di Bleiswijk con un titolo nel circuito (Iskandar Open, 2011), che ha girato in 67 (-5) e ha portato il suo vantaggio a tre colpi sugli spagnoli Jorge Campillo ed Eduardo de la Riva (203, -13). In quarta posizione con 205 (-11) il danese Thomas Bjorn e il francese Romain Wattel e in sesta con 206 (-10)  l’inglese Paul Waring e l’iberico Miguel Angel Jimenez. Affianca Gagli il sudafricano Hennie Otto, vincitore di un Open d’Italia (2008), e sono poco oltre il cinese Wen-chong Liang e l’inglese Tom Lewis, decimi con 208 (-8). Al 29° posto con 211 (-5) due austriaci, Bernd Wiesberger e il forte dilettante Matthias Schwab, al 44° con 213 (-3) il francese Thomas Levet. Sono usciti al taglio Alessandro Tadini, 102° con 148 (79 69, +4), e Matteo Delpodio, 111° con 149 (76 73, +5), e con loro giocatori dai quali si attendeva di più: l’inglese Robert Rock, 72° con 145 (+1), lo spagnolo Pablo Larrazabal e il sudafricano Jbe Kruger, 92.i con 147 (+3), e il danese Soren Kjeldsen, 102° come Tadini. Luiten è partito male con due bogey in cinque buche, poi ha innestato il turbo e nelle successive tredici ha segnato sette birdie; Gagli dopo quattro birdie nelle prime 10 ha concluso le altre con un bogey e un birdie. Il montepremi è di un milione di euro dei quali 158.500 gratificheranno il vincitore.

Secondo giro – Lorenzo Gagli ha effettuato un bel giro in 67 (-5) colpi ed è balzato dal 66° al 17° posto con 139 (72 67, -5) colpi nel Lyoness Open (European Tour), in svolgimento sul tracciato del Diamond CC (par 72) ad Atzenbrugg in Austria. Non hanno superato il taglio Alessandro Tadini, 102° con 148 (79 69, +4), malgrado un tentativo di recupero con un parziale di 69 (-3), e Matteo Delpodio, 111° con 149 (76 73, +5).

E’ passato a condurre con 133 (65 68, -11) l’olandese Joost Luiten, 27enne di Bleiswijk con un titolo nel circuito (Iskandar Open, 2011), che precede di misura l’inglese Paul Waring, lo spagnolo Eduardo de la Riva e lo scozzese Callum MacAulay (134, -10). Al quinto posto con 136 (-8) il sudafricano Hennie Otto, vincitore di un Open d’Italia (2008), e il francese Romain Wattel, al settimo con 137 (-7) l’inglese Tom Lewis, leader dopo un giro e penalizzato da un 74 (+2), insieme all’iberico Miguel Angel Jimenez. Hanno lo stesso score di Gagli anche il cinese Wen-chong Liang e l’austriaco Bernd Wiesberger ed è rimasto in gara il transalpino Thomas Levet, 55° con 143 (-1). Sono usciti giocatori dai quali si attendeva di più: l’inglese Robert Rock, 72° con 145 (+1), lo spagnolo Pablo Larrazabal e il sudafricano Jbe Kruger, 92.i con 147 (+3), e il danese Soren Kjeldsen, 102° come Tadini. Luiten ha girato in 68 (-4) con sei birdie e due bogey e Gagli ha messo a segno sei birdie contro un solo bogey. Per Tadini quattro birdie e un bogey e per Delpodio un eagle, un birdie e quattro bogey (73, +1). Il montepremi è di un milione di euro dei quali 158.500 gratificheranno il vincitore. Primo giro – Partenza con qualche problema per i tre italiani impegnai nel Lyoness Open (European Tour), che si sta svolgendo sul tracciato del Diamond CC ad Atzenbrugg in Austria. Infatti Lorenzo Gagli  è al 66° posto con 72 (par), Matteo Delpodio al 118° con 76 (+4) e Alessandro Tadini al 141° con 79 (+7). Gran giro di Tom Lewis, 22enne di Welwyn Garden City, un titolo nel circuito datato 2011 (Portugal Masters) e grande speranza inglese, che ha letteralmente aggredito il tracciato segnando birdie sulla metà delle buche per un eccellente 63 (-9). Precede di due colpi l’olandese Joost Luiten (65, -7) e di tre il francese Alexander Levy e gli inglesi Graeme Strom, Richard McEvoy e Simon Dyson. Hanno tenuto un buon ritmo lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, il cinese Wen-chong Liang e il forte dilettante austriaco Matthias Schwab, settimi con 67 (-5) insieme agli inglesi Andy Sullivan e Paul Waring, mentre l’altro austriaco molto seguito dagli appassionati di casa, Bernd Wiesberger è 12° con 68 (-4) e il danese Soren Kjeldsen 45° con 71 (-1). Non hanno brillato l’iberico Pablo Larrazabal e l’inglese Robert Rock, che hanno lo stesso score di Gagli, il transalpino Thomas Levet e il sudafricano Jbe Kruger, 88.i con 73 (+1). Gagli ha messo insieme due birdie e due bogey, Delpodio ha segnato due birdie e sei bogey e Tadini due birdie, tre bogey e due tripli bogey. Il montepremi è di un milione di euro dei quali 158.500 gratificheranno il vincitore. Prologo – Lorenzo Gagli, Alessandro Tadini e Matteo Delpodio saranno in campo nel Lyoness Open (6-9 giugno), torneo dell’European Tour che si svolge sul tracciato del Diamond CC ad Atzenbrugg in Austria. Il field, naturalmente, risente dell’assenza dei più forti giocatori continentali che la prossima settimana saranno impegnati nell’US Open (Merion GC, Ardmore, Pennsylvania,13-16 giugno), secondo major stagionale, tuttavia vi sono numerosi concorrenti in grado di garantire qualità. Citiamo gli spagnoli Miguel Angel Jimenez e Pablo Larrazabal, l’austriaco Bernd Wiesberger, il sudafricano Jbe Kruger, gli inglesi Robert Rock, Simon Dyson e Tom Lewis, il danese Soren Kjeldsen, il francese Thomas Levet e l’australiano Richard Green. Il montepremi è di un milione di euro dei quali 158.500 gratificheranno il vincitore.   I risultati