fbpx

Ariya Jutanugarn conquista l’US Women Open, ma che fatica

Jutanugarn Ariya
  04 Giugno 2018 News
Condividi su:

La thailandese Ariya Jutanugarn (277 – 67 70 67 73, -11) si è imposta nell’U.S. Womens Open, il secondo dei cinque major stagionali femminili svoltosi sul percorso dello Shoal Creek (par 72), nella città dell’Alabama, da cui il circolo prende nome e dove è uscita al taglio Giulia Molinaro, 100ª con 152 (76 76, +8).

In un finale rocambolesco la Jutanugarn, divenuta la prima thailandese a vincere questo major, ha superato dopo quattro buche di spareggio la coreana Hyo Joo Kim (277 – 70 72 68 67), riacciuffando per i capelli un titolo che sembrava suo a nove buche dal termine, dall’alto di sette colpi di vantaggio sulla rivale, e che poi aveva messo a rischio facendosi incredibilmente raggiungere. Caotico il cammino della vincitrice (73, +1 con sei birdie, quattro bogey e un triplo bogey), quasi perfetto quello della Kim (67, -5 con cinque birdie) che però si è persa quando occorreva mantenere i nervi saldi.

In terza posizione con 281 (-7) la spagnola Carlota Ciganda, in quarta con 285 (-3) Danielle Kang, in quinta con 286 Lexi Thompson, l’australiana Sarah Jane Smith, la taiwanese Wei-Ling Hsu e la thailandese Patty Tavatanakit e in nona con 287 (-1) la coreana Inbee Park, leader mondiale. Poco toniche la coreana So Yeon Ryu, 23ª con 290 (+2), e la neozelandese Lydia Ko, 49ª con 297 (+9).

Ariya Jutanugarn (nella foto) con questo successo ha conseguito il secondo major in carriera per un palmarés che comprende anche sette titoli nel LPGA Tour e uno nel LET. E’ salita dal quinto al secondo posto nella graduatoria mondiale e ha ricevuto un assegno di 900.000 dollari su un montepremi di cinque milioni di dollari, il più alto in assoluto per un torneo femminile.

I RISULTATI