fbpx

AZZURRI: nel Carris Trophy Albertoni ok

Hunstanton Golf Clu
  19 Luglio 2016 News
Condividi su:

Settimana molto intensa per gli azzurri impegnati su vari fronti. L’inizio è stato abbastanza promettente, con quattro giocatori tra i primi undici nello Scottish Boys Open e con Jacopo Albertoni, al nono posto nel Carris Trophy. Al via l’European Young Masters e il German International Amateur.

 

SCOTTISH BOYS: NOVELLA E TAMBURELLI QUINTI Leonardo Novella ed Edoardo Tamburelli hanno concluso al quinto posto con 69 (-1) colpi il giro iniziale dello Scottish Boys Open Stroke Play Championship, al Lanark Golf Club (par 70), il 25° campo più antico del mondo, a Lanark in Scozia.

E’ in vetta con 66 (-4) l’australiano Ben Ferguson, tallonato da tre scozzesi, R. Yu Zhu, secondo con 67 (-3), Jamie Stewart e Robert Watson, terzi con 68 (-2). In una giornata scozzese atipica, con una temperatura di circa 30 gradi e senza vento, hanno tenuto un bel passo Leonardo Bellini, 10° con 70 (par), ed Edoardo Schiavella, 11° con 71 (+1).

Sono nei limiti del taglio Davide Longhini, 20° con 72 (+2), Giovanni Manzoni, 31° con 73 (+3), e Filippo Celli, 37° con 74 (+4). Sono fuori, ma in grado di recuperare, Edoardo Giletta, 48° con 75 (+5), Adalberto Montini, 62° con 76 (+6), e Riccardo Alberti, 72° con 77 (+7).

Si gioca sulla distanza di 72 buche stroke play: dopo 36 soltanto 40 concorrenti e i pari merito al 40° posto potranno competere nei due giri da disputarsi nell’ultimo giorno di gara. Con gli azzurri l’accompagnatore Paolo Pustetto e il coach Giovanni Magni.

I RISULTATI

 

CARRIS TROPHY: PARTE BENE JACOPO ALBERTONI – All’Hunstanton Golf Club (par 72), nella città inglese da cui il circolo prende nome, Jacopo Albertoni è in nona posizione con 70 (-2) colpi nell’English Boys U18 Open Amateur Stroke Play Championship/The Carris Trophy. L’azzurro rende due colpi ai leader, l’inglese Kristian Tannum Donaldson e il finlandese Matias Honkala  (68, -4), inseguiti a un colpo dagli inglesi Toby Briggs, Conor White, Thomas Harbord, Michael Gilbert, Angus Flanagan e dallo svedese Oscar Teiffel.

In media classifica Massimiliano Campigli, 57° con 75 (+3), e Julien Paltrinieri, 79° con 77 (+5), e in bassa Pier Francesco De Col, 117° con 81 (+9). Il torneo si svolge su 72 buche con taglio a 36 che ammetterà ai due giri finali i primi 60 in graduatoria e i pari merito al 60° posto. Con gli azzurri Valeria Casilli, rappresentante federale, e l’allenatore Marco Soffietti. (Nela foto, la club house dellHunstanton Golf Club)

I RISULTATI

 

QUARTETTO AZZURRO ALL’EUROPEAN YOUNG MASTERS – Gland, in Svizzera, ospita l’European Young Masters (21-23 luglio), gara che spesso ha dato soddisfazioni ai colori azzurri.

Sul percorso del Golf Club Domaine Impérial l’Italia schiera Riccardo Leo, Andrea Romano, Alessia Nobilio ed Emilie Alba Paltrinieri, quartetto che sarà assistito dall’accompagnatore Giovanni Bartoli e dall’allenatore Giovanni Gaudioso. Le buche da percorrere sono 54 e due le classifiche, individuale e a squadre. Per quest’ultima saranno validi tre dei quattro score giornalieri ottenuti dal quartetto.

 

GERMAN INTERNATIONAL AMATEUR CHAMPIONSHIP CON DIECI ITALIANI – Folta presenza azzurra al German International Amateur Championship (21-24 luglio) che si disputa al Golf Club Hubbelrath, a Düsseldorf in Germania.

Vi prendono parte Filippo Campigli, Giulio Castagnara, Michele Cea, Francesco Donaggio, Giacomo Fortini, Philip Geerts, Edoardo Raffaele Lipparelli, Gianmaria Rean Trinchero, Andrea Saracino e Jacopo Vecchi Fossa. Agguerrita la concorrenza, sia per i forti giocatori di casa, sia per numerosi concorrenti provenienti dal Nord Europa. In programma 72 buche e pass per le ultime 36 solo destinato ai migliori 60 classificati e i pari merito in 60ª posizione.