fbpx

Challenge Tour: riemerge Edfors per Delpodio sesto posto prezioso

  18 Ottobre 2014 News
Condividi su:

Matteo Delpodio ha ottenuto un ottimo sesto posto con 206 colpi (71 66 69, -10) nello Shankai Classic (Challenge Tour), quanto mai prezioso nella sua corsa verso uno dei primi quindici posti nell’ordine di merito, che promuoveranno all’European Tour 2015. Sul percorso del Chongqing Poly Golf Club (par 72), nella città di Chongqing in Cina, dove Nicolò Ravano è terminato 46° con 217 (70 71 76, +1), è tornato al successo con 201 colpi (69 66 66, -15) Johan Edfors (nella foto di David Paul Morris). Il 39enne svedese di Valberg era a digiuno di titoli dal 2006 quando aveva effettuato una tripletta nel circuito maggiore prima di spegnersi progressivamente fino a ritornare nel Challenge Tour, dove era andato già a segno per due volte nel 2003. Un bel finale ha permesso al francese Michael Lorenzo Vera di salire al secondo posto con 204 (-12) sopravanzando il tedesco Bernd Ritthammer, l’olandese Tim Sluiten e il cinese Mu Hu, terzi con 205 (-11). Delpodio ha condiviso la posizione con l’inglese Daniel Gaunt, con lo svedese Bjorn Akesson e con il cileno Mark Tullo. Edfors ha avuto la meglio con un forcing sulle seconde nove buche che ha prodotto sei birdie di cui quattro di fila a chiudere per il 66 (-6) vincente. Per lui un assegno di 44.416 euro su un montepremi di 273.000 euro. Lorenzo Vera ha siglato un 65 (-7) con otto birdie e un bogey. Delpodio ha tenuto un’andatura regolare con quattro birdie, ma nell’ultima buca è scivolato su un bogey (69, -3) che gli ha fatto perdere la terza piazza. Per Ravano un 76 (+4) con un birdie e cinque bogey. A causa del maltempo, che ha permesso di disputare un solo giro nelle prime due giornate, il torneo è stato accorciato da 72 a 54 buche con taglio dopo 18 limitato ai primi 50 in graduatoria e ai pari merito al 50° posto. Sono usciti Andrea Rota, 56° con 74 (+2), Niccolò Quintarelli, 72° con 75 (+3), Alessandro Tadini e Filippo Bergamaschi, 80.i con 76 (+4), e Lorenzo Gagli, 102° con 78 (+6).   Terza giornata – Matteo Delpodio si è portato dal 16° al quarto posto con 137 colpi (71 66, -7), grazie a un parziale di 66 (-6), nello Shankai Classic, quart’ultimo torneo stagionale del Challenge Tour in svolgimento al Chongqing Poly Golf Club (par 72), nella città di Chongqing in Cina. E’ sceso dal settimo al 22° con 141 (70 71, -3) Nicolò Ravano, autore di un 71 (-1). E’ al comando con 134 (69 65, -10) lo spagnolo Antonio Hortal, 28enne madrileno vincitore quest’anno del Challenge de Catalunya, suo primo titolo in carriera, che precede di un colpo il cileno Mark Tullo e lo svedese Johan Edfors (135, -9), che ha conosciuto giorni migliori nell’European Tour (tre vittorie nel 2006). Al quinto posto con 138 (-6) il tedesco Bernd Ritthammer, lo spagnolo Alvaro Velasco, il francese Cyril Bouniol, lo svedese Bjorn Akesson, l’olandese Tim Sluiter, il danese Lasse Jensen e il cinese Mu Hu. A causa del maltempo, che ha permesso di disputare un solo giro nelle prime due giornate, il torneo è stato accorciato da 72 a 54 buche con taglio dopo 18 limitato ai primi 50 in graduatoria e ai pari merito al 50° posto. Sono usciti Andrea Rota, 56° con 74 (+2), Niccolò Quintarelli, 72° con 75 (+3), Alessandro Tadini e Filippo Bergamaschi, 80.i con 76 (+4), e Lorenzo Gagli, 102° con 78 (+6). Hortal ha fatto percorso netto con sette birdie per il 65 (-7), Delpodio, che ha chances di competere per il titolo, ha messo insieme un eagle, cinque birdie e un bogey per il 66 e Ravano ha siglato il 71 con cinque birdie, due bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 273.000 euro dei quali 44.416 euro andranno al vincitore.   Seconda giornata – Il maltempo ha rivoluzionato lo Shankai Classic, quart’ultimo torneo stagionale del Challenge Tour in svolgimento al Chongqing Poly Golf Club (par 72), nella città di Chongqing in Cina. Infatti in due giorni è stato possibile completare solo il primo giro e di conseguenza è stato deciso di accorciare il torneo da 72 a 54 buche e di effettuare il taglio dopo 18, limitandolo ai primi 50 in graduatoria e ai pari merito al 50° posto. Sono al vertice con 65 (-7) colpi il cileno Mark Tullo e l’inglese Paul Maddy, che hanno lasciato a quattro colpi lo svedese Johan Edfors, il danese Lasse Jensen, il francese Edouard España e l’iberico Antonio Hortal (69, -3). Sono rimasti in gara due soli giocatori italiani, peraltro in ottima posizione: Nicolò Ravano, settimo con 70 (-2), e Matteo Delpodio, 16° con 71 (-1). Sono usciti Andrea Rota, 56° con 74 (+2), Niccolò Quintarelli, 72° con 75 (+3), Alessandro Tadini e Filippo Bergamaschi, 80.i con 76 (+4), e Lorenzo Gagli, 102° con 78 (+6). Tullo, sette birdie, e Maddy, un eagle e cinque birdie, non hanno segnato bogey, così come Ravano, che di birdie ne ha messi a segno due. Per Delpodio tre birdie e due bogey. Il montepremi è di 273.000 euro dei quali 44.416 euro andranno al vincitore. Prima giornata  – E’ stato sospeso il primo giro dello Shankai Classic, quart’ultimo torneo stagionale del Challenge Tour che ha luogo al Chongqing Poly Golf Club (par 72), nella città di Chongqing in Cina. Nella classifica provvisoria, che sarà soggetta a mutamenti importanti al termine del turno, è al vertice con un “meno 5” dopo nove buche l’inglese Paul Maddy, che precede il francese Edouard España e lo spagnolo Antonio Hortal, in club house con un parziale di 69, il danese Lasse Jensen e il cinese Mu Hu, che hanno lo stesso “meno 3” con nove buche ancora da giocare. Al sesto posto con 70 lo svedese Pontus Widegren, l’iberico Alvaro Velasco e il transalpino Cyril Bouniol, affiancati sul “meno 2” dall’altro francese Julien Guerrier, fermato alla buca 12, dal cileno Mark Tullo, dal coreano Beyong-hun An e dal cinese Bin Yang, stoppati alla nona. Hanno concluso il giro quattro dei sette italiani in campo: Matteo Delpodio (nella foto), 13° con 71 (-1), Niccolò Quintarelli, 75° con 75 (+3), Alessandro Tadini e Filippo Bergamaschi, 85.i con 76 (+4). Debbono completarlo Nicolò Ravano, che è alla pari con Delpodio, ma ha ancora dodici buche a disposizione per migliorarsi, Andrea Rota, 22° con il par (6ª buca), e Lorenzo Gagli, 97° con “+5” (12ª). Il montepremi è di 273.000 euro dei quali 44.416 euro andranno al vincitore.  

Prologo – Alessandro Tadini, Niccolò Quintarelli, Matteo Delpodio, Filippo Bergamaschi, Lorenzo Gagli, Niccolò Ravano e Andrea Rota partecipano allo Shankai Classic (16-19 ottobre), in programma al Chongqing Poly Golf Club, nella città di Chongqing in Cina. E’ il quart’ultimo torneo del Challenge Tour, dotato di un montepremi di 273.000 euro, superiore alla media, così come lo saranno anche quelli degli altri tre eventi, decisivi ai fini dell’assegnazione delle 15 ‘carte’ per l’European Tour 2015 che andranno ai primi della money list.

Tappa determinante, ovviamente, l’ultima a Dubai (Dubai Festival City Challenge, 5-8 novembre) alla quale saranno ammessi solo i primi 45 classificati dell’ordine di merito e al momento Tadini, Quintarelli e Delpodio sono dentro, Bergamaschi e Gagli a ridosso e gli altri due, non lontani dalla 45ª piazza, hanno ottime possibilità di entrarvi, ma dovranno sfruttare al meglio appunto le due gare in Cina, l’attuale e la prossima (Foshan Open, 23-26 ottobre), e la terza in Oman (Oman Classic, 30 ottobre-2 novembre) che anticipano il viaggio a Dubai. Naturalmente la concorrenza sarà fortissima, perché in ogni evento saranno al via quasi tutti i i migliori, come in questa occasione in cui nel field figurano, per citarne alcuni, il coreano Byeong-hun An. il cileno Mark Tullo, il sudafricano Jake Roos, i francesi Michael Lorenzo Vera, Edouard España, Adrien Bernadet, Cyril Bouniol e Thomas Linard, gli iberici Antonio Hortal e Alvaro Velasco  e l’inglese Steven Brown.   I risultati