fbpx

Eurotour: David Horsey terzo titolo, bene Pavan (8°)

  27 Luglio 2014 News
Condividi su:

Andrea Pavan (ella foto), autore di una bella prestazione, si è classificato ottavo con 280 colpi (73 70 64 73, -8) nel M2M Russian Open, torneo dell’European Tour disputato sul percorso del Tseleevo Golf & Polo Club (par 72), a Mosca in Russia. E’ terminato 51° Andrea Maestroni con 291 (72 71 75 73, +3). Ha vinto l’inglese David Horsey (275 – 65 68 70 72. -13), in vetta sin dall’inizio, che dopo aver concluso la gara alla pari con l’irlandese Damien McGrane (275 – 69 71 69 66) lo ha battuto con un par alla prima buca di spareggio. Al terzo posto con 276 (-12) lo scozzese Scott Jamieson, al quarto con 277 (-11) l’inglese Sam Hutsby, al quinto con 278 (-10) lo scozzese Peter Whiteford, che affiancava al vertice Horsey dopo tre turni, al sesto con 279 (-9) lo svedese Krister Eriksson e il belga Thomas Pieters. Horsey, nel giro conclusivo, ha commesso parecchi errori, ma ha rimesso in piedi il suo score con un eagle alla buca 17 dopo tre birdie, tre bogey e un doppio bogey (72, par), ma non sarebbe bastato senza l’aiuto di McGrane, che dopo avergli recuperato sei colpi ed essergli passato avanti, grazie a sette birdie, gli ha concesso il playoff con un bogey sull’ultimo green (66, -6). Poi ha ripetuto lo stesso errore sulla medesima buca e ha dato via libera all’avversario. Horsey, 29enne di Stockport ha siglato il terzo titolo nel circuito dopo quelli ottenuti nel BMW International Open (2010) e nel Trophée Hassan II (2011) per un palmares nel quale figurano anche due successi nel Challenge Tour. Ha ricevuto un assegno di 166.660 su un montepremi di 1.000.000 di euro. Pavan, terzo a quattro colpi dai due battistrada dopo 54 buche, è partito piuttosto contratto. Dopo un bogey ha realizzato due birdie, ma ha abbandonato ogni possibilità di tenere il passo dei primi con altri cinque bogey tra le buche 5 e 11. Ha operato una bella rimonta nel finale con tre birdie (73, +1) che gli hanno evitato una posizione di classifica oltre i top ten fin troppo penalizzante. Anche per Maestroni 73 colpi con quattro birdie, tre bogey e un doppio bogey.     Terzo giro – Realizzando un eccellente 64, otto sotto par, miglior score di giornata, Andrea Pavan è volato dal 30° al terzo posto con 207 colpi (73 70 64, -9) nel M2M Russian Open, torneo dell’European Tour che termina sul percorso del Tseleevo Golf & Polo Club (par 72), a Mosca in Russia. Il romano è a quattro colpi dalla coppia di testa formata dall’inglese David Horsey (203 – 65 68 70, -13), al comando sin dal giro iniziale, e dallo scozzese Peter Whiteford (203 – 66 71 66), che lo ha raggiunto risalendo dalla terza piazza. E’ sceso dal 30° al 53° posto Andrea Maestroni con 218 (72 71 75, +2). Pavan ha la compagnia dello scozzese Scott Jamieson e del belga Thomas Pieters e i tre giocatori sembrano gli unici in grado di poter competere con i due leader per il titolo. Infatti i concorrenti in sesta posizione, ossia l’irlandese Damien McGrane e gli inglesi Sam Hutsby e Gary Boyd (207, -7), hanno sei colpi di ritardo che appaiono un po’ troppi da recuperare. In nona con 210 (-6) il danese Soren Hansen e lo scozzese Jamie McLeary. Ha rallentato Horsey con un 70 (-2) e con molte incertezze evidenziate dai tre bogey che hanno accompagnato i suoi cinque birdie. Witheford è partito a manetta con cinque birdie e un eagle in otto buche, a fronte di un birdie, poi ha aggiunto un bogey e un birdie per il 66 (-6). Pavan ha marciato spedito con otto birdie, quattro in uscita e quattro nel rientro messi a segno di fila dalla 13ª alla 16ª buca. Per Maestroni 75 (+3) colpi con un birdie e quattro bogey. Il montepremi è di 1.000.000 di euro dei quali 166.660 andranno al vincitore. Secondo giro – Sono saliti entrambi al 30° posto con 143 colpi (-1) Andrea Pavan (73 70), che ha recuperato 26 posizioni, e Andrea Maestroni (72 71),  che ne ha rimontate 13, nel secondo turno del M2M Russian Open, torneo dell’European Tour che si sta disputando sul percorso del Tseleevo Golf & Polo Club (par 72), a Mosca in Russia. Ha continuato la sua corsa di testa l’inglese David Horsey, a quota 133 (65 68, -11) dopo un 68 (-4) e si è portato nella sua scia il belga Thomas Pieters (135, -9) con due colpi di ritardo. Ne accusano quattro lo scozzese Peter Whiteford e l’inglese Gary Boyd, terzi con 137 (-7), e cinque lo spagnolo Nacho Elvira, il tedesco Maximilian Kieffer, l’indiano Gaganjeet Bhullar e lo scozzese Scott Jamieson, quinti con 138 (-6). Horsey, 29enne di Stockport con due titoli nel circuito un po’ datati (BMW International Open 2010 e Trophée Hassan II 2011) e altrettanti nel Challenge Tour, dopo un primo giro senza bogey (65, – 7 con sette birdie)  ne ha segnati tre nel corso del secondo turno, ma li ha ampiamente compensati con altri sette birdie. Pavan ha girato in 70 (-2) colpi con quattro birdie e due bogey e Maestroni in 71 (-1) con un eagle, due birdie e tre bogey. Il montepremi è di 1.000.000 di euro dei quali 166.660 andranno al vincitore.

Primo giro – Primo giro a metà classifica per Andrea Maestroni, 43° con 72 (par) colpi e per Andrea Pavan, 56° con 73 (+1), nel M2M Russian Open, evento nel calendario dell’European Tour che si sta disputando sul percorso del Tseleevo Golf & Polo Club (par 72), a Mosca in Russia. E’ al comando con 65 (-7) l’inglese David Horsey, 29enne di Stockport con due titoli nel circuito e altrettanti nel Challenge Tour, che precede di misura gli scozzesi Peter Whiteford e Scott Jamieson (66, -6). In una graduatoria abbastanza corta sono al quarto posto con 67 (-5) i sudafricani Oliver Bekker e Louis De Jager, il belga Thomas Pieters, l’australiano Jack Wilson, il tedesco Maximilian Kieffer, l’indiano Gaganjeet Bhullar, lo svedese Rikard Karlberg e lo scozzese Jack Doherty.

Horsey ha fissato lo score con sette birdie offrendo una prova senza sbavature. Cammino abbastanza prudente sia per Maestroni, con due birdie e due bogey, che per Pavan con due birdie e tre bogey. Il montepremi è di 1.000.000 di euro dei quali 166.660 andranno al vincitore. Prologo – Andrea Pavan e Andrea Maestroni sono gli unici due italiani partecipanti al M2M Russian Open (24-27 luglio) in programma sul percorso del Tseleevo Golf & Polo Club, a Mosca in Russia. Nel field gli scozzesi Scott Jamieson e Alastair Forsyth, i danesi Soren Kjeldsen e Soren Hansen, il tedesco Maximilian Kieffer, il gallese Bradley Dredge, l’indiano S.S.P. Chowrasia, lo svedese Fredrik Andersson Hed e l’argentino Daniel Vancsik, gli ultimi due vincitori di un Open d’Italia. Il montepremi è di 1.000.000 di euro dei quali 166.660 andranno al vincitore.   I risultati