fbpx

Eurotour: nel Joburg Open primo titolo per George Coetzee E. Molinari e Gagli al 37° posto

  09 Febbraio 2014 News
Condividi su:

Il sudafricano George Coetzee ha ottenuto il primo titolo nell’European Tour imponendosi con 268 colpi (65 68 69 66, -19) nel Joburg Open, torneo dell’European Tour disputato sui due percorsi del Royal Johannesburg & Kensington GC (East Couse, par 72, e West Course par 71, con i due giri finali sul primo), a Johannesburg in Sudafrica, al quale hanno preso parte ben 210 concorrenti. Si sono classificati al 37° posto con 279 (-8) Edoardo Molinari (64 68 72 75) e Lorenzo Gagli (68 71 68 72) e al 74° con 288 (+1) Francesco Laporta (69 70 75 74). Non hanno superato il taglio Andrea Pavan, 140° con 144 (72 72,+1), e Marco Crespi, 161° con 146 (70 76, +3). Coetzee, 28enne di Pretoria, è letteralmente volato nel turno conclusivo con un 66 (-6 con sei birdie, senza errori) e ha rimontato dalla quinta posizione, recuperando al connazionale Justin Walters i quattro che gli rendeva e relegandolo al secondo posto con tre di ritardo (271, -16) occupato insieme all’inglese Tyrrell Hatton e al coreano Jin Jeong. Al quinto con 272 (-15) gli inglesi Andy Sullivan e Matthew Baldwin, lo spagnolo Alvaro Quiros e il sudafricano Thomas Aiken, in vetta con Walters dopo tre turni. Molto deludente il sudafricano Charl Schwartzel, 59° con 283 (-4) e costantemente in retrovia. Edoardo Molinari, che da tre anni è testimonial del GC Asiago, è stato leader nei primi due giri, poi il suo rendimento è calato e dal parziale di “meno 11” sulle prime 36 buche è passato al “+3” delle seconde 36. Ha finito con un 75 (+3) dovuto a quattro birdie, cinque bogey e a un doppio bogey. Il debutto di Gagli nel 2014 e sul circuito dove potrà affacciarsi poche volte è da ritenersi complessivamente positivo. E’ stato abbastanza regolare negli score variando tra il 68 e il 72 (par) di chiusura con quattro birdie e altrettanti bogey. Per Laporta un 74 (+2) con un birdie e tre bogey. Coetzee, che prima di questo evento era stato a più riprese al proscenio e del quale un successo era nell’aria, ha intascato 206.050 euro su un montepremi di 1.300.000 euro.   Terzo giro – Edoardo Molinari è sceso dalla prima all’ottava posizione con 204 colpi (64 68 72, -11) nel terzo giro del Joburg Open, torneo dell’European Tour in svolgimento al Royal Johannesburg & Kensington GC, a Johannesburg in Sudafrica, al quale hanno preso parte ben 210 concorrenti che si sono alternati nei primi due giri sui due tracciati dell’East Course (par 72) e del  West Course (par 71), mentre negli ultimi due si gioca all’East. E’ salito dal 54° al 30° posto Lorenzo Gagli con 207 (68 71 68, -8) ed è retrocesso dal 54° al 72° Francesco Laporta con 214 (69 70 75, -1). L’offensiva dei giocatori sudafricani, che sono sempre molto agguerriti nei tornei di casa, ha portato al comando con 198 (-17) colpi Thomas Aiken (70 65 63), autore di un 63 (-3), e Justin Walters (64 70 64), che non è stato da meno con un 64 (-8). Proveranno a evitare che il turno finale si trasformi in un duello tra i due leader il coreano Jin Jeong, terzo con 200 (-15), lo scozzese Alastair Forsyth e l’altro sudafricano George Coetzee, quinti con 202 (-13), l’inglese David Horsey, settimo con 203 (-12), e lo stesso Molinari, che non è certo condannato dalla matematica. Probabilmente non hanno più chances i nove giocatori sulla nona piazza con 205 (-10), tra i quali si trovano il francese Gregory Bourdy e l’inglese Danny Willett ed è sicuramente fuori gioco lo spagnolo Alvaro Quiros, 18° con 206 (-9). Deludente il sudafricano Charl Schwartzel, 65° con 211 (-4). Aiken, 30enne di Johannesburg con due titoli nel palmares, è filato via con dieci birdie e un bogey, e il suo concittadino Walters, 33 anni e a caccia del primo successo, ha messo insieme un eagle, sette bridie e un bogey. Molinari è partito con un birdie, ma subito dopo sono arrivati due bogey. Ha rimontato con tre birdie nelle successive dieci buche, però nel finale una coppia di bogey l’ha riportato in par (72). Bel giro di Gagli in 68 (-4) con cinque birdie e un bogey e 75 (+3) colpi per Laporta, che dopo un doppio bogey in avvio ha proseguito con tre bridie e quattro bogey. Non hanno superato il taglio Andrea Pavan, 140° con 144 (72 72,+1), e Marco Crespi, 161° con 146 (70 76, +3). Il montepremi è di 1.300.000 euro dei quali 206.050 saranno appannaggio del vincitore. Il torneo su Sky – Il giro finale del Joburg Open sarà teletrasmesso in diretta e in esclusiva dalla TV satellitare Sky con collegamento sui canali Sky Sport  2 e 2 HD dalle ore 11,30 alle ore 15,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi.   Secondo giro – Edoardo Molinari  è rimasto al comando con 132 colpi (64 68, -11), alla pari con lo scozzese Craig Lee (65 67), dopo la seconda giornata del Joburg Open, torneo dell’European Tour in svolgimento sui due percorsi del Royal Johannesburg & Kensington GC (East Course, par 72, West Course, par 71), a Johannesburg in Sudafrica, al quale hanno preso parte ben 210 concorrenti. Hanno superato il taglio Francesco Laporta (69 70) e Lorenzo Gagli (68 71), 54.i con 139 (-4), cosa che non è riuscita ad Andrea Pavan, 140° con 144 (72 72,+1), e a Marco Crespi, 161° con 146 (70 76, +3). In una classifica abbastanza corta il duo di testa ha un colpo di vantaggio sull’inglese David Horsey e sul sudafricano George Coetzee, terzi con 133 (-10), e due sugli inglesi Danny Willett e James Heath, sul finlandese Roope Kakko, sui sudafricani Andrew Georgiou e Justin Walters, sullo scozzese Alastair Forsyth e sul coreano Jin Jeong, quinti con 134 (-9). Al 25° posto con 137 (-6) lo spagnolo Alvaro Quiros, al 54°, come Gagli e Laporta, il sudafricano Charl Schwartzel e difesa mancata del titolo da parte dell’altro sudafricano Richard Sterne, 77° con 140 (-3) e fuori gara per un colpo. Molinari, che ha giocato sull’East Course, ha iniziato con la sequenza birdie-bogey, poi non ha commesso più errori e ha proseguito con quattro birdie per il 68 (-4), fallendo anche qualche occasione per ottenere uno score più basso. "Anche oggi ho espresso un ottimo golf” ha detto il 33enne torinese con due titoli nel circuito, cinque nel Challenge Tour, una vittoria nella World Cup e una con la squadra europea in Ryder Cup. “Pur non essendo riuscito a ripetere la prestazione di ieri, il "meno" 4 di giornata mi rende molto soddisfatto. L’East Course non ti concede molte chance di birdie, ma io sono stato abile a crearmele ugualmente. Da qualche mese riesco a colpire la pallina in modo tale da cogliere la maggior parte delle volte il fairway e questo fa la differenza per tenere bassi i punteggi. Mancano ancora due giri e sono molto felice per la mia posizione in graduatoria. Aldilà dei risultati, mi conforta la risposta del campo e le sensazioni di gioco. Spero di continuare così". Lee, 37enne di Stirling, mai a segno nel circuito e nel Challenge Tour, ha infilato quattro birdie sulle prime otto buche, poi ha proseguito con un birdie e un bogey per il 67 (-4) al West Course. Per Laporta (70, -2 East) quattro birdie e due bogey; per Gagli (71, -1 West) quattro birdie e quattro bogey rigorosamente alternati; per Pavan (72, +1 West) quattro birdie e cinque bogey; per Crespi (76, +4 East) un birdie, tre bogey e un doppio bogey. Il due giri finali si disputeranno all’East Course. Il montepremi è di 1.300.000 euro dei quali 206.050 saranno appannaggio del vincitore. Il torneo su Sky – Il Joburg Open viene teletrasmesso in diretta e in esclusiva dalla piattaforma satellitare Sky con collegamento sui canali Sky Sport  2 e 2 HD sabato 8 febbraio e domenica 9 dalle ore 11,30 alle ore 15,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi.   Primo giro – Edoardo Molinari ha confermato il suo buon momento di forma concludendo al primo posto con “meno 7” il giro iniziale del Joburg Open, torneo dell’European Tour in programma sui due percorsi del Royal Johannesburg & Kensington GC (East Course, par 72, West Course, par 71), a Johannesburg in Sudafrica, al quale partecipano ben 210 concorrenti. La classifica fa riferimento al par essendo differente quello dei due percorsi e il torinese, che ha realizzato un 64 al West Course, è affiancato dallo scozzese Alastair Forsyth e dal sudafricano Justin Walters, che si sono espressi sullo stesso tracciato, e dall’altro scozzese Craig Lee, che ha realizzato un 65 all’East Course. E’ in buona posizione anche Lorenzo Gagli, 25° con “meno 4 (68 E), al debutto nel 2014, e sono in media graduatoria Francesco Laporta, 67° con “meno 2” (69 W), Marco Crespi, 92° con “meno 1” (70 W), e Andrea Pavan, 118° con il par (72 E). Il quartetto di testa è tallonato con “meno 6” dai sudafricani Hennie Otto, George Coetzee, Danie Van Tonder e Graham Van der Merwe, dal coreano Jin Jeong, dal danese Robert-Jan Derksen, dal francese Edouard Dubois (tutti sul West Course) e dall’inglese James Heath (East). E’ al 13° posto con “meno 5” (67 E), il sudafricano Richard Sterne, campione uscente, e il suo connazionale Charl Schwartzel, si trova al 42° con “meno 3” (69 E). Molinari è partito con tre birdie di fila, poi ha rallentato con l’unico bogey alla quarta buca, e ha messo a segno altri cinque birdie tra a settima e la 15ª. "Per metà tracciato ho giocato veramente bene – ha detto il 33enne torinese che ha colto due titoli nel circuito e cinque nel Challenge Tour – come non mi capitava da tanto tempo e tutto è filato per il verso giusto. Poi nelle seconde nove ho faticato un po’ di più. Tuttavia, non posso certo lamentarmi per lo score". Forsyth si è espresso con sette birdie, di cui sei sulle prime nove buche, senza bogey, mentre Walters e Lee hanno marciato con otto birdie e un bogey come Molinari. Lorenzo Gagli, che lo scorso anno ha perso la ‘carta’ piena per il circuito e che ha necessità di sfruttare al meglio le poche occasioni che gli saranno concesse dalla propria categoria, ha segnato sei birdie e due bogey, Laporta un eagle, quattro birdie e altrettanti bogey, Crespi tre birdie e due bogey e Pavan tre birdie e tre bogey. Il montepremi è di 1.300.000 euro dei quali 206.050 saranno appannaggio del vincitore. Il torneo su Sky – Il Joburg Open viene teletrasmesso in diretta e in esclusiva dalla piattaforma satellitare Sky con collegamento sui canali Sky Sport  2 e 2 HD da venerdì 7 febbraio a domenica 9 dalle ore 11,30 alle ore 15,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi.   Prologo – Edoardo Molinari, Andrea Pavan, Marco Crespi, Lorenzo Gagli  e Francesco Laporta saranno sul tee di partenza del Joburg Open (6-9 febbraio), torneo dell’European Tour in programma sui due percorsi del Royal Johannesburg & Kensington GC, a Johannesburg in Sudafrica, al quale parteciperanno ben 210 concorrenti. Favoriti i giocatori sudafricani che schiereranno, tra gli altri, Charl Schwartzel, Richard Sterne, campione uscente, James Kingston, Garth Mulroy, George Coetzee, Darren Fichardt e Dawie Van der Walt. Tra gli europei di maggior peso i francesi Gregory Bourdy e Thomas Levet, i danesi Soren Hansen e Soren Kjeldsen, lo spagnolo Alvaro Quiros, gli inglesi Simon Dyson, Danny Willett e Robert Rock e lo scozzese Scott Jamieson. Chiamato a una conferma Edoardo Molinari dopo la bella prova e il nono posto nell’Omega Dubai Desert Classic, mentre Andrea Pavan e Marco Crespi proveranno a ritrovare la buona condizione he li aveva sostenuti nei primi appuntamenti stagionali. Lorenzo Gagli sarà al debutto nel 2014 e dovrà sfruttare al meglio una della poche occasioni che gli offrirà il circuito, dove non ha più la ‘carta’ piena. Anche per Laporta, entrato nel field per la sua posizione nell’ordine di merito sudafricano, un’opportunità da non perdere. Il montepremi è di 1.300.000 eiro dei quali 206.050 saranno appannaggio del vincitore. Il torneo su Sky – Il Joburg Open sarà teletrasmesso in diretta e in esclusiva dalla piattaforma satellitare Sky con collegamento sui canali Sky Sport  2 e 2 HD nei quattro giorni da gara dalle ore 11,30 alle ore 15,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi.   I risultati