fbpx

Dall’adrenalina della F1 a un drive ad alta quota: così il golf seduce Lewis Hamilton

  22 Marzo 2016 News
Condividi su:

Chi lo ha detto che il golf non è uno sport adatto a chi è in cerca di adrenalina? Se lo sceglie il campione del mondo in carica di Formula 1, Lewis Hamilton, vuol dire che è uno sport capace di far provare emozioni forti.
Nei giorni scorsi il tre volte campione iridato inglese si è preso una pausa dalle prove dell’ultimo Gran Premio d’Australia per volare in elicottero su un ghiacciaio a South Island, in Nuova Zelanda. Risultato: un drive ad alta quota, con la pallina (biodegradabile, nel pieno rispetto di un contesto mozzafiato) che vola sopra le nuvole.
Il tutto è finito in un video che Hamilton ha postato sui suoi profili social, sollevando condivisioni a pioggia e qualche critica dai tifosi più attenti allo stile non proprio perfetto.
Hamilton non è certo l’unico pilota appassionato di golf: dal campione degli anni 90 Nigel Mansell al nostro Alessandro Nannini fino a Kimi Raikkonen (socio del Linna Golf Club, l’unico circolo finlandese inserito nel PGA European Tour Courses group), sono tantissimi i professionisti della velocità che amano cimentarsi sul green al primo momento libero.
E chissà che Lewis Hamilton, la prossima volta che sarà in Italia per una gara o anche solo da turista, non decida di venire a giocare in uno dei nostri meravigliosi campi ad alta quota (e non solo): la Federazione Italiana Golf e tutto il movimento golfistico italiano lo accoglierebbero con vero piacere.