fbpx

Argentine Amateur: la finale a Montenegro secondo Vecchi Fossa Tailhade Cup: Italia 11ª

  24 Novembre 2013 News
Condividi su:

ARGENTINE AMATEUR: JACOPO VECCHI FOSSA SECONDO. IN FINALE CEDE A MARCOS MONTENEGRO – Jacopo Vecchi Fossa si è classificato al secondo posto, superato in finale per 4/3 dall’argentino Marcos Montenegro, nel 118° Campeonato Argentino de Aficioandos (Argentine Amateur Championship) svoltosi sul percorso del Martindale Country Club (par 72) a Pilar, nei pressi di Buenos Aires in Argentina. L’argentino è partito molto forte con un 3 up dopo nove buche, avendone vinte cinque e perse due, poi il vantaggio è divenuto di 7 up alla 25ª. Vecchi Fossa ha avuto una bella reazione, ha vinto tre buche, ma era troppo indietro per poter sperare e Montenegro ha potuto festeggiare alla 33ª. Resta comunque l’ottima prova dell’azzurro, 19enne di Reggio Emilia e tesserato per il Modena G&CC, che era giunto all’atto conclusivo eliminando nell’ordine gli argentini Joaquin Ludueña per 3/1, José Manuel Alvares Castro, dopo un acceso duello che si è protratto per 20 buche, il danese Nicolai Buchwardt Kristensen per 2 up, vincitore della gara individuale alla Juan Carlos Tailhade Cup, il sudafricano Alex Gerlou Roux per 1 up e in semifinale l’altro argentino Joaquin Bonjour, che era uno dei favoriti, battendolo con un secco 7/6. Montenegro, quindici anni, ha eguagliato il primato del giocatore più giovane a vincere il torneo che ora condivide con Julian Lerda, che si impose alla stessa età nel 2010. L’argentino, 29° in qualifica con 148 (71 77, +4), nei match play ha sconfitto il connazionale Cosme Belmonte (2 up), l’australiano Jarryd Felton (1 up), gli argentini Juan Cruz Rocca (4/3) e Gaston Bertinotti (19ª) e in semifinale il danese Niklas Norgaard Moller (3/2). Era in gara anche Filippo Campigli che è uscito nel secondo turno per mano dell’argentino Matias Simaski (2/1), mentre nel primo aveva travolto un altro giocatore di casa, Gabriel Ramela con il pesante punteggio di 8/6. Campigli è stato brillante protagonista prima fase: infatti si è imposto nella qualificazione su 36 buche medal (135 – 65 70, -9) aggiudicandosi la Copa Kenneth Gordon Davis, mentre Vecchi Fossa ha avuto accesso tra i 64 promossi ai match play con il 18° posto (145 – 74 71, +1). Il vincitore del torneo ha ricevuto un invito per partecipare all’Abierto Argentino. Nella foto: Marcos Montenegro e Jacopo Vecchi Fossa   Quinta giornata – Jacopo Vecchi Fossa è approdato in finale e contenderà il titolo all’argentino Marcos Montenegro nel 118° Campeonato Argentino de Aficioandos (Argentine Amateur Championship) che termina sul percorso del Martindale Country Club (par 72) a Pilar, nei pressi di Buenos Aires in Argentina.  Il 19enne azzurro ha eliminato nei quarti Alex Gerlou Roux per 1 up, poi in semifinale non ha dato scampo all’argentino Joaquin Bonjour, che era uno dei favoriti, battendolo con un secco 7/6. In precedenza il 19enne Vecchi Fossa aveva sconfitto nell’ordine l’argentino Joaquin Ludueña per 3/1, l’altro argentino José Manuel Alvares Castro, dopo un acceso duello che si è protratto per 20 buche, e il danese Nicolai Buchwardt Kristensen per 2 up, vincitore della gara individuale alla Juan Carlos Tailhade Cup. Montenegro è giunto all’atto conclusivo dopo essersi liberato nei quarti del connazionale Gaston Bertinotti (4/3) e in semifinale del danese Niklas Norgaard Moller (3/2). Era in gara anche Filippo Campigli che è uscito nel secondo turno per mano dell’argentino Matias Simaski (2/1), mentre nel primo aveva travolto un altro giocatore di casa, Gabriel Ramela con il pesante punteggio di 8/6. Campigli è stato brillante protagonista prima fase: infatti si è imposto nella qualificazione su 36 buche medal (135 – 65 70, -9) aggiudicandosi la Copa Kenneth Gordon Davis, mentre Vecchi Fossa ha avuto accesso tra i 64 promossi ai match play con il 18° posto (145 – 74 71, +1). Il vincitore del torneo verrà invitato all’Abierto Argentino.   Quarta giornata – Jacopo Vecchi Fossa ha superato altri due turni di match play ed è approdato ai quarti di finale, dove affronterà il sudafricano Alex Gerlou Roux, nel 118° Campeonato Argentino de Aficioandos (Argentine Amateur Championship) che si sta disputando sul percorso del Martindale Country Club (par 72) a Pilar, nei pressi di Buenos Aires in Argentina. L’azzurro, dopo aver sconfitto nel primo turno Joaquin Ludueña per 3/1, ha messo fuori gioco l’altro argentino José Manuel Alvares Castro dopo un acceso duello che si è protratto per 20 buche, e il danese Nicolai Buchwardt Kristensen per 2 up, vincitore della gara individuale alla Juan Carlos Tailhade Cup. E’ uscito, invece, Filippo Campigli per mano dell’argentino Matias Simaski (2/1), mentre nel primo turno aveva travolto un altro giocatore di casa, Gabriel Ramela con il pesante punteggio di 8/6. Campigli è stato brillante protagonista prima fase: infatti si è imposto nella qualificazione su 36 buche medal (135 – 65 70, -9) aggiudicandosi la Copa Kenneth Gordon Davis, mentre Vecchi Fossa ha avuto accesso tra i 64 promossi ai match play con il 18° posto (145 – 74 71, +1). Il vincitore del torneo verrà invitato all’Abierto Argentino. Terza giornata – Filippo Campigli e Jacopo Vecchi Fossa hanno superato il primo turno di match play nel 118° Campeonato Argentino de Aficioandos (Argentine Amateur Championship) che si sta disputando sul percorso del Martindale Country Club (par 72) a Pilar, nei pressi di Buenos Aires in Argentina. Campigli, che si è aggiudicato la Copa Kenneth Gordon Davis vincendo la qualificazione su 36 buche medal (135 – 65 70, -9), ha travolto l’argentino Gabriel Ramela con il pesante punteggio di 8/6. Vecchi Fossa, entrato tra i 64 ammessi alla fase conclusiva con il 18° posto (145 – 74 71, +1) in qualifica, ha avuto ragione dell’altro argentino Joaquin Ludueña per 3/1. Nel secondo turno ancora ostacoli argentini per i due italiani: Campigli affronterà Matias Simaski e Vecchi Fossa avrà per avversario José Manuel Alvares Castro. Il vincitore del torneo verrà invitato all’Abierto Argentino. Seconda giornata – Filippo Campigli ha fornito un’ottima prestazione  si è imposto con 135 colpi (65 70, -9) nella qualificazione su 36 buche medal al 118° Campeonato Argentino de Aficioandos (Argentine Amateur Championship) che si sta disputando sul percorso del Martindale Country Club (par 72) a Pilar, nei pressi di Buenos Aires in Argentina. L’azzurro ha conquistato la Copa Kenneth Gordon Davis viene assegnata al vincitore della fase medal del torneo, che ora continua con quella match play alla quale sono stati ammessi i primi 64 classificati. Tra costoro c’è anche l’altro azzurro Jacopo Vecchi Fossa, 18° con 145 (74 71, +1). Campigli ha superato il canadese Kevin Carrigan (136, -8), il danese Nicolai Buchwardt Kristensen (138, -6), vincitore della gara individuale alla Juan Carlos Tailhade Cup disputata prima di questo evento, l’australiano Jarryd Felton (140, -4), l’irlandese Rory McNamara e il sudafricano Alex Gerlou Rous (141, 3). L’azzurro ha condotto le prime nove buche in 32 (-4) colpi con quattro birdie, poi nel rientro ha avuto un improvviso blackout con la sequenza dogey-doppio bogey-bogey, ma nel finale si è ripreso con altri due birdie, l’ultimo dei quali sulla buca 18 gli ha dato il successo (70, -2). Per Vecchi Fossa 71 (-1) colpi con un eagle, due birdie e tre bogey. Nel primo turno di match play Campigli affronterà l’argentino Gabriel Ramela, 64° in qualifica, e Vecchi Fossa se la vedrà con l’altro argentino Joaquin Ludueña, 46° in qualifica. Prima giornata – Filippo Campigli ha concluso al comando con 65 (-7) colpi il primo giro di qualificazione al 118° Campeonato Argentino de Aficioandos (Argentine Amateur Championship) che si sta disputando sul percorso del Martindale Country Club a Pilar, nei pressi di Buenos Aires in Argentina. L’altro azzurro in gara, Jacopo Vecchi Fossa, è al 27° posto con 74 (+2). Campigli precede di due colpi il danese Nicolai Buchwardt Kristens (67, -5), vincitore della gara individuale alla Juan Carlos Tailhade Cup, e di tre gli argentini Joaquin Bonjour e Alfonso Otoya (68, -4). In quinta posizione con 69 (-3) lo spagnolo Mario Galiano, il canadese Kevin Carrigan, il finlandese Niclas Hellberg e l’argentino Horacio Carbonetti. Campigli ha realizzato otto birdie e un bogey, Vecchi Fossa quattro birdie, quattro bogey e un doppio bogey. Il torneo si svolge con qualificazione su 36 buche medal e con una seconda fase match play alla quale vengono ammessi i primi 63 classificati e il vincitore del titolo nella passata stagione.   TAILHADE CUP ALLA SPAGNA, ITALIA ALL’11° POSTO – L’Italia (Filippo Campigli 72 77 76 77, +18; Jacopo Vecchi Fossa 77 80 71 80, +24) si è classificata all’undicesimo posto con 610 colpi (149 157 147 157, +42) nella Juan Carlos Tailhade Cup, gara a squadre con la partecipazione dei rappresentanti di 16 nazioni svoltasi sul percorso del Los Lagartos Golf Club (par 71) a Buenos Aires in Argentina. Il titolo è stato appannaggio con 578 colpi (148 142 142 146, +10) della Spagna (Mario Galiano 73 69 71 73, +2; David Morago Ayra 75 73 71 73, +8), che è riuscita a respingere l’attacco portato dall’Australia, terminata seconda con 580 (-12). Al terzo posto l’Argentina con 587 (+19), quindi Irlanda (596, +25), Sudafrica (594, +26), Nuova Zelanda e Danimarca (599, +31), Portogallo (603, +35), Brasile (606, +35) e Canada (607, +39). Nella graduatoria della gara individuale, a cui hanno preso parte anche giocatori che non appartenevano ai team ufficiali, si è imposto con 284, unico concorrente in par sul difficile tracciato, il danese Nicolai Buchwardt Kristensen (70 72 69 73) che ha preceduto Mario Galiano (286, +2)), l’australiano Jarryd Felton (287, +3) e il portoghese Gonçalo Costa (290, +6). Al 29° posto con 302 Filippo Campigli e al 41°  con 308 Jacopo Vecchi Fossa. Ora i due azzurri saranno impegnati nell’Argentine Amateur Championship (19-24 novembre), in programma sul tracciato del Martindale Country Club, a Pilar, nei pressi di Buenos Aires.   Terzo giro – L’Italia (Filippo Campigli 72 77 76, +12; Jacopo Vecchi Fossa 77 80 71, +15) è nono posto con 453 colpi (149 157 147, +27) a un giro dal termine della Juan Carlos Tailhade Cup, gara a squadre con la partecipazione dei rappresentanti di 16 nazioni che si sta svolgendo sul percorso del Los Lagartos Golf Club (par 71) a Buenos Aires in Argentina. Ha mantenuto il comando con 432 (148 142 142, +6) la Spagna (Mario Galiano 73 69 71, par; David Morago Ayra 75 73 71, +6), che ha otto colpi di margine sull’Australia (440, +14) e nove sul Sudafrica e sull’Irlanda (441, +15). Al quinto posto la Danimarca (442, +16), al sesto l’Argentina (443, +17) e al settimo la Nuova Zelanda e il Portogallo (451, +25). Nella graduatoria della gara individuale, a cui prendono parte anche giocatori che non appartengono ai team ufficiali, è passato a condurre con 211 (-2) il danese Nicolai Buchwardt Kristensen (70 72 69) davanti a Mario Galiano (213, par), all’australiano Jarryd Felton (216, +3), al portoghese Gonçalo Costa e all’argentino Julian Lerda (218, +5). In 22ª posizione con 225 Filippo Campigli, che ha girato in 76 (+5) con parecchi problemi sul green, e in 33ª  con 228 Jacopo Vecchi Fossa, autore di un 71 (par).   Secondo giro – L’Italia (Filippo Campigli 72 77, +7; Jacopo Vecchi Fossa 77 80, +15) è scesa dal sesto al settimo posto con 306 colpi (149 157, +22), alla pari con il Portogallo, nella Juan Carlos Tailhade Cup, gara a squadre con la partecipazione dei rappresentanti di 16 nazioni che si sta svolgendo sul percorso del Los Lagartos Golf Club (par 71) a Buenos Aires in Argentina. Si è portata in vetta con 290 (148 142, +6) la Spagna (Mario Galiano 73 69, par; David Morago Ayra 75 73, +6), che ha superato la Danimarca (292, +8). Subito dietro l’Argentina (294, +10) e distacchi già pesanti per Irlanda e Sudafrica, quarte con 301 (+15), e per l’Australia, sesta con 302 (+16). Nella graduatoria della gara individuale, a cui prendono parte anche giocatori che non appartengono ai team ufficiali, sono al vertice con 142 (par) Mario Galiano e il danese Nicolai Buchwardt Kristensen (70 72), seguiti da tre argentini: Santiago Bauni, terzo con 144 (+2), Julian Lerda e Manuel Arzuaga, quarti con 147 (+5). In ottava posizione con 149 (+7) Filippo Campigli e in 43ª con 157 (+15) Jacopo Vecchi Fossa. Si è giocato in condizioni molto difficili per il forte vento.   Primo giro – L’Italia (Filippo Campigli 72, +1, Jacopo Vecchi Fossa 77, +6) è al sesto posto con 149 (+7) colpi nella Juan Carlos Tailhade Cup, gara a squadre con la partecipazione dei rappresentanti di 16 nazioni che si sta svolgendo sul percorso del Los Lagartos Golf Club (par 71) a Buenos Aires in Argentina. E’ in vetta la Danimarca (Niklas Norgaard Moller 73, +2, Nicolai Buchwardt Kristensen 70, -1) con 143 (+1) davanti al Sudafrica, al secondo posto con 146 (+4) e ad Argentina, Uruguay e Spagna, al terzo con 148 (+6). Al settimo con 150 (+8) il Portogallo, all’ottavo con 152 (+10) Australia e Irlanda. Nella classifica individuale, in cui competono 117 concorrenti compresi coloro che non fanno parte dei team ufficiali, è al comando con 68 (-3) l’uruguaiano Juan Alvarez che precede di due colpi Nicolai Buchwardt Kristensen e di quattro Filippo Campigli e l’argentino Sebastian Bergagna. In 32ª posizione Jacopo Vecchi Fossa. Successivamente i due azzurri prenderanno parte all’Argentine Amateur Championship (19-24 novembre), che avrà luogo sul tracciato del Martindale Country Club, a Pilar, nei pressi di Buenos Aires.   Prologo – Filippo Campigli e Jacopo Vecchi Fossa difenderanno i colori azzurri nella Juan Carlos Tailhade Cup (14-17 novembre), gara a squadre in programma al Los Lagartos Golf Club a Buenos Aires in Argentina. Successivamente prenderanno parte all’Argentine Amateur Championship (19-24 novembre), che avrà luogo sul tracciato del Martindale Country Club, a Pilar, nei pressi di Buenos Aires.