fbpx

European Young Masters: Italia quinta

  25 Luglio 2015 News
Condividi su:

L’Italia (Leonardo Bellini, Andrea Romano (nella foto), Alessia Nobilio, Emilie Alba Paltrinieri) si è classificata al quinto posto con 665 colpi (219 220 226, +17) nell’European Young Masters, una classica giovanile disputata sul tracciato del Golf Club Domaine Impérial (par 72), a Gland in Svizzera.

  Ha dominato la Francia (Antoine Auboin, Alexandre Petit,  Pauline Roussin-Bouchard, Charlotte Lafourcade) che ha vinto la classifica a squadre (645 – 203 219 223, -3), dopo una corsa di testa, e ha conquistato l’oro e l’argento nell’individuale femminile e l’argento nell’individuale maschile. I transalpini sono stati accompagnati sul podio dal Belgio (653, +5) e dalla Finlandia (658, +10). In quarta posizione con 661 (+13) la Svezia, in sesta con 670 (+22) la Danimarca e l’Inghilterra, e in ottava con 671 (+23) la Norvegia e la Slovacchia.   Nell’individuale maschile il norvegese Markus Braadlie (211 – 73 69 69, -5) ha bruciato sul filo di lana il francese Antoine Auboin (212, -4), che aveva condotto per 36 buche. Al terzo posto con 216 (par) il belga Lucas Becht, al quarto con 218 (+2) il ceco Matyas Zapletal e al quinto un tonico Andrea Romano con 219 (70 74 75, +3). Al 31° con 231 (73 82 76, +15) Leonardo Bellini.   Nella gara femminile doppietta transalpina con successo di Pauline Roussin-Bouchard (214 – 69 71 74, -2) e seconda piazza per Charlotte Lafourcade (219, +3). A medaglia anche la finlandese Elina Saksa, terza con 220 (+4), quindi la danese Marie Louise Tommerup (221, +5) e la tedesca Esther Henseleit (222, +6). Buone prove di Alessia Nobilio, decima con 224 (76 73 75, +8), e di Emilie Alba Paltrinieri, 14ª con 227 (77 73 77, +11). Hanno seguito la squadra italiana Silvia Audisio e l’allenatore Giovanni Gaudioso.   Secondo giro – L’Italia (Leonardo Bellini, Andrea Romano, Alessia Nobilio, Emilie Alba Paltrinieri) è salita dal quarto al terzo posto con 439 colpi (219 220, +7) nel secondo giro dell’European Young Masters, una classica giovanile che si conclude sul tracciato del Golf Club Domaine Impérial (par 72), a Gland in Svizzera.   Ha mantenuto agevolmente il comando la Francia (Antoine Auboin, Alexandre Petit,  Pauline Roussin-Bouchard, Charlotte Lafourcade) con 422 (203 219, -10), e anche se ha ridotto notevolmente il ritmo i dodici colpi di margine sul Belgio (434, +2) dovrebbero esserle sufficienti per conquistare il titolo. In quarta posizione con 442 (+10) Inghilterra e Svezia e in sesta con 444 (+12) Danimarca e Finlandia.   Nella classifica individuale maschile continua a condurre il francese Antoine Auboin (138 – 64 74, -6) davanti al norvegese Markus Braadlie e al belga Lucas Becht (142, -2). E’ rimasto in quarta posizione Andrea Romano con 144 (70 74, par), affiancato dallo svedese David Nyfjall, e ha perso terreno Leonardo Bellini, da 10° a 39° con 155 (73 82, +11).   Nella gara femminile proseguono la loro corsa le due francesi Pauline Roussin-Bouchard, leader con 140 colpi (69 71, -4) e Charlotte Lafourcade, seconda con 144 (par). Terza con 145 (+1) l’inglese Hollie Muse e quarta con 146 (+2) l’austriaca Emma Spitz. Hanno guadagnato posizioni, dando un buon contributo per la graduatoria di squadra, le due azzurre Alessia Nobilio, da 14ª a sesta con 149 (76 73, +5) ed Emilie Alba Paltrinieri, da 19ª a nona con 150 (77 73, +6).   Il torneo si dipana su 54 buche: per la classifica dei team vengono presi in considerazione tre risultati su quattro giornalieri. Accompagnano la squadra italiana Silvia Audisio e l’allenatore Giovanni Gaudioso.   Primo giro – Buon avvio del quartetto azzurro (Leonardo Bellini, Andrea Romano, Alessia Nobilio, Emilie Alba Paltrinieri) al quarto posto con 219 (+3) colpi nella classifica a squadre dopo il primo giro dell’European Young Masters, una classica giovanile che ha luogo sul tracciato del Golf Club Domaine Impérial (par 72), a Gland in Svizzera. Ha preso subito il largo la Francia con 203 (-13) colpi (Antoine Auboin, Alexandre Petit,  Pauline Roussin-Bouchard, Charlotte Lafourcade), unica formazione sotto par, che ha un vantaggio di quindici colpi su Inghilterra e Belgio (218, +2). L’Italia è affiancata dalla Svezia e seguita da Slovacchia (220, +4), Finlandia (221, +5) e Danimarca (222, +6).   I transalpini sono anche in vetta alle due graduatorie individuali. In quella maschile Antoine Auboin ha realizzato un 64 (-8), ma si sono ben comportati i due azzurri Andrea Romano, quarto con 70 (-2), e Leonardo Bellini, 10° con 73 (+1). In seconda posizione con 68 (-4) il belga Lucas Becht, in terza con 69 (-3) l’inglese Charlie Strickland e in settima con 72 (par) l’altro francese Alexandre Petit.   In quella femminile transalpine nelle prime due posizioni: leader Pauline Roussin-Bouchard (69, -3) e seconda Charlotte Lafourcade (70, -2). Seguono la danese Marie Louise Tommerup (71, -1) e l’austriaca Emma Spitz (72, par). Al 14° posto con 76 (+4) Alessia Nobilio e al 19° con 77 (+5) Emilie Alba Paltrinieri. Il torneo si dipana su 54 buche: per la classifica dei team vengono presi in considerazione tre risultati su quattro giornalieri. Accompagnano il team Silvia Audisio e l’allenatore Giovanni Gaudioso.   Prologo – Torna l’European Young Masters (23-25 luglio), una classica giovanile che ha luogo sul tracciato del Golf Club Domaine Impérial, a Gland in Svizzera. Formano il quartetto azzurro Leonardo Bellini, Andrea Romano, Alessia Nobilio ed Emilie Alba Paltrinieri. Il torneo si dipana su 54 buche con classifica individuale e a squadre (tre risultati su quattro giornalieri). Accompagnano il team Silvia Audisio e l’allenatore Giovanni Gaudioso.   I risultati