fbpx

Challenge Tour: colpo grosso di William Harrold al sesto posto Rota e Bergamaschi

  22 Giugno 2014 News
Condividi su:

​Filippo Bergamaschi (69 69 68 66) e Andrea Rota (66 72 67 67), nella foto, sono terminati al sesto posto con 272 (-12) colpi nel Belgian Challenge Open e hanno confermato la tendenza che negli ultimi tempi vede con una certa continuità gli italiani in alta classifica nel Challenge Tour. Sul tracciato del Cleydael G&CC (par 71), ad Aartselaar in Belgio, ha prevalso con 266 (-18) colpi l’inglese William Harrold (70 63 67 66), che ha concluso il torneo alla pari con il tedesco Florian Fritsch (64 68 69 65) –  il quale lo aveva raggiunto nel finale – e poi lo ha superato con un par alla prima buca di spareggio.

In terza posizione con 268 (-16) gli inglesi Jason Palmer e Dave Coupland e in quinta con 269 (-15) il francese Joel Stalter. Note positive in casa azzurra anche per Nicolò Ravano, 15° con 274 (66 71 67 70, -10), metà graduatoria per Lorenzo Gagli, 29° con 276 (71 69 67 69, -8), e bassa per Niccolò Quintarelli, 60° con 285 (71 69 70 75, +1), e per Andrea Perrino, 63° con 286 (67 72 75 72, +2). Out al taglio Francesco Laporta, 120° con 147 (72 75, +5). Harrold, 26 anni e leader dopo 54 buche, ha colto il primo titolo appena alla terza gara nel Challenge Tour, tenendo alto il ritmo con un 66 (-5) fatto di cinque birdie senza bogey. Ha ricevuto un assegno di 25.600 euro su un montepremi di 160.000 euro. Fritsch ha avuto il merito di raggiungerlo con un 65 (-6), miglior score di giornata, in cui ha inserito sette birdie contro un bogey, poi ha sbagliato nello spareggio Bergamaschi ha rimontato sedici posizioni con un 66 frutto di sei birdie e di un bogey e Rota nove con un 67 (-5). E’ partito come una freccia con un eagle e tre birdie in sei buche, poi ha rallentato compiendo il resto del tragitto con due birdie e tre bogey. Per Ravano 70 (-1) colpi con quattro birdie e tre bogey; per Gagli 69 (-2) con cinque birdie e tre bogey; per Quintarelli 75 (+4) con due birdie, due bogey e due doppi bogey; per Perrino 72 (+1) con tre birdie e quattro bogey. Terzo giro – Nicolò Ravano è salito dal 17° al 10° posto con 204 (66 71 67, -9) e con quattro colpi di ritardo dal nuovo leader, l’inglese William Harrold (200 – 70 63 67, -13) potrà dire la sua per il titolo nel giro finale del Belgian Challenge Open (Challenge Tour) che si sta disputando sul tracciato del Cleydael G&CC (par 71), ad Aartselaar in Belgio. Hanno risalito la graduatoria anche Andrea Rota, da 26° a 15° con 205 (66 72 67, -8), Filippo Bergamaschi, da 26° a 22° con 206 (69 69 68, -7), e Lorenzo Gagli, da 44° a 32° con 207 (71 69 67, -6), mentre hanno perso terreno Niccolò Quintarelli, da 44° a 49° con 210 (71 69 70, -3), e Andrea Perrino, da 32° a 64° con 214 (67 72 75, +1). Harrold, 26 anni e alla terza gara nel circuito dove è arrivato dalla Qualifying School, precede di un colpo il tedesco Florian Fritsch e il messicano Rodolfo Cazaubon (201, -12) e di due lo scozzese Paul McKechnie, il francese Joel Stalter e gli inglesi Dave Coupland, Richard McEvoy e Jason Palmer, in vetta dopo due turni. Il leader ha girato in 67 (-4) con cinque birdie e un bogey, stesso parziale di Ravano, che all’eagle iniziale ha aggiunto quattro birdie e due bogey, e di Rota che ha infilato cinque birdie in dodici buche e poi ha chiuso con un bogey. Per Bergamaschi 68 (-3) colpi con sei birdie e tre bogey, anche per Gagli 67 con un eagle, tre birdie e un bogey, per Quintarelli 70 (-1) con tre birdie e due bogey e per Perrino 75 (+4) con due birdie, due bogey e due doppi bogey. E’ uscito al taglio Francesco Laporta, 120° con 147 (72 75, +5). Il montepremi è di 160.000 euro dei quali 25.600 euro andranno al vincitore. Secondo giro – L’inglese Jason Palmer è al comando con 129 colpi (66 63, -13) nel Belgian Challenge Open (Challenge Tour) che si sta disputando sul tracciato del Cleydael G&CC (par 71), ad Aartselaar in Belgio. Lo inseguono a due colpi il messicano Rodolfo Cazaubon (131, -11), a tre il tedesco Florian Fritsch e il francese Joel Stalter (132, -10) e a quattro l’inglese William Harrold e lo spagnolo Alvaro Velasco (133, -9). Il  migliore degli italiani è Nicolò Ravano, 17° con 137 colpi (66 71, -5), e navigano nella parte centrale della graduatoria Filippo Bergamaschi (69 69) e Andrea Rota (66 72), 26.i con 138 (-4), Andrea Perrino, 32° con 139 (67 72, -3), Lorenzo Gagli (71 69) e Niccolò Quintarelli (71 69), 44.i con 140 (-2). E’ uscito al taglio Francesco Laporta, 120° con 147 (72 75, +5). Palmer, 30enne di Melton Mowbray emerso dall’Alps Tour, ha marciato spedito con un 63 (-8) fatto di nove birdie e di un bogey. Ravano ha girato in 71 (par) con due birdie e due bogey; Bergamaschi in 69 (-2) con cinque birdie e tre bogey; Rota in 72 (+1) con due birdie e tre bogey; anche Perrino in 72 con quattro birdie, tre bogey e un doppio bogey; Gagli in 69 con tre birdie e un bogey e stesso parziale per Quintarelli con sette bridie, tre bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 160.000 euro dei quali 25.600 euro andranno al vincitore. Primo giro – Bell’inizio di Nicolò Ravano e di Andrea Rota, quinti con 66 (-5) colpi, e di Andrea Perrino, 14° con 67 (-4), nel Belgian Challenge Open (Challenge Tour) sul tracciato del Cleydael G&CC (par 71), ad Aartselaar in Belgio. Leader con 63 (-8) è l’inglese Dave Coupland, davanti al tedesco Florian Fritsch (64, -7), allo spagnolo Jordi Garcia Del Moral e al messicano Rodolfo Cazaubon (65, -6). Ravano e Rota sono affiancati dallo scozzese George Murray, dai belgi Hugues Joannes e Kevin Hesbois, quest’ultimo dilettante, dagli inglesi Jason Palmer e Chris Paisley, dall’olandese Robin Kind e dall’australiano Terry Pilkadaris. Due colpi sotto par per Filippo Bergamaschi, 31° con 69 (-2), a metà classifica Niccolò Quintarelli e Lorenzo Gagli, 65.i con 71 (par), e poco oltre Francesco Laporta, 85° con 72 (+1). Coupland ha fatto percorso netto con otto birdie, mentre Ravano ne ha messi a segno sette con due bogey, Rota sei con un bogey e Perrino cinque birdie con un bogey. Per Bergamaschi cinque birdie e tre bogey; per Quintarelli quattro birdie e quattro bogey; per Gagli cinque birdie, un bogey e due doppi bogey; per Laporta due birdie e tre bogey. Il montepremi è di 160.000 euro dei quali 25.600 euro andranno al vincitore. Prologo– Il Challenge Tour si trasferisce dalla Francia al Belgio per la disputa del Belgian Challenge Open (19-22 giugno) sul tracciato del Cleydael G&CC ad Aartselaar. Vi partecipano Lorenzo Gagli, Andrea Rota, Niccolò Quintarelli, Nicolò Ravano, Andrea Perrino, Filippo Bergamaschi e Francesco Laporta. Tra i possibili protagonisti, oltre a Gagli e a Rota reduci dal terzo posto nel Najeti Hotels et Golfs Open e desiderosi di conferme, il francese Thomas Linard, gli spagnoli Antonio Hortal e Carlos Aguilar, il gallese Rhys Davies, lo svedese Bjorn Akesson, l’inglese Daniel Gaunt e il coreano Byeong-hun An. Il montepremi è di 160.000 euro dei quali 25.600 euro andranno al vincitore.   I risultati