fbpx

Brittany Lincicome sfida i pro del PGA Tour

lincicome-brittany
  18 Luglio 2018 News
Condividi su:

Una proette torna a sfidare i professionisti del PGA Tour: è Brittany Lincicome, 33 anni, otto tioli nel LPGA Tour comprensivi di due major, che prende parte al Barbasol Championship (19-22 luglio) sul percorso del Keene Trace Golf Club, a Nicholasville nel Kentucky. La gara vede in campo i giocatori del circuito esclusi dai grandi eventi (nella circostanza l’Open Championship), consentendo loro di mantenersi in attività. In palio un montepremi (più basso della metà rispetto alla media) di 3.500.000 dollari.

Gli altri precedenti illustri – La prima donna a scendere in campo sul PGA Tour fu Babe Zaharias nel Los Angeles Open del 1945, che è anche l’unica fino ad ora ad aver superato il taglio nel circuito americano. Cinquantotto anni dopo, nel 2003, ci provò la svedese Annika Sorenstam nel Bank Of America Colonial che uscì dopo 36 buche tra svariate polemiche. Fu sostenuta da Tiger Woods, ma il fijiano Vijay Singh, all’era in auge, si ritirò furibondo per protesta.

La Sorenstam fece anche un’operazione mediatica, peraltro di successo, bruciando sul tempo Suzy Whaley di cui già sapeva che avrebbe dovuto partecipare qualche mese dopo all’Hartford Open, dove si era guadagnata l’ingresso in una prequalfica. Successivamente è entrata più volte in scena Michelle Wie con ultima esibizione sua e femminile nel 2008. La Wie ha giocato contro i maschi un po’ in tutto il mondo e una volta ha passato il taglio in un evento asiatico, come in precedenza aveva fatto la coreana Se Ri Pak.

Brittany Lincicome ha ricevuto l’invito dagli organizzatori anche per aver vinto due volte l’evento femminile gemello del Barbasol, il Pure Silk Bahama Classic.

Si rivede Geminiani – Altra novità del field la presenza di Domenico Geminiani, 22 anni, che da giovanissimo ha vinto alcuni titoli nazionali, ha fatto parte del team azzurro ed ha partecipato a gare dei tre circuiti continentali prima di ritornare negli Stati Uniti. Tra i favoriti Chris Kirk, J.J. Henry, Joel Dahmen, Hunter Mahan, l’argentino Andres Romero e il neozelandese Danny Lee.