fbpx

ATTIVITA’ AZZURRA: St. Andrews Trophy a GB&I

Guido Migliozzi
  21 Luglio 2016 News
Condividi su:

La selezione dell’Europa Continentale, in cui vi erano Stefano Mazzoli, Luca Cianchetti e Guido Migliozzi, ha pareggiato con la GB&I e ancora una volta non è riuscita a portare a casa il St. Andrews Trophy, rimasto ai britannici essendo detentori. Nello Scottish Boys successo di un indiano e decimo posto di Edoardo Schiavella. In corso il Carris Trophy, l’European Young Masters e il German International Amateur.

ST. ANDREWS TROPHY ALLA GB&I – Nel St. Andrews Trophy l’Europa Continentale e la Gran Bretagna & Irlanda hanno pareggiato 12,5-12,5 al Prince’s Golf Club di Sandwich Bay in Inghilterra, ma il trofeo è rimasto ai britannici avendo vinto il precedente match. Nella seconda giornata i tre azzurri in campo hanno ceduto nei doppi e poi hanno conquistato un punto e mezzo nei singoli. Guido Migliozzi (nella foto) e l’austriaco Matthias Schwab hanno perso contro Grant Forrest/Connor Syme (4/3) e Luca Cianchetti/Stefano Mazzoli sono stati superati da Stuart Grehan/Scott Gregory (5/4). Nell’individuale successo di Stefano Mazzoli, campione europeo in carica (1 up su Jack Hume), pari di Guido Migliozzi con Robert McIntyre e sconfitta di Luca Cianchetti (4/3 da Stuart Grehan).

Nella prima giornata dove i  continentali, condotti dallo svizzero Yves Hofstetter, erano in vantaggio per 8-4, Guido Migliozzi, insieme a Matthias Schwab, ha sconfitto nel foursome per 4/3 Jack Hume/David Boote, ma nell’individuale è stato battuto dallo stesso Jack Hume (5/4). Stefano Mazzoli/Luca Cianchetti hanno avuto ragione di Connor Syme/Robert MacIntyre (2/1) lasciando poi strada rispettivamente a Syme (5/4) e a Stuart Grehan (6/4).

I britannici, diretti dallo scozzese Craig Watson, hanno riportato il trofeo per la 26ª volta su 31 incontri.

I RISULTATI

SCOTTISH BOYS: VINCE UN INDIANO, EDOARDO SCHIAVELLA 10° – L’indiano Rayhan Thomas ha vinto con 205 colpi (69 66 70, -5) lo Scottish Boys Open Stroke Play Championship, al Lanark Golf Club (par 70), il 25° campo più antico del mondo, a Lanark in Scozia. Ha superato alla seconda buca di spareggio l’australiano Ben Ferguson (205 – 66 70 69) nel torneo ridotto da 72 a 54 buche per il maltempo. Ben lontani gli scozzesi Graeme Greer, terzo con 211 (+1), Matthew McCulloch e Sam Locke, quarti con 212 (+2).

Belle prove di Edoardo Schiavella, 10° con 215 (71 71 73, +5), di Filippo Celli (74 75 67) e di Giovanni Manzoni (73 74 69), 12.i con 216 (+6). Quindi 15° Leonardo Novella con 218 (69 73 76, +8), 22° Leonardo Bellini con 221 (70 76 75, +11), 35° Edoardo Tamburelli con 224 (69 79 76, +14) e 39° Davide Longhini con 226 (72 75 79, +16).

Non hanno superato il taglio, effettuato dopo il primo giro essendo stato annullato il secondo, Edoardo Giletta, 48° con 75 (+5), Adalberto Montini, 62° con 76 (+6), e Riccardo Alberti, 72° con 77 (+7). Insieme agli azzurri l’accompagnatore Paolo Pustetto e il coach Giovanni Magni.

I RISULTATI

 

CARRIS TROPHY: IN VETTA ANGUS FLANAGAN, 47° JACOPO ALBERTONI – Jacopo Albertoni è al 47° posto con 225 colpi (70 82 73, +9) dopo il terzo giro dell’English Boys U18 Open Amateur Stroke Play Championship/The Carris Trophy, in svolgimento all’Hunstanton Golf Club (par 72), nella città inglese da cui il circolo prende nome.

Guida la graduatoria l’inglese Angus Flanagan (206 – 69 68 69, -10) con due colpi di margine sullo svedese Oscar Teiffel e sul finlandese Matias Honkala (208, -8) e con quattro sul connazionale Kristian Tannum Donaldson (210, -6), che l’affiancava dopo un giro.

Non hanno superato il taglio gli altri tre italiani in gara: Julien Paltrinieri, 66° con 154 (77 77, +10), Pier Francesco De Col, 106° con 160 (81 79, +18) e Massimiliano Campigli, 125° con 164 (79 89, +20). Con il team italiano Valeria Casilli, rappresentante federale, e l’allenatore Marco Soffietti.

I RISULTATI

BRITISH BLIND OPEN: CALCATERRA E POZZI GIACOSA SECONDI, PALMIERI TERZO – Si è concluso al Telford Hotel & Golf Resort di Madeley, nei pressi di Birmingham in Inghilterra, l’ISPS Handa British Blind Open per giocatori non vedenti divisi in tre categorie di visus.

Hanno offerto buone prestazioni i tre italiani in gara. Nella categoria B1 Andrea Calcaterra si è classificato secondo con 239 (120 119) colpi alle spalle dell’israeliano Zohar Sharon (205 – 110 95). Al terzo posto Stefano Palmieri con 249 (122 127).

Chiara Pozzi Giacosa (167 – 91 76) è giunta seconda nella categoria pareggiata femminile preceduta dalla nordirlandese Jan Dinsdale.(157 – 79 78). Nella scratch si è imposta con 187 (88 99), la statunitense Linda Port.

Il coreano In Chan Cho (193 – 95 98) e l’inglese John Eakin (175 – 86 89) hanno vinto nella B2 e nella B3 e successo nella pareggiata assoluta dello scozzese Alan Morgan (140 – 68 72) davanti all’irlandese Pat Morgan (144 – 76 68).

Si è giocato su un campo tecnicamente difficile, par 72 per gli uomini e 74 per le donne, con fairway molto duri e green velocissimi, Il caldo, circa 35 gradi, ha complicato ulteriormente le cose.

Prossimo appuntamento a Truro, in Canada, per il Memorial Brian MacLeod (2-5 agosto). Dopo 36 buche di qualifica i primi due in graduatoria si contenderanno il titolo in un match play, In campo Calcaterra e Pozzi Giacosa.

 

 

EUROPEAN YOUNG MASTERS: ITALIA OTTAVA – L’Italia (Riccardo Leo, Andrea Romano, Alessia Nobilio, Emilie Alba Paltrinieri) è all’ottavo posto con 226 (+10 ) colpi dopo il giro d’apertura dell’European Young Masters, sul tracciato del Golf Club Domaine Impérial (par 72), a Gland, in Svizzera. Al comando la Repubblica Ceca e la Spagna con 215 (-1), davanti alla Germania (221, +5), alla Slovacchia (222, +6), all’Inghilterra e all’Irlanda (223, +7) e alla Svizzera (225, +9).

Nel torneo individuale maschile conducono con 69 (-3) l’iberico Eugenio Lopez-Chacarra e l’irlandese Mark Power, che precedono il ceco Matyas Zapletal, lo slovacco Jakub Hrinda e il portoghese Pedro Lancart Silva (70, -2). Al settimo posto Andrea Romano (73, +1) e al 31° Riccardo Leo (79, +7).

Nella gara femminile in nona posizione con 75 (+3) Emilie Alba Paltrinieri e in 20ª con 78 (+6) Alessia Nobilio. Guida la graduatoria la ceca Sarah Hricikova con 69 (-3) colpi e un buon vantaggio sull’inglese Lily May Humphreys (72, par). Le buche da percorrere sono 54 e due le classifiche, individuale e a squadre. Per quest’ultima sono validi tre dei quattro score giornalieri ottenuti dal quartetto. Assistono il team italiano l’accompagnatore Giovanni Bartoli e l’allenatore Giovanni Gaudioso.

I RISULTATI

 

GERMAN INTERNATIONAL: GIANMARIA REAN TRINCHERO 11°- Al Golf Club Hubbelrath (par 71), a Düsseldorf in Germania, è iniziato il German International Amateur Championship dove i padroni di casa si sono portati subito al proscenio con Michael Hirmer, leader con 67 (-4), e con Christian Braunig, secondo con 68 (-3). Terzi con 69 (-2) il norvegese Jarle Volden e il danese Tobias Larsen.

Dieci gli azzurri in gara tra i quali Gianmaria Rean Trinchero è all’11° posto con 71 (par). Seguono Philip Geerts e Francesco Donaggio, 21.i con 72 (+1), Jacopo Vecchi Fossa, 33° con 73 (+2), Giacomo Fortini, Michele Cea e Andrea Saracino, 42.i con 74 (+3), Filippo Campigli, 64° con 75 (+4), Agustin Bardas, 90° con 77 (+6), e Alberto Castagnara, 106° con 79 (+8). In programma 72 buche e pass per le ultime 36 destinato ai migliori 60 classificati e i pari merito in 60ª posizione.

I RISULTATI