fbpx

Eurotour: nel BMW Masters Siem prevale nel playoff E. Molinari 28°, F. Molinari 53°

  02 Novembre 2014 News
Condividi su:

Il tedesco Marcel Siem (nella foto di Getty Images) ha vinto con 272 colpi (68 66 65 73, -16) il BMW Masters, la prima delle quattro gare delle Final Series, che concludono la stagione dell’European Tour, svoltasi sul percorso del Lake Malaren GC (par 72), a Shanghai in Cina. In un finale ricco di colpi di scena e in cui il par del primo classificato è sceso dal “meno 22” al “meno 16” il 34enne di Mettmann si è impossessato del quarto titolo nel circuito grazie a un birdie alla prima buca di playoff con cui ha superato l’inglese Ross Fisher (272 – 70 67 68 67) e il francese Alexander Levy (272 – 65 66 63 78), leader dopo tre turni con quattro colpi di margine sul primo inseguitore. L’ultima tornata non ha variato la posizione dei tre italiani un gara: Edoardo Molinari è terminato 28° con 282 (70 71 69 72, -6), Francesco Molinari 53° con 288 (69 74 71 74, par) e Matteo Manassero 76° con 306 (74 78 74 80, +18). Hanno mancato lo spareggio per un colpo due dei sette componenti della vittoriosa squadra europea di Ryder Cup partecipanti all’evento: l’inglese Justin Rose e il gallese Jamie Donaldson, quarti con 273 (-15). Al sesto posto con 274 (-14) il transalpino Romain Wattel e il belga Nicolas Colsaerts, all’ottavo con 275 (-13) lo statunitense Ryan Palmer e l’argentino Emiliano Grillo, al 16° con 278 (-10) il nordirlandese Graeme McDowell, al 21° con 279 (-9) il francese Victor Dubuisson, al 24° con 280 (-8) il danese Thomas Bjorn e al 26° con 281 (-7) il sudafricano Ernie Els. Stesso score di Edoardo Molinari per il thailandese Thongchai Jaidee e poco più indietro lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño e l’irlandese Paul McGinley, capitano della formazione continentale di Ryder Cup, 43.i con 286 (-2), e l’inglese Ian Poulter, 48° con 287 (-1). Il forte vento ha sicuramente creato difficoltà ai concorrenti e quindi sono stati parecchi gli errori specie nelle ultime buche dove sembrava che si disputasse una gara a perdere. I guai di Levy, dopo dodici buche condotte con due birdie e tre bogey, sono cominciati alla 13ª con una palla in acqua e un doppio bogey che ha inciso fortemente sul suo morale e sul suo gioco. Siem, in rimonta con quattro birdie e un bogey in 11 buche, ha iniziato la sua parabola discendente dalla successiva con un bogey. Nel frattempo sono giunti in club house Fisher, che con un 67 (-5, con sei birdie e un bogey) ha fissato il limite a “meno 16” e Rose, che sull’ultima buca si è chiamato fuori con un bogey. Fisher, in quel momento, non aveva chances di playoff, che però sono aumentate man mano che i primi si avvicinavano al traguardo. Siem e Levy si sono gravati di altri tre bogey. Entrambi hanno segnato l’ultimo sul green finale aprendo a Fisher, che era partito con undici colpi di ritardo dal leader, le porte dello spareggio a tre. Siem ha chiuso in 73 (+1) con quattro birdie e cinque bogey e Levy in un incredibile 78 (+6) con due birdie, sei bogey e un doppio bogey. Alla festa non ha partecipato Donaldson, che ha fallito il putt dell’aggancio in extremis, ma il torneo lo ha praticamente perso alla buca 6 con un triplo bogey a cui ha poi unito tre birdie e tre bogey per il 75 (+3). Nel playoff Levy e Fisher hanno posto la palla a distanza di birdie dalla bandiera e Siem ha evitato di misura un bunker, con pallina appena fuori green e nell’erba. Ha però effettuato un approccio da manuale con palla in buca per il birdie vincente che gli ha regalato il titolo e un congruo assegno di 1.666.660 euro, ma non è andata male neanche agli sconfitti che hanno percepito 872.050 euro su un montepremi di 5.590.000 euro. Edoardo Molinari, abbastanza regolare nei suoi score, è rimasto nel 72 del par con quattro birdie, due bogey e un doppio bogey. Per Francesco Molinari 74 (+2) colpi con tre birdie, tre bogey e un doppio bogey. Per Manassero 80 (+8) con due birdie, due bogey e quattro doppi bogey di cui tre nelle ultime quattro buche. L’European Tour rimane a Shanghai (Sheshan International GC) per la seconda gara delle Final Series, il WGC HSBC Champions (6-9 novembre), quarto torneo nel World Golf Championship, a cui parteciperà l’élite mondiale e che Francesco Molinari vinse nel 2010. Il montepremi sarà di 8,5 milioni di dollari.  

Terzo giro – Il francese Alexander Levy  si è ripreso prepotentemente la leadership con un parziale di 63 (-9) colpi e lo score di 194 (65 66 63, -22) del BMW Masters, la prima delle quattro gare delle Final Series che concludono la stagione dell’European Tour sul percorso del Lake Malaren GC (par 72), a Shanghai in Cina. Ha recuperato otto posizioni Edoardo Molinari, 28° con 210 (70 71 69, -6), e sono rimasti praticamente stabili Francesco Molinari, 49° con 214 (69 74 71, -2), e Matteo Manassero, 75° con 226 (74 78 74, +10).

Levy, 24enne transalpino nativo di Orange (California) con due titoli conquistati in stagione e in vetta dopo il giro iniziale, ha un margine di quattro colpi sul gallese Jamie Donaldson (198, -18), uno dei sette componenti del vittorioso team europeo di Ryder Cup partecipanti all’evento, autore del miglior punteggio del turno con un 62 (-10). Seguono con 199 (-17) il tedesco Marcel Siem, con 201 (-15) l’inglese Justin Rose, con 203 (-13) l’argentino Emiliano Grillo e il belga Nicolas Colsaerts, al comando dopo due giri e in giornata negativa sottolineata da un 73 (+1), e con 204 (-12) il nordirlandese Graeme McDowell e il transalpino Romain Wattel. Il ricco montepremi darà sicuramente motivazioni anche a coloro che non lottano più per il titolo, impegnati comunque a risalire la graduatoria: il danese Thomas Bjorn e il sudafricano Ernie Els, 16.i con 206 (-10), il francese Victor Dubuisson, 24° con 208 (-8), lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño, 27° con 209 (-7), il thailandese Thongchai Jaidee, che affianca Edoardo Molinari, lo scozzese Stephen Gallacher e l’inglese Ian Poulter, 42.i con 213 (-3). Più rilassato l’irlandese Paul McGinley, 55° con 215 (-1), capitano della compagine continentale di Ryder Cup, per il quale non mancano applausi. Levy, in grande spolvero, ha siglato birdie su metà percorso e anche Donaldson ha condotto sotto par nove delle 18 buche, ma con un eagle e otto birdie. Edoardo Molinari, che nel primo giro ha realizzato una “hole in one” centrando direttamente dal tee la buca 4 (par 3, metri 194) utilizzando un ferro 4, dopo un birdie e un bogey ha cambiato marcia nel rientro con tre birdie per il parziale di 69 (-3). Francesco Molinari e Manassero sono partiti dalla 10ª. Il torinese ha sofferto fino al giro di boa con due bogey, poi ha fissato il 71 (-1) con quattro birdie e un bogey. Manassero ha tenuto un buon passo per 15 buche con tre birdie e un bogey, quindi il blackout finale con due doppi bogey per il 74 (+2). Il montepremi è di sette milioni di dollari. Il torneo su Sky – La giornata finale del BMW Masters sarà teletrasmessa in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, con collegamento dalle ore 4 alle ore 9. Replica alle ore 15 (Sky Sport 3 HD). Commento di Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa.   Secondo giro – Non è stata favorevole ai colori azzurri la seconda giornata del BMW Masters, la prima delle quattro gare delle Final Series che concludono la stagione dell’European Tour sul percorso del Lake Malaren GC (par 72), a Shanghai in Cina. Edoardo Molinari è sceso dal 19° al 36° posto con 141 colpi (70 71, -3), Francesco Molinari dal 12° al 51° con 143 (69 74, -1) e Matteo Manassero dal 62° al 76° con 152 (74 78, +8). Il belga Nicolas Colsaerts si è portato in vetta con 130 colpi (66 64, -14), sorpassando il francese Alexander Levy, leader dopo un turno e ora secondo con 131 (65 66, -13). Al terzo posto con 133 (-11) l’altro transalpino Romain Wattel, al quarto con 134 (-10) il sudafricano Branden Grace, il tedesco Marcel Siem e l’argentino Emiliano Grillo, al settimo con 135 (-9) il danese Thomas Bjorn, uno dei sette componenti del vittorioso team europeo di Ryder Cup partecipanti all’evento. Altri due, il gallese Jamie Donaldson e il nordirlandese Graeme McDowell sono all’ottavo con 136 (-8), e un quarto, l’inglese Justin Rose, è al 12° con 137 (-7) alla pari con il sudafricano Ernie Els. Sono più indietro il francese Victor Dubuisson, 25° con 140 (-4), insieme allo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño, lo scozzese Stephen Gallacher, che ha lo stesso punteggio di Edoardo Molinari e del thailandese Thongchai Jaidee, e l’inglese Ian Poulter, che affianca Francesco Molinari. C’è anche il capitano della squadra continentale, l’irlandese Paul McGinley, 55° con 144 (par). Colsaerts ha guadagnato la leadership con un 64 (-8) realizzato con nove birdie e un bogey e a Levy non è bastato il 66 (-6), con sette birdie e un bogey, per salvare il primato. Edoardo Molinari, che nel primo giro ha realizzato una “hole in one” centrando direttamente dal tee la buca 4 (par 3, metri 194) utilizzando un ferro 4,  ha avuto nel secondo un cammino molto articolato: nel suo score un eagle, cinque birdie, quattro bogey e un doppio bogey per un 71 (-1). Per Francesco Molinari 74 (+2) colpi con due birdie e quattro bogey e turno da dimenticare in fretta per Manassero, che ha segnato un birdie e sette bogey per il 78 (+6). Il montepremi è di sette milioni di dollari. Il torneo su Sky – Le due giornate finali del BMW Masters saranno teletrasmesse in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, sabato 1 novembre e domenica 2 con collegamento dalle ore 4 alle ore 9. Repliche: sabato 1 novembre, alle ore 10 (Sky Sport 3 HD) e alle ore 19,30 (Sky Sport 2 HD); domenica 2, alle ore 15 (Sky Sport 3 HD). Commento di Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa.  

Primo giro – Il francese Alexander Levy è al comando con 65 (-7) colpi dopo il giro iniziale del BMW Masters, sul percorso del Lake Malaren GC (par 72), a Shanghai in Cina. E’ la prima delle quattro gare delle Final Series che concludono la stagione dell’European Tour sullo stile dei PlayOffs del PGA Tour e alla quale sono stati ammessi 78 concorrenti. Buona la partenza di Francesco Molinari, 12° con 69 (-3), e di Edoardo Molinari, 19° con 70 (-2), e metà classifica per Matteo Manassero, 62° con 74 (+2). Nello score di Edoardo Molinari una “hole in one”: ha centrato direttamente dal tee la buca 4 (par 3, metri 194) utilizzando un ferro 4.

Levy, 24enne transalpino nativo di Orange (California) con due titoli conquistati in stagione, ha un colpo di vantaggio sul connazionale Romain Wattel, sul belga Nicolas Colsaerts e sull’argentino Emiliano Grillo (66, -6), e due sul nordirlandese Graeme McDowell (67, -5), uno dei sette componenti della vittoriosa squadra europea di Ryder Cup partecipanti all’evento. In sesta posizione con 68 (-4) altri due, il danese Thomas Bjorn e il gallese Jamie Donaldson, insieme ai sudafricani Branden Grace e Richard Sterne, al tedesco Marcel Siem e all’inglese Oliver Wilson. L’altro sudafricano Ernie Els affianca Francesco Molinari, mentre il francese Victor Dubuisson è alla pari con Edoardo Molinari. Al 33° posto con 71 (-1) il thailandese Thongchai Jaidee e l’irlandese Paul McGinley, capitano del team di Ryder Cup, al 42° con 72 (par) l’inglese Justin Rose, lo scozzese Stephen Gallacher e lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño. Al 62°, come Manassero, l’inglese Ian Poulter, al 74° con 77 (+5) l’iberico Miguel Angel Jimenez. Senza bogey il cammino di Levy, con sette birdie. Gli azzurri hanno cominciato tutti dalla buca 10. Francesco Molinari ha realizzato due birdie su metà tracciato e altri due con un bogey nella seconda parte. Qualche incertezza per Edoardo Molinari sulle prime nove con un birdie e due bogey, poi è sceso sotto par con la sequenza birdie-birdie-“hole in one” dalla buca 2 alla 4 (dalla 10ª alla 12ª giocate) e ha concluso con un bogey. Due bogey in avvio hanno praticamente definito lo score di Manassero che nelle altre sedici buche ha messo insieme tre birdie e tre bogey. Il montepremi è di sette milioni di dollari.  Il torneo su Sky – Il BMW Masters viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, da venerdì 31 ottobre a domenica 2 novembre con collegamento dalle ore 4 alle ore 9. Repliche: giovedì 30 ottobre, alle ore 23 (Sky Sport 3 HD); venerdì 31, alle ore 10 e alle ore 22,45 (Sky Sport 3 HD); sabato 1 novembre, alle ore 10 (Sky Sport 3 HD) e alle ore 19,30 (Sky Sport 2 HD); domenica 2, alle ore 15 (Sky Sport 3 HD). Commento di Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa   Prologo – Francesco Molinari, Edoardo Molinari e Matteo Manassero sono nel qualificato field di 78 concorrenti ammessi al BMW Masters (30 ottobre-2 novembre), sul percorso del Lake Malaren Golf Club, a Shanghai in Cina. E’ la prima delle quattro gare delle Final Series che concludono la stagione dell’European Tour sullo stile dei PlayOffs del PGA Tour, pure in quel caso quattro eventi dove i montepremi sono molto alti e dove al termine si assegnano i 10.000.000 di dollari della FedEx Cup al primo di una speciale classifica a punti. Anche per le Final Series si competerà a punti. Infatti dopo l’ISPS HANDA Perth International della scorsa settimana gli euro guadagnati dai giocatori sono stati tradotti in punti e si continuerà in tal modo. In ciascun torneo (BMW Masters, WGC HSBC Champions, Turkish Airlines Open e DP World Tour Championship Dubai) saranno il palio 10.000.000 di punti dei quali 1.666.600 assegnati al vincitore. L’assenza per infortunio del nordirlandese Rory McIlroy, leader della money list, che rientrerà solo a Dubai, riapre i giochi per la leadership continentale, con lo spagnolo Sergio Garcia e lo svedese Henrik Stenson candidati più autorevoli, pur se daranno forfait nella circostanza. Quanto alle Final Series, verranno distribuiti complessivamente 30,5 milioni di dollari (7.000.000 nel BMW Masters) ai quali si aggiungeranno cinque milioni di dollari di bonus, rispetto ai 3.750.000 dello scorso anno, che saranno suddivisi tra i primi quindici dell’ordine di merito. In Cina, dove si replicherà nella prossima settimana ancora a Shanghai (Sheshan International GC), saranno al via sette giocatori che hanno portato l’Europa al successo nella Ryder Cup: gli inglesi Ian Poulter e Justin Rose, il nordirlandese Graeme McDowell, il gallese Jamie Donaldson, lo scozzese Stephen Gallacher, il francese Victor Dubuisson, e il danese Thomas Bjorn. Con loro il capitano, l’irlandese Paul McGinley. Parteciperanno alla parata di stelle, tra gli altri, il sudafricano Ernie Els, gli statunitensi Chris Kirk e Ryan Palmer, gli spagnoli Miguel Angel Jimenez e Gonzalo Fernandez Castaño, il belga Nicolas Colsaerts e il thailandese Thongchai Jaidee. Per i tre azzurri è la prima occasione da non perdere sia in chiave money list che per risalire nel world ranking, dove nessuno è più tra i “top 50”. Francesco ed Edoardo Molinari (rispettivamente 26° e 27° nell’ordine di merito) non sono tanto lontani dalla 15ª posizione ed è evidente che con belle prestazioni il primo tornerebbe tra i primi 50 nella classifica mondiale (attualmente 52°), mentre Edoardo (97°) potrebbe continuare la sua scalata verso posizioni più consone al suo valore. Discorso diverso per Manassero, che in pochi mesi è scivolato oltre i top 100 (108°) e che è alla ricerca dello smalto perduto. In Europa è 50°, ma non corre rischi di lasciare i primi 60. Il torneo su Sky – Il BMW Masters sarà teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, da giovedì 30 ottobre a domenica 2 novembre con collegamento dalle ore 4 alle ore 9. Repliche: giovedì 30 ottobre, alle ore 23 (Sky Sport 3 HD); venerdì 31, alle ore 10 e alle ore 22,45 (Sky Sport 3 HD); sabato 1 novembre, alle ore 10 (Sky Sport 3 HD) e alle ore 19,30 (Sky Sport 2 HD); domenica 2, alle ore 15 (Sky Sport 3 HD). Commento di Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa   I risultati