fbpx

Challenge: alle isole Canarie prodezza di Moritz Lampert Delpodio terzo, Ravano settimo

  08 Giugno 2014 News
Condividi su:

Matteo Delpodio, terzo con 268 (66 67 66 69, -16) e Nicolò Ravano, settimo con 270 (66 67 65 70, -14), sono stati i protagonisti del Fred Olsen Challenge de España (Challenge Tour), dove si sono presentati sul tee di partenza per il quarto giro al primo e al secondo posto, ma non sono riusciti a vincere. Non c’è stato demerito, ma sul percorso del Tecina Golf (par 71) a La Gomera, una delle Isole Canarie in Spagna, si sono dovuti inchinare alle prodezze del tedesco Moritz Lampert, vincitore con 264 colpi (69 66 66 63, -20), grazie a un 63 (-8), e del belga Hugues Joannes, secondo con 266 (-18), dopo un 64 (-7). Lo spagnolo Luis Claverie ha affiancato Delpodio, si sono classificati al quinto posto con 269 (-15) lo svedese Joel Sjoholm e l’inglese Andrew Johnston e sono terminati alla pari con Ravano gli iberici Diego Suazo, Agustin Domingo e Alvaro Velasco. Si è reso autore di una bella rimonta Alessandro Tadini, 12° con 272 (70 69 68 65, -12), e sono andati a premio anche Andrea Rota, 31° con 277 (67 67 69 74, -7), Andrea Maestroni, 57° con 283 (71 69 75 68, -1), e Filippo Bergamaschi, 61° con 284 (71 70 73 70, par). Lampert ha sbaragliato la concorrenza mettendo a segno otto birdie sulle prime 11 buche, contro un bogey, e poi ha perfezionato il 63 con altro birdie nel finale. Joannes ha provato a tenergli testa e con il 64 (un eagle, sei birdie, un bogey) e si è quanto meno guadagnato la seconda piazza. Delpodio ha iniziato un po’ contratto con un bogey, poi si è ripreso, ma ormai Lampert era lontano. Per lui 69 (-2) colpi con quattro birdie e due bogey. Ravano ha girato in 70 (-1) con tre bridie e due bogey, Rota in 74 (+3) con tre birdie e sei bogey, Maestroni in 68 (-3) con tre birdie e Bergamaschi in 70 con quattro birdie e tre bogey. Non hanno superato il taglio, caduto a 141 (-1), Domenico Geminiani, 87° con 143 (71 72, -1), Andrea Perrino, 110° con 146 (73 73, +4), e Federico Colombo, 113° con 147 (75 72, +5). A Lampert, 22enne di Schwetzingen, il secondo titolo nel circuito ha fruttato 25.600 euro su un montepremi di 160.000 euro.   Terzo giro – Matteo Delpodio, nuovo leader con 199 colpi (66 67 66, -14) Nicolò Ravano, secondo con 200 (68 67 65, -13), e Andrea Rota, ottavo con 203 (67 67 69, -10), correranno per il titolo nel Fred Olsen Challenge de España (Challenge Tour), in svolgimento sul tracciato del Tecina Golf (par 71) a La Gomera, una delle Isole Canarie in Spagna. Saranno della partita anche il tedesco Moritz Lampert, l’inglese Andrew Johnston e lo svedese Joel Sjoholm, terzi con 201 (-12), lo spagnolo Agustin Domingo e il belga Hugues Joannes, sesti con 202 (-11) e i quattro giocatori che affiancano Rota: gli iberici Pedro Oriol e Alvaro Velasco e gli inglesi Jason Palmer e Matthew Southgate. E’ rimasto a metà classifica Alessandro Tadini, 30° con 207 (70 69 68, -6) e sono in bassa Filippo Bergamaschi, 66° con 214 (71 70 73, +1), e Andrea Maestroni, 70° con 215 (71 69 75, +2). Delpodio è partito a forte andatura e con cinque birdie nelle prime nove buche ha approfittato delle incertezze di Sjoholm, leader dopo due giri, per sorpassarlo, poi nel rientro ha mantenuto un atteggiamento più prudente concludendo in 66 (-5) con un birdie e un bogey. Ravano ha guadagnato sette posizioni con un 65 (-6), secondo score di giornata. Gran ritmo per undici buche con sette birdie e un bogey, poi azione di contenimento con sette par. Rota ha disceso la graduatoria di quattro gradini, ma non ha compromesso nulla, pure se ha dovuto far appello a tutta la sua grinta per rimediare ai guasti di un bogey e di un doppio bogey. Ad ampia compensazione sono arrivati cinque birdie per il parziale di 69 (-2). Per Tadini 68 (-3) colpi con quattro birdie e un bogey a chiudere; per Bergamaschi 73 (+2) con quattro birdie, quattro bogey e un doppio bogey; per Maestroni 75 (+4) con due birdie, altrettanti bogey e due doppi bogey. Non hanno superato il taglio, caduto a 141 (-1)  Domenico Geminiani, 87° con 143 (71 72, -1), Andrea Perrino, 110° con 146 (73 73, +4), e Federico Colombo, 113° con 147 (75 72, +5). Sono in palio 160.000 euro (al vincitore 25.600 euro).   Secondo giro – Tre italiani sono tra i top ten nel Fred Olsen Challenge de España (Challenge Tour), in svolgimento sul tracciato del Tecina Golf (par 71) a La Gomera, una delle Isole Canarie in Spagna: Matteo Delpodio, secondo con 133 colpi (66 67, -9), Andrea Rota, quarto con 134 (67 67, -8) e Nicolò Ravano, nono con 135 (68 67, -7). Con uno spettacolare giro in 62 (-9) e con lo score di 129 (67 62, -13) quasi a fine giornata è balzato in vetta Joel Sjoholm, 29enne nato a Santiago del Cile ma di cittadinanza svedese, che sta cercando di propiziarsi un’occasione per cogliere il primo titolo nel circuito. Delpodio, in ritardo di quattro colpi, ha la compagnia del gallese Rhys Enoch, mentre Rota è alla pari con gli inglesi Sam Hutsby e Jason Palmer e con gli spagnoli Pedro Oriol e Agustin Domingo. Sono insieme a Ravano il ceco Ondrej Lieser, gli inglesi Andrew Johnston e Max Orrin, il norvegese Anders Engell, il tedesco Moritz Lampert e il belga Hugues Joannes. Sono rimasti in gara Alessandro Tadini, 36° con 139 (70 69, -3), Andrea Maestroni, 48° con 140 (71 69, -2), e Filippo Bergamaschi, 60° con 141 (71 70, -1). Non hanno superato il taglio, caduto a 141 (-1)  Domenico Geminiani, 86° con 143 (71 72, -1), Andrea Perrino, 111° con 146 (73 73, +4), e Federico Colombo, 114° con 147 (75 72, +5). Sjoholm ha condotto la sua volata con un eagle e sette birdie. Delpodio, Ravano e Rota hanno siglato lo stesso 67 (-4) rispettivamente con sei birdie e un doppio bogey, sei bridie e due bogey e quattro birdie senza bogey. Tadini e Maestroni hanno fatto cammino parallelo con tre birdie e un bogey per un parziale di 69 (-2). Sono in palio 160.000 euro (al vincitore 25.600 euro).   Primo giro – Matteo Delpodio, terzo con 66 (-5),  Andrea Rota, nono con 67 (-4), e Nicolò Ravano, 17° con 68 (-3) si sono resi autori di un bel primo giro nel Fred Olsen Challenge de España (Challenge Tour), in svolgimento sul tracciato del Tecina Golf (par 71) a La Gomera, una delle Isole Canarie in Spagna. Al vertice con 65 (-6) il francese Damien Perrier e il ceco Ondrej Lieser, mentre sono insieme a Delpodio gli inglesi Sam Hutsby, Max Orrin e Jason Palmer, il norvegese Anders Engell e lo spagnolo Juan Antonio Bragulat. Tra i giocatori che affiancano Rota si trovano gli spagnoli Jamie Camargo e Luis Claverie e lo scozzese Callum MacAulay. Degli altri italiani in gara sono nella parte giusta della classifica Alessandro Tadini, 37° con 70 (-1), Domenico Geminiani, Andrea Bergamaschi e Andrea Mestroni, 59.i con 71 (par). Sono oltre la linea del taglio Andrea Perrino, 92° con 73 (+2), e Federico Colombo, 119° con 75 (+4). Andatura senza sbavature per Lieser con sei birdie, senza bogey e un solo errore per Perrier, che di birdie ne ha segnati però sette. Per Delpodio sei birdie e un bogey, per Rota sei birdie e due bogey.  Sono in palio 160.000 euro (al vincitore 25.600 euro).   Prologo – Il Challenge Tour si trasferisce a La Gomera, una delle Isole Canarie in Spagna, per il Fred Olsen Challenge de España (5-8 giugno), che avrà luogo sul percorso del Tecina Golf con la presenza di nove italiani: Alessandro Tadini, Matteo Delpodio, Andrea Rota, Filippo Bergamaschi, Nicolò Ravano, Domenico Geminiani, Andrea Perrino, Federico Colombo, Andrea Maestroni. Vuol proseguire la sua bella corsa Filippo Bergamaschi, terzo nella sua ultima uscita al Karnten Open in Austria, e intendono cambiare marcia Alessandro Tadini e Matteo Delpodio per occupare posizioni di classifica più consone alle loro qualità. In cerca di riscatto dopo piazzamenti deludenti Domenico Geminiani, Andrea Perrino e Federico Colombo. Tra i possibili protagonisti dell’evento anche lo spagnolo Jordi Garcia Pinto, i tedeschi Moritz Lampert e Bernd Ritthammer, il francese Julien Guerrier, l’austriaco Martin Wiegele e gli inglesi Gary Lockerbie e Steven Tiley. In palio 160.000 euro (al vincitore 25.600 euro).   I risultati