fbpx

Eurotour: brilla Branden Grace ottima prova di F. Molinari (6°)

  22 Aprile 2012 News
Condividi su:

Francesco Molinari ha offerto ancora un’ottima prestazione classificandosi al sesto posto con 273 colpi (72 65 67 69, -15) nel Volvo China Open (European Tour) disputato sul tracciato del Binhai Lake GC (par 70), a Tianjin in Cina, e dove ha dominato il sudafricano Branden Grace (267 – 67 67 64 69, -21). Hanno ben tenuto Edoardo Molinari, 23° con 277 (79 69 68 70, -11), e Andrea Pavan, 36° con 279 (72 67 68 72, -9), e ha recuperato 14 posizioni con un bel 67 (-5) finale Lorenzo Gagli, 44° con 281 (70 71 73 67, -7). Grace, 24enne di Pretoria, ha conquistato il terzo titolo in stagione e in carriera in quattro mesi di circuito dove è approdato dalla Qualifying School (11°). Preso il comando nel terzo giro con tre colpi di vantaggio sul belga Nicolas Colsaerts (270, -17), campione uscente, Grace li ha mantenuti con un parziale di 69 (-3) con quattro birdie e un bogey nelle prime dodici buche per finire in scioltezza con sei par.

 

“Tre successi – ha detto al termine il vincitore al quale sono andati  398.595 euro sui 2.400.000 in palio – mi aprono tante prospettive e tante porte. E’ stato fondamentare il primo titolo conquistato nel Joburg Open, perché mi ha fatto capire quali erano le mie possibilità. Una settimana dopo è arrivata anche la vittoria nel Volvo Champions e sono qui a festeggiare nuovamente. Ora debbo pensare a un ulteriore salto di qualità”. Il terzo posto è stato appannaggio dell’inglese Richard Finch con 271 (-17), al quarto si sono piazzati con 272 (-16) il francese Victor Dubuisson e il sudafricano George Coetzee, mentre Francesco Molinari è stato affiancato dall’argentino Ricardo Gonzalez, dall’australiano Marcus Fraser e dallo svedese Alexander Noren. Al 10° posto con 274 (14) il francese Julien Quesne e l’australiano Richard Green, al 18° con 276 (-12) lo spagnolo Pablo Larrazabal, al 29° con 278 (-10) l’altro iberico Rafael Cabrera Bello, il danese Soren Kjeldsen e l’inglese Ian Poulter, piuttosto deludente anche se rinvenuto con un 66 (-6), al 52° con 283 (-5) il danese Thorbjorn Olesen, al 60° con 284 (-4) l’indiano Jeev Milkha Singh e lo scozzese Colin Montgomerie.

 

Francesco Molinari ha segnato quattro birdie sulle prime 15 buche arrivando a ridosso della terza posizione, che gli è sfuggita per un bogey alla 17 e un putt mancato per il birdie alla 18. Resta la grande prestazione e un po’ di rammarico per il 72 (par) iniziale che l’ha obbligato a una risalita dall’82° posto. Negli ultimi tre giri è rimasto stabile Edoardo Molinari che ha concluso con quattro birdie e due bogey per il 70 (-). Decisa rimonta anche per Pavan, anch’egli 82° in avvio: dopo due ottimi giri centrali ha ceduto qualcosa con un 72 (par) frutto di quattro birdie e quattro bogey. Gagli ha avuto il merito di non mollare dopo il 73 del terzo turno e ha reagito con un bel 67 (sei birdie e un bogey).   I risultati