fbpx

È scomparso James B. Beard, una vita dedicata ai tappeti erbosi

James B. Beard
  23 Maggio 2018 News
Condividi su:

Si è spento all’età di 82 anni il Prof. James B. Beard, docente e ricercatore, universalmente riconosciuto come il padre della moderna scienza del tappeto erboso.

Nato in Ohio, svolse la sua attività prima alla Michigan State e poi alla Texas A&M University. Fondatore dell’International Sports Turf Institute, alla fine degli anni ‘80 iniziò una stretta collaborazione con la Federazione Italiana Golf, che in quegli anni stava avviando per volontà dell’allora Presidente Giuseppe Silva e del Consigliere Roberto Rivetti la Scuola Federale di Sutri ed in particolare la Sezione Tappeti Erbosi.

Grazie a lui furono formati i docenti della Sezione e venne avviata un’intensa attività didattica che ha permesso di istruire ad oggi oltre 2000 tecnici di golf (Superintendents, Greenkeepers, Segretari, Direttori e Maestri), con evidenti benefici per la gestione dei percorsi dei circoli italiani.

E’ stato un fondamentale punto di riferimento quindi per lo sviluppo del golf in Italia e nel 1992 avviò anche, insieme agli Agronomi della Sezione Paolo Croce, Alessandro De Luca e Massimo Mocioni ed in collaborazione con le Università di Torino e di Pisa, una proficua attività di ricerca. La crescente diffusione delle specie macroterme in Italia ed il sempre più ridotto utilizzo di acqua e di prodotti chimici sono tra i risultati più tangibili di questa attività.

Il Prof. Beard è stato autore di centinaia di scritti e ricerche e di importanti libri come Turfgrass: Science and Culture e Turf Management for Golf Courses (quest’ultimo scritto su incarico della USGA), considerati entrambi “la bibbia del tappeto erboso”, ma anche la Beard’s Turfgrass Encyclopedia for Golf Courses, Grounds, Lawns, Sports Fields e la Turfgrass History and Literature: Lawns, Sports, and Golf, premiato nel 2015 dalla American Library Association’s come migliore raccolta bibliografica.

Tutta la sua opera, raccolta nella “Beard’s collection”, donata alcuni anni fa alla Michigan State University, è consultabile presso il loro Turfgrass Information Center.