fbpx

Challenge Tour in Francia: Tadini e Quintarelli 4.i imprendibile Hebert

  07 Settembre 2014 News
Condividi su:

Alessandro Tadini (68 69 62 72) , nella foto, e Niccolò Quintarelli (66 69 67 69) hanno ottenuto un gratificante quarto posto nell’Open Blue Green Cotes d`Armor Bretagne (Challenge Tour), svoltosi sul tracciato del Golf Blue Green de Pléneuf Val André (par 70), a Pleneuf in Francia. Pur se erano in corsa per il titolo dopo 54 buche, i due azzurri non hanno nulla da rimproverarsi, perché contro il francese Benjamin Hebert (265 – 66 66 67 66, -15), che ha dimostrato di avere una marcia in più, c’era poco da fare. Al secondo posto è terminato con 268 (-12) lo scozzese Andrew McArthur, al terzo con 270 (-10) l’inglese Paul Dwyer e al quarto, con i due italiani, anche il gallese Oliver Farr, l’inglese Ben Evans e il belga Hugues Joannes. Crollo verticale dell’inglese Ross McGowan, 41° con 276 (-4) dopo un 77 (+7), in vetta con Hebert, Tadini e McArthur all’inizio del giro conclusivo. In 63ª posizione con 284 (+4) Matteo Delpodio (70 69 75 70). Hebert, che nel 2011 era passato dal Challenge Tour all’European Tour in corso d’opera grazie alla norma che promuove immediatamente dopo tre successi in stagione, ha ora l’opportunità di riprovarci avendo ottenuto il secondo quest’anno. Ha subito chiarito le sue intenzioni con sei birdie e un bogey sulle prime dieci buche, a cui ha aggiunto un altro ininfluente bogey per il 66 (-4) vincente. Tadini non ha trovato il ritmo giusto, comunque si è mantenuto in par (due birdie e due bogey) fino alla buca 16, dove era secondo con McArthur, ma alla 17 un doppio bogey gli ha fatto perdere la posizione (72, +2). Quintarelli ha offerto la solita prestazione grintosa e alla fine è stato premiato con la risalita di tre gradini in classifica grazie al parziale di 69 (-1, con quattro birdie e tre bogey). Per Delpodio 70 colpi con sei birdie, due bogey e due doppi bogey. E’ uscito al taglio Andrea Rota, 117° con 146 (78 68, +6), mentre si sono ritirati Filippo Bergamaschi, sesto dopo un turno, e Lorenzo Gagli. A Hebert sono andati 32.000 euro su un montepremi di 200.000 euro.

Terzo giro – Autentica prodezza di Alessandro Tadini (nella foto), che con un 62 (-8) e lo score di 199 (68 69 62, -11) si è portato dal 31° al primo posto nell’Open Blue Green Cotes d`Armor Bretagne (Challenge Tour) dove ha la compagnia dello scozzese Andrew McArthur (67 69 63), del francese Benjamin Hebert (66 66 67) e dell’inglese Ross McGowan (67 62 70), che con un bogey sull’ultima buca ha perso la leadership solitaria.

Sul tracciato del Golf Blue Green de Pléneuf Val André (par 70), a Pleneuf in Francia, proveranno a inserirsi nella corsa al successo anche il transalpino Michael Lorenzo Vera, quinto con 200 (-10), il portoghese Pedro Figueiredo, sesto con 201 (-9), e il brillante Niccolò Quintarelli (202 – 66 69 67, -8) insieme ai concorrenti che lo affiancano al settimo posto, il francese Jerome Lando Casanova e gli inglesi Paul Dwyer e Dave Coupland. Al 68° Matteo Delpodio con 214 (70 69 75, +4). Tadini ha fissato il miglior punteggio del turno con un eagle, sette birdie e un bogey; McArthur ha risposto con un 63 (-7) dovuto a otto birdie e un bogey; Hebert di colpi ne ha tirati 67 con sei birdie, un bogey e un doppio bogey e McGowan (70, par) ha annullato gli effetti positivi di sei birdie con tre bogey e un triplo bogey. Quintarelli ha assemblato sei birdie e tre bogey per il 67 e Delpodio ha girato in 75 (+5) con due birdie e sette bogey. Out a metà gara Andrea Rota, 117° con 146 (78 68, +6), mentre si sono ritirati Filippo Bergamaschi, sesto dopo un turno, e Lorenzo Gagli. Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 gratificheranno il vincitore. Secondo giro – Niccolò Quintarelli (nella foto), 14° con 135 colpi (66 69, -5), ha tenuto un buon ritmo anche nel secondo giro dell’Open Blue Green Cotes d`Armor Bretagne (Challenge Tour), che si sta svolgendo sul tracciato del Golf Blue Green de Pléneuf Val André (par 70), a Pleneuf, dove Alessandro Tadini è 31° con 137 (68 69, -3) e Matteo Delpodio 49° con 139 (70 69, -1). Out Andrea Rota, 117° con 146 (78 68, +6), mentre si sono ritirati Filippo Bergamaschi, sesto dopo un turno, e Lorenzo Gagli. Stanno dominando gli inglesi: Ross McGowan è il leader con 129 (67 62, -11), Dave Coupland è secondo con 131 (-9) e Paul Dwyer terzo con 132 (-8) insieme al francese Benjamin Hebert. Un altro inglese, Charlie Ford, è in quinta posizione con 133 (-7), alla pari con il transalpino Michael Lorenzo Vera, e ancora Robert Coles è settimo con 134 (-6) affiancato dal danese Jeff Winther, dallo scozzese David Law, dal norvegese Erik Tage Johansen, dal belga Hugues Joannes e dai francesi Jerome Lando Casanova e Damien Perrier. Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 gratificheranno il vincitore. Primo giro – Filippo Bergamaschi è al sesto posto con 65 (-5) colpi e Niccolò Quintarelli all’ottavo con 66 (-4) nell’Open Blue Green Cotes d`Armor Bretagne (Challenge Tour), che si sta svolgendo sul tracciato del Golf Blue Green de Pléneuf Val André (par 70), a Pleneuf. Guida la graduatoria con 63 (-7) l’inglese Ben Evans, seguito con 64 (-6) dal connazionale Dave Coupland, dal belga Hugues Joannes, dal portoghese Ricardo Gouveia e dallo scozzese Jack Doherty, mentre Bergamaschi è affiancato dal sudafricano Brandon Stone. Si è ben difeso Alessandro Tadini, 34° con 68 (-2), e sono in ritardo Matteo Delpodio, 71° con 70 (par), Lorenzo Gagli, 120° con 73 (+3), Nicolò Ravano, 137° con 75 (+5), e Andrea Rota, 150° con 78 (+8). Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 gratificheranno il vincitore. Prologo – Trasferta in Francia per il Challenge Tour che propone l’Open Blue Green Cotes d`Armor Bretagne (4-7 settembre) sul tracciato del Golf Blue Green de Pléneuf Val André, a Pleneuf, dove saranno al via Lorenzo Gagli, Alessandro Tadini, Matteo Delpodio, Niccolò Quintarelli, Andrea Rota, Filippo Bergamaschi e Nicolò Ravano. Sono tutti giocatori in grado di potersi proporre quanto meno per posizioni d’alta classifica insieme allo svedese Joakim Lagergren, reduce dal successo della scorsa settimana nel Northern Ireland Open, al cileno Mark Tullo, al sudafricano Jake Roos, al gallese Rhys Davies, ai francesi Thomas Linard, Benjamin Hebert e Adrien Bernadet, all’inglese William Harrold e agli spagnoli Jordi Garcia Pinto e Antonio Hortal. Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 gratificheranno il vincitore.   I risultati   LET: IN SVEZIA L’OLANDESE DEWI CLAIRE SCHREEFEL A CACCIA DEL PRIMO TITOLO – L’olandese Dewi Claire Schreefel è rimasta in vetta con 205 colpi (67 70 68, -11) nell’Helsingborg Open, evento del Ladies European Tour in svolgimento sul percorso del Vasatorp Golf Club (par 72), a Helsingborg in Svezia. La 29enne di Alkmaar, in cerca del primo titolo nel circuito, affronterà il turno conclusivo con due colpi di margine sull’australiana Rebecca Artis (207, -9), tre sulla svedese Caroline Hedwall (208, -8) e quattro sulla tedesca Christina Wolf (209, -7). Subito dietro la danese Line Vedel, quinta con 210 (-6), la gallese Becky Brewerton, la finlandese Noora Tamminen e l’australiana Whitney Hillier, seste con 211 (-5). Non hanno superato il taglio, dopo 36 buche, Margherita Rigon e Sophie Sandolo, 93.e con 152 (+8) e con gli stessi parziali (76 76), e Stefania Croce, 110ª con 155 (77 78, +11). Il montepremi è di 250.000 euro.  Secondo giro – L’olandese Dewi Claire Schreefel è rimasta da sola al comando con 137 colpi (67 70, -7) nell’Helsingborg Open, torneo del Ladies European Tour in svolgimento sul percorso del Vasatorp Golf Club (par 72), a Helsingborg in Svezia. La Schreefel a distaccato di due colpi l’australiana Whitney Hillier (139, -5) agganciata al secondo posto dalla connazionale Rebecca Artis e dalla scozzese Kylie Walker. Folto il gruppo in quinta posizione con 140 (-4) composto dalle danesi Nicole Broch Larsen e Line Vedel, dalla norvegese Marianne Skarpnord, dalle svedesi Caroline Hedwall e Louise Friberg, dalla tedesca Christine Wolf e dalle francesi Valentine Derrey e Lucie Andrè. Non hanno superato il taglio le tre italiane in gara: Margherita Rigon e Sophie Sandolo, 93.e con 152 (+8) e con gli stessi parziali (76 76), e Stefania Croce, 110ª con 155 (77 78, +11). Il montepremi è di 250.000 euro. Primo giro – L’australiana Whitney Hillier e l’olandese Dewi Claire Schreefel sono in vetta con 67 (-5) colpi nell’Helsingborg Open, torneo del Ladies European Tour che si disputa sul percorso del Vasatorp Golf Club (par 72), a Helsingborg in Svezia. Hanno un colpo di ritardo la svedese Camilla Lennarth e la finlandese Minnea Blomqvist (68, -4) e occupano il quinto posto con 69 (-3) dieci concorrenti tra le quali si trovano l’inglese Laura Davies, la danese Malene Jorgensen, la francese Valentine Derrey e l’australiana Nikki Garrett. In difficoltà le tre italiane presenti: Margherita Rigon e Sophie Sandolo, 88.e con 76 (+4), e Stefania Croce, 100ª con 77 (+5). Il montepremi è di 250.000 euro. Prologo – Stefania Croce, Margherita Rigon e Sophie Sandolo saranno le sole rappresentanti azzurre all’Helsingborg Open (4-7 settembre), evento del Ladies European Tour che avrà luogo sul tracciato del Vasatorp Golf Club, a Helsingborg in Svezia. Nelle previsioni della vigilia si fanno i nomi delle inglesi Laura Davies, Holly Clyburn e Trish Johnson, tornata al successo la scorsa settimana nell’Aberdeen Scotland Open, delle francesi Gwladys Nocera, Anne-Lise Caudal e Valentine Derrey, delle svedesi Caroline Hedwall, Camilla Lennarth e Sophie Gustafson, della statunitense Beth Allen, dell’australiana Bree Arthur e della sudafricana Stacy Lee Bregman. Il montepremi è di 250.000 euro.   I risultati