fbpx

Challenge: Ryan Fox ok 24° Andrea Pavan

  26 Luglio 2015 News
Condividi su:

Ha faticato parecchio nel giro finale, ma il neozelandese Ryan Fox (nella foto di Getty Images) è riuscito a vincere con 270 colpi (62 67 68 73, -14), dopo una corsa di testa, il Le Vaudreuil Golf Challenge, sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil (par 71), nella città francese che da il nome al torneo del Challenge Tour. Fox, 27 anni e reduce dall’Open Championship dove è terminato 49°, è riuscito a mantenere un colpo di vantaggio sul francese Thomas Linard (271, -13) rispondendo con un birdie sull’ultima buca al tentativo di aggancio fatto dall’avversario con la stessa moneta.

  Ha rimontato fino a metà classifica Andrea Pavan, da 49° a 24° con 281 (67 73 73 68, -3), ed è scivolato dal 32° al 65° posto Nino Bertasio con 288 (67 67 77 77, +4).   Altri protagonisti della gara lo svedese Steven Jeppesen e lo statunitense Connor Arendell, terzi con 275 (-9), e in quinta posizione con 276 (-8) il francese Mathieu Decottignies-Lafon, l’inglese Stiggy Hodgson, lo scozzese Duncan Stewart, il sudafricano Haydn Porteous e lo svedese Pontus Widegren. Sono usciti al taglio Lorenzo Gagli (68 74) e Leonardo Motta (71 71), 71.i con 142 (par) e fuori per un colpo, Nicolò Ravano, 95° con 144 (70 74, +2), e Filippo Bergamaschi, 116° con 146 (69 77, +4). Fox, per la sua prima vittoria nel circuito, ha percepito un assegno di 32.000 euro su un montepremi di 200.000 euro.   Terzo giro – E’ sceso a metà classifica Nino Bertasio, da quinto a 32° con 211 colpi (67 67 77, -2), mentre è rimasto in bassa Andrea Pavan, 49° con 213 (67 73 73, par) nel Le Vaudreuil Golf Challenge, che si conclude sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil (par 71), nella città francese che da il nome al torneo del Challenge Tour.   Ha continuato la sua corsa di testa il neozelandese Ryan Fox (197 – 62 67 68, -16), si è portato in seconda posizione il francese Thomas Linard (200, -13) ed è scivolato dalla seconda in terza lo statunitense Connor Arendell (202, -11), dove è stato agganciato dallo svedese Steven Jeppesen. Non sembrano avere molte speranze di poter insidiare Fox il sudafricano Haydn Porteous, quinto con 203 (-10), lo svedese Pontus Widegren, sesto con 204 (-9), e il tedesco Alexander Knappe, settimo con 205 (-8).   Fox, 27 anni e reduce dall’Open Championship dove è terminato 49°, ha tenuto la testa con un 68 (-3) dovuto a un eagle, quattro birdie e a tre bogey. Bertasio ha segnato 77 (+6) colpi con un birdie, cinque bogey e un doppio bogey e Pavan 73 (+2) con tre birdie, tre bogey e un doppio bogey.   Sono usciti al taglio Lorenzo Gagli (68 74) e Leonardo Motta (71 71), 71.i con 142 (par) e fuori per un colpo, Nicolò Ravano, 95° con 144 (70 74, +2), e Filippo Bergamaschi, 116° con 146 (69 77, +4). Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 euro andranno al vincitore.   Secondo giro Nino Bertasio, ottimo quinto  con 134 colpi (67 67, -8), e Andrea Pavan, 53° con 140 (67 73, -2), sono gli unici italiani rimasti in corsa nel Le Vaudreuil Golf Challenge, in svolgimento sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil (par 71), nella città francese che da il nome al torneo del Challenge Tour.   Il neozelandese Ryan Fox ha mantenuto il comando con 129 colpi (62 67, -13), incalzato dallo statunitense Connor Arendell, secondo con 130 (-12). E’ salito al terzo posto con 131 (-11) il francese Thomas Linard, è al quarto con 133 (-9) il sudafricano Haydn Porteous e sono insieme a Bertasio gli svedesi Steve Jeppesen e Jens Fahrbring, il tedesco Alexander Knappe, l’irlandese Niall Kearney, lo scozzese Jamie McLeary e l’inglese Robert Coles.   Fox, 27 anni e reduce dall’Open Championship dove è terminato 49°, ha tenuto un bel passo con un 67 (-4) dovuto a sei birdie e a due bogey. Arendell è andato meglio con un 65 (-6) frutto di sette birdie, di cui cinque consecutivi, e di un bogey. Bertasio ha fatto due passi avanti con sei birdie e due bogey per il 67 (-4) e Pavan ha disceso la classifica di 46 gradini con un 73 (+2, con un birdie, un bogey e un triplo bogey). Sono usciti al taglio Lorenzo Gagli (68 74) e Leonardo Motta (71 71), 71.i con 142 (par) e fuori per un colpo, Nicolò Ravano, 95° con 144 (70 74, +2), e Filippo Bergamaschi, 116° con 146 (69 77, +4). Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 euro andranno al vincitore.   Primo giro – Ottima partenza di Andrea Pavan e di Nino Bertasio, settimi con 67 (-4) colpi nel Le Vaudreuil Golf Challenge (Challenge Tour), sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil (par 71), nella città francese che da il nome alla gara.   Guida la graduatoria grazie a un gran 62 (-9) il neozelandese Ryan Fox, ma non è stato da meno l’inglese Robert Coles, autore di un 63 (-8). Al terzo posto con 65 (-6) lo statunitense Connor Arendell e al quarto  con 66 (-5) il danese Andreas Harto e i francesi Adrien Bernadet e David Bobrowski. Ha tenuto un buon passo Lorenzo Gagli, 19° con 68 (-3), e sono in condizioni di superare il taglio gli altri italiani in gara, Filippo Bergamaschi, 33° con 69 (-2), Nicolò Ravano, 45° con 70 (-1), e Leonardo Motta, 71° con 71 (par).   Fox, 27 anni, è reduce dall’Open Championship dove è terminato 49°. Nel suo score un eagle e sette birdie. Coles, 43enne di Hornchurch con tre successi nel circuito di cui l’ultimo è datato 2009, ha effettuato anch’egli un cammino molto pulito con un eagle e sei birdie. Nessun bogey anche per Pavan, con quattro birdie, quindi sei birdie e due bogey per Bertasio, cinque birdie e due bogey per Gagli, sette birdie e cinque bogey per Bergamaschi, due birdie e un bogey per Ravano e quattro birdie e altrettanti bogey per Motta. Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 euro andranno al vincitore.   Prologo – Il Challenge Tour trasloca dalla Spagna in Francia dove propone il Le Vaudreuil Golf Challenge (23-26 luglio), sul tracciato del Golf PGA France du Vaudreuil, nella città che da il nome alla gara. Sei gli italiani in campo: Lorenzo Gagli, Nino Bertasio, Filippo Bergamaschi, Nicolò Ravano,  Leonardo Motta e Andrea Pavan, che alterna la sua stagione anche sull’European Tour.   Gli azzurri, che sembrano tutti avere qualche problema, cercheranno di cambiare passo in un contesto che comprende, tra gli altri, gli spagnoli Borja Virto, Nacho Elvira e Antonio Hortal, gli inglesi Jack Senior e Max Orrin, il francese Sebastien Gros, il portoghese Ricardo Santos, lo scozzese Jamie McLeary, lo svedese Jens Fahrbring, il belga Hugues Joannes e il sudafricano Justin Walters. Il montepremi è di 200.000 euro dei quali 32.000 euro andranno al vincitore.   I risultati