fbpx

Challenge Tour: a sorpresa vince Brinson Paolini

  28 Luglio 2013 News
Condividi su:

Finale a sorpresa nel Le Vaudreuil Golf Challenge (Challenge Tour), disputato sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil, nella città da cui la gara ha preso il nome. Si è infatti imposto con 269 colpi (69 66 66 68, -19) lo statunitense Brinson Paolini, che ha saputo approfittare del crollo del coreano Sihwan Kim (270, -18), il quale a nove buche dal termine sembrava sicuro vincitore e che invece ha dovuto condividere la seconda piazza con lo spagnolo Adrian Otaegui. In quarta posizione con 271 (-17) l’inglese Phillip Archer, l’olandese Daan Huizing, lo scozzese Duncan Stewart e il sudafricano Dylan Frittelli e in ottava con 272 (-16) l’iberico Alvaro Velasco e lo scozzese Jamie McLeary. Paolini, 22 anni compiuti a gennaio, nativo di Boise nell’Idaho e trasferitosi nel 2002 a Virginia Beach, è passato professionista l’8 luglio scorso dopo aver vinto per la quarta volta in sei anni il Virginia State Golf Association Amateur. Come il suo connazionale Brooks Koepka, ha scelto la strada dell’Europa e ha messo a frutto nel miglior modo i primi tre inviti ricevuti: ha ottenuto il secondo posto nello Swiss Challenge, il 25° nel Mugello Tuscany Open e ha vinto al terzo tentativo. Ricordavamo Koepka che, iniziando con gli inviti, nel 2012 fece più o meno la stessa cosa con un titolo conquistato rapidamente e che poi quest’anno, vincendo altre tre gare in un mese, è salito direttamente nell’European Tour. Paolini ha iniziato il giro finale al secondo posto insieme ad Otaegui e a cinque colpi di Kim, che a metà percorso ha mantenuto inalterata la distanza dallo statunitense, mentre l’iberico ha guadagnato un colpo. Dalla 10 l’imprevisto crollo di Kim con tre bogey e un doppio bogey in quattro buche e l’aggancio da parte di Paolini, mentre Otaegui non è riuscito ad alzare i ritmi e ha subito una frenata decisiva con un bogey. Alla 17 il coreano ha provato riprendersi il titolo con un birdie, ma sull’ultima buca ha trovato ancora un bogey che unito al birdie di Paolini ha causato il sorpasso. Per l’americano, che ha ricevuto un assegno di 28.800 euro su un montepremi di 180.000 euro, 68 (-4) colpi con quattro bridie e un bogey; per Kim 74 (+2) con cinque birdie, altrettanti bogey e un doppio bogey; per Otaegui 70 (-2) con tre birdie e un bogey. Non hanno superato taglio tutti gli italiani in gara: Domenico Geminiani, 65° con 141 (73 68, -3), Niccolò Quintarelli, 100° con 144 (73 71, par), Filippo Bergamaschi, 122° con 146 (72 74, +2), Andrea Rota, 126° con 147 (72 75, +3) e Federico Colombo, 138° con 149 (75 74, +5). Non avendo più chances per evitare l’uscita anticipata non hanno ripreso il gioco, dopo l’interruzione nel secondo turno, Andrea Perrino e Nino Bertasio, che al momento della sospensione erano rispettivamente sul “+1” e sul “+5” entrambi alla buca 15. Terzo giro –  Il maltempo non concede tregua al Le Vaudreuil Golf Challenge (Challenge Tour), sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil, nella città da cui la gara prende il nome: il gioco è stato sospeso nuovamente e anche il terzo giro non è stato condotto a termine, mentre il secondo si è concluso nella mattinata. Nella classifica provvisoria è al comando il coreano Sihwan Kim con “meno 19” dopo l’ottava buca del terzo turno, seguito dallo spagnolo Adrian Otaegui con “meno 14” alla nona e da un quartetto con “meno 13” composto dagli inglesi Ben Evans (15ª) e Paul Maddy (12ª), dallo scozzese Duncan Stewart (9ª) e dal francese Edouard España (8ª). Non hanno superato taglio tutti gli italiani in gara: Domenico Geminiani, 65° con 141 (73 68, -3), Niccolò Quintarelli, 100° con 144 (73 71, par), Filippo Bergamaschi, 122° con 146 (72 74, +2), Andrea Rota, 126° con 147 (72 75, +3) e Federico Colombo, 138° con 149 (75 74, +5). Non avendo più chances per evitare l’uscita anticipata non hanno ripreso il gioco Andrea Perrino e Nino Bertasio, che al momento della sospensione erano rispettivamente sul “+1” e sul “+5” entrambi alla buca 15. Il montepremi è di 180.000 euro dei quali 28.800 gratificheranno il vincitore. Secondo giro – Il secondo giro del Le Vaudreuil Golf Challenge (Challenge Tour), sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil, nella città da cui la gara prende il nome, è stato sospeso per il maltempo. Leader in club house è il coreano Sihwan Kim con 129 colpi (65 64, -15) che precede il francese Edouard España (130, -14) e lo statunitense Chan Kim (132, -12). Al quarto posto con 133 (-1) lo spagnolo Adrian Otaegui e l’inglese Andrew Johnson e con lo stesso “meno 1” l’altro inglese Jason Barnes, fermato alla 15ª buca, e il sudafricano Dylan Frittelli, che potrebbe arrivare anche in vetta con sei buche ancora da giocare. Tra i giocatori italiani potrebbe superare il taglio Domenico Geminiani in bilico al 60° posto con 141 (73 68, -3), mentre sono fuori Niccolò Quintarelli, 100° con 144 (73 71, par), e Filippo Bergamaschi, 121° con 146 (72 74, +2). Degli altri azzurri che debbono completare il turno può sperare solo Andrea Rota, 110° con “+1” alla nona buca, mentre non hanno chances di recupero Andrea Perrino, anche lui 110° ma alla 15ª, Nino Bertasio, 142° con “+5” alla 15ª e Federico Colombo, 146° con “+6” alla nona. Il montepremi è di 180.000 euro dei quali 28.800 gratificheranno il vincitore. Primo giro – Giornata difficile per i giocatori italiani impegnati nel Le Vaudreuil Golf Challenge (Challenge Tour), tutti oltre la linea del taglio dopo il turno iniziale, con Andrea Perrino 71° con 71 (-1), Andrea Rota e Filippo Bergamaschi 89.i con 72 (par), Domenico Geminiani e Niccolò Quintarelli 109.i con 73 (+1), Federico Colombo 129° con 75 (+3) e Nino Bertasio 151° con 77 (+5). Sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil, nella città da cui la gara prende il nome, prodezze del 23enne neoprofessionista olandese Daan Huizing autore di un gran 61 (-11, con undici birdie), ma non è stato da meno l’inglese Jason Barnes, secondo con 63 (-9, con nove birdie). Terza piazza con 64 (-8) per i francesi François Calmels, Lionel Weber ed Edouard España, per il sudafricano Dylan Frittelli e per l’inglese Andrew Johnston e ottava con 65 (-7) per il portoghese José-Filipe Lima, per il coreano Sihwan Kim e per il francese Raphael Marguery. Perrino ha girato un colpo sotto par con tre bridie e due bogey, Rota e Bergamaschi in par con tre birdie e tre bogey per il primo e con un eagle, tre birdie, tre bogey e un doppio bogey per il secondo. Geminiani e Quintarelli hanno fatto cammino parallelo con due birdie, un bogey e un doppio bogey, Colombo ha messo insieme quattro birdie, cinque bogey e un doppio bogey e Bertasio tre birdie, sei bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 180.000 euro dei quali 28.800 gratificheranno il vincitore. Prologo – Il Challenge Tour fa tappa in Francia dove si disputa Le Vaudreuil Golf Challenge (25-28 luglio) sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil, nella città da cui la gara prende il nome. Vi sono impegnati  sette giocatori italiani: Andrea Perrino, Federico Colombo, Nino Bertasio, Niccolò Quintarelli, Domenico Geminiani, Andrea Rota e Filippo Bergamaschi. In campo i francesi Victor Riu, François Calmels e Gary Stal, il sudafricano Dylan Frittelli, lo spagnolo Jordi Garcia Pinto, il gallese Rhys Davies, l’inglese Oliver Wilson, l’austriaco Markus Brier e lo scozzese George Murray. Il montepremi è di 180.000 euro dei quali 28.800 gratificheranno il vincitore.   I risultati