fbpx

BMW Italian Open by CartaSi: vince Fernandez Castaño grande Manassero, terzo

  16 Settembre 2012 News
Condividi su:

Lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño ha vinto con 264 colpi (68 65 67 64), ben 24 sotto par, la 69° edizione del BMW Italian Open presented by CartaSi, massima manifestazione italiana di golf e una delle più longeve dell’European Tour che si è disputata per il quarto anno consecutivo sul percorso del Royal Park I Roveri G&CC (par 72), a Fiano Torinese. Il 32enne madrileno ha superato di due colpi, dopo un serrato duello, il sudafricano Garth Mulroy (266 – 66 67 66 67, -22), ma ha offerto una splendida prova anche Matteo Manassero, giunto terzo con 268 (69 69 65 65, -20) alla pari con il francese Gregory Bourdy, dopo un giro in cui ha dato spettacolo concluso in 65 (-7) colpi. Si è ben difeso Lorenzo Gagli, 27° con 276 (69 68 68 71, -12), e con una impennata d’orgoglio Francesco Molinari è risalito dal 70° al 46° posto con 278 (68 69 76 65, -10), anch’egli con un parziale di 65.

 

Gli altri due giocatori che disputeranno la prossima Ryder Cup (Medinah CC, Illinois, 28-30 settembre), il tedesco Martin Kaymer e il belga Nicolas Colsaerts hanno concluso al quinto posto con 270 (-18) alla pari con l’altro iberico Pablo Larrazabal e con l’inglee Gary Boyd, che con un 63 (-9) ha realizzato il miglior punteggio della gara. Al nono posto lo spagnolo Rafael Cabrera Bello, con 271 (-17), anch’egli in corsa per il titolo e rallentato da un 70 (-2). Sono terminati in media classifica lo svedese Robert Karlsson, stesso score di Gagli, e il francese Raphael Jacquelin, 46° come Molinari, mentre lo spagnolo José Maria Olazabal, capitano della squadra europea di Ryder Cup, si è espresso come nei suoi momenti migliori con un 65, lasciando l’incomoda ultima posizione per la 63ª con 281 (-7).   L’evento per il quarto anno consecutivo ha avuto quale Title Sponsor BMW e hanno dato il loro apporto il Presenting Sponsor CartaSi, lo sponsor istituzionale Regione Piemonte, il major sponsor Rolex e lo sponsor Chris Gioielli. Fornitori: Colmar, Pilsner Urquell, Celadrin, Tagliatore, Acqua S. Pellegrino/Acqua Panna, F.lli Orsero, Supradyn, Follador, Covim, Titleist. Media Partner: La Gazzetta dello Sport, Sky Sport, RTL 102.5, La Stampa. Title Sponsor della Pro-Am:  SuisseGas. Come lo scorso anno RCS Sport è stato Promoter, nel Comitato Organizzatore, occupandosi dell’organizzazione, dell’allestimento, gestione e commercializzazione dei diritti di marketing e pubblicitari. Barbara Zonchello ha esordito alla presidenza del Comitato Organizzatore, mettendo a disposizione la lunga esperienza in manifestazioni internazionali. Unica donna che svolge tali mansioni in Europa, ha ideato tra l’altro gli “special events” che hanno caratterizzato questa edizione dell’Open.   I nomi che compaiono nella parte alta della classifica sono testimonianza di una partecipazione di ottima qualità. Fernandez Castaño ha ottenuto il sesto successo nel circuito e il secondo nell’Open d’Italia dopo essersi imposto sul tracciato del Castello di Tolcinasco nel 2007. Insieme al titolo ha ricevuto un assegno di 250.000 euro, su un montepremi di 1.500.000, e un orologio in acciaio Rolex Oyster Perpetual Datejust. Nel testa e testa con Mulroy ha iniziato con un birdie alla prima buca, poi ha cambiato marcia mettendone a segno altri sette nelle ultime undici. Il sudafricano è riuscito a tenere il passo fino alla 16, poi gli ha lasciato strada con un bogey alla 17.  “La mia seconda vittoria in questa gara – ha detto lo spagnolo – ha un sapore speciale perché arriva al termine di un duello avvincente con un gran giocatore come Mulroy. Il field del torneo era altissimo, perciò, questo successo mi dà grande fiducia per il finale di stagione e mi ripaga della delusione patita nel KLM Open in Olanda, dove nel giro finale ero andato piuttosto male. Devo dire grazie a tutta la gente accorsa al Royal Park I Roveri. Ho avvertito grande calore intorno a me al punto che mi sembrava di giocare a Madrid. La chiave del mio successo? La pazienza e la forza di volontà”. Quanto a pubblico sono stati ben 23.000 gli spettatori che hanno assistito al BMW Italian Open presented by CartaSi. Le presenze nell’ultima giornata di gara sono state 7.500 che si sono aggiunte alle 5.000 delle prime due e alle 5.500 della terza. Matteo Manassero, primo degli italiani, è stato gratificato con il Premio CartaSi consistente in una carta prepagata caricata con l’importo di 2.500 euro, utilizzabile in tutto il mondo. Il terzo premio speciale, l’auto BMW Serie 6 Gran Coupé, è divenuta appannaggio dello spagnolo Jorge Campillo, autore della “hole in one” alla buca 15 (par 3, metri 198) utilizzando un ferro 4, nella seconda giornata. Assolutamente fantastiche le ultime nove buche del veronese. “Senza dubbio – ha confermato – e considerando l’andamento generale della giornata, questa conclusione di torneo ha reso il giro straordinario. Dell’Open mi resterà uno splendido ricordo. Alla vigilia non ero in gran forma, mentre ora posso dire di aver visto crescere moltissimo il mio livello di gioco. Senza dimenticare il sostegno eccezionale ricevuto dal pubblico. Il seguito di tifosi odierno è andato oltre ogni più rosea aspettativa e questo è motivo di grande orgoglio. L’Italia meritava un Open così”. Poi una nota su Colsaerts, suo compagno in campo: “Aver giocato con lui è stato il coronamento di una bellissima settimana. Nonostante Nicolas abbia espresso un ottimo golf, sono riuscito a staccarlo in graduatoria e ciò mi riempie di soddisfazione”. Nel suo 65 nove birdie, di cui sei nella seconda metà del tracciato, e un doppio bogey.   Lorenzo Gagli ha fatto un altro passo avanti verso le prime 115 posizioni dell’ordine di merito, che garantiscono la presenza nel prossimo European Tour. Con i 13.125 euro guadagnati è salito al 122° posto. “E’ stata una bella settimana – ha spiegato – che mi aiuterà ad acquisire ancora più esperienza. Firmerei perché tutti i tornei potessero andare così. Resta un po’ di rammarico poiché mi sarebbe piaciuto avere un altro giorno di gara per fare ancora meglio, ma sono comunque soddisfatto. Credo che il buon risultato mi aiuterà a rimanere sul tour, ma non debbo abbassare la guardia”. Nel suo score di 71 (-1) quattro birdie e tre bogey. Francesco Molinari ha dimenticato in fretta l’infortunio (76, +4) del terzo giro. “Ieri ero scarico mentalmente e non riuscivo a trovare la concentrazione. Probabilmente ho pagato l’intensa preparazione in campo pratica in vista della Ryder Cup e avevo esaurito le energie nervose. Comunque, sempre in prospettiva Ryder Cup, sono sulla strada giusta, perché il mio gioco è a buon punto. Oggi ho puttato molto bene, a dimostrazione del fatto che la brutta prova di ieri non dipendeva da fattori tecnici”. Per lui otto birdie e un bogey. Al torneo hanno preso parte complessivamente 26 giocatori italiani. Sono usciti al taglio, tra gli altri, Edoardo Molinari, che rientrava dopo qualche mese di stop per un intervento al polso, Andrea Pavan e Federico Colombo. Stessa sorte, ma meritano comunque un elogio, per i giovani Joon Kim e Alessandro Grammatica, che disputano l’Alps Tour e che sono rimasti fuori per un colpo, così come il dilettante romano Giorgio De Filippi, che ha visto sfuggire la qualificazione nelle ultime buche. Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti: donna Allegra Agnelli, presidente del club ospitante; Franco Chimenti, presidente FIG; Giacomo Catano, Amministratore Delegato RCS Sport; Marco Ehmer, Direttore Marketing BMW Italia S.p.A; Michele Stacca, Presidente CartaSi; Claudia Porchietto, Assessore alla Formazione Professionale e Lavoro Regione Piemonte; Barbara Zonchello, presidente del Comitato Organizzatore, e Jamie Birkmyre per l’European Tour.   IL PERCORSO – Il tracciato del Royal Park I Roveri si snoda nello storico Parco La Mandria, E’ stato disegnato nel 1971 dal grande architetto statunitense Robert Trent Jones Sr, autore di oltre 500 percorsi in tutto il mondo. Ha le caratteristiche tipiche che identificano l’autore: uso innovativo dei bunker, ampio ricorso all’acqua e abile disposizione degli ostacoli per sollecitare un’attenta strategia di gioco.   LA SUISSEGAS PRO AM – La SuisseGas Pro-Amateur ha fatto da prologo al BMW Italian Open presented by CartaSi. La gara è stata vinta con “-23” dalla squadra guidata da José Maria Olazabal, con Andrea Agnelli, vice presidente del circolo ospitante, Michele Giraudo e Marco Roscio. Al secondo posto la compagine del francese Gregory Bourdy, con Paolo Di Benedetto, Elisa Roberta Tirante e il giornalista Vittorio Oreggia, e al terzo quella di Costantino Rocca, con l’imprenditore Mario Colombo, Filippo Rocca e Umberto De Amicis.   GLI SPECIAL EVENTS – Il BMW Italian Open presented by CartaSi non ha proposto solo spettacolo puramente sportivo, ma a dare movimento e vivacità fuori torneo vi sono stati gli "special events", protagonisti i giocatori italiani. Si è iniziato con la “Golf Clinic del Team Azzurro” condotta da Lorenzo Gagli, Andrea Pavan e Federico Colombo, quindi è seguito l’ “Assolo di Matteo Manassero”, con il giovane campione veronese a tu per tu con il pubblico in campo pratica. Infine nel “Molinari vs Molinari” i due fratelli torinesi si sono sfidati in uno shoot out nel quale Edoardo ha superato Francesco. Tutti gli eventi sono stati seguiti da numeroso pubblico.   INIZIATIVA BENEFICA – Da quest’anno l’Open d’Italia si è legato a un’iniziativa benefica, per supportare il progetto internazionale World Food Programme (Programma Alimentare Mondiale). Si tratta della più grande organizzazione umanitaria che combatte la fame nel mondo. In Nepal, il WFP sostiene il programma per l’alimentazione scolastica e più specificamente il piano di riforma scolastica del governo con l’obiettivo di garantire accesso all’educazione per tutti. In Nepal il 14% dei bambini in età scolare non frequenta neppure le classi elementari. Ogni anno il WFP distribuisce pasti ad alto contenuto nutritivo a più di 195.000 bambini in oltre 1.700 scuole.   SITO DEDICATO – Il sito www.bmwitalianopen.com rinnovato nella grafica e nei contenuti ha informato tutti gli appassionati con notizie e approfondimenti. Inoltre particolare attenzione è stata posta ai social network costantemente aggiornati e collegati al sito ufficiale.

 

  I risultati