fbpx

Apulia San Domenico Grand Final tre italiani a caccia della ‘carta’ per l’Eurotour 2012

  22 Ottobre 2012 News
Condividi su:

Tre italiani, Alessandro Tadini (nella foto), Marco Crespi e Matteo Delpodio, saranno in gara nell’Apulia San Domenico Grand Final (24-27 ottobre), la 26ª e ultima gara del Challenge Tour, ospitato per l’ottava volta consecutiva sul percorso del San Domenico Golf, a Savelletri di Fasano (BR). L’evento, che fa parte del Pilsner Urquell Pro Tour e al quale sono ammessi i primi 45 giocatori dell’ordine di merito, riveste grande importanza, perché al termine verrano assegnate a primi 20 classificati della money list altrettante ‘carte’ per l’European Tour 2013. Naturalmente la presenza dei migliori elementi del circuito è garanzia di alto livello tecnico con la certezza che alcuni dei presenti diventeranno poi protagonisti nel circuito maggiore, come già avvenuto in passato. E non mancherà neanche un acceso agonismo, perché i premi per i primi tre classificati (1° E 56.650; 2° E 37.620; 3° E 21.230 su ben 330.000 euro in palio) in pratica consentono a tutti, James Busby compreso che è l’ultimo entrato nel field, di essere in corsa per la ‘carta’.

 

Come detto, gli italiani saranno tre come nelle due stagioni precedenti. Lo scorso anno vinse Andrea Pavan, poi salito nell’European Tour con il secondo posto nella money list; in questa occasione Alessandro Tadini, sesto nell’ordine di merito, ha ottime chances di classificarsi tra i primi dieci, che tra i venti promossi, sono quelli che avranno più possibilità di giocare l’anno prossimo. Dovranno invece conseguire un ottimo piazzamento per entrare tra gli eletti sia Marco Crespi (32°), che Matteo Delpodio (40°). Il title sponsor è, come di consueto, il San Domenico Golf, il cui presidente Sergio Melpignano è un fermo sostenitore di questa manifestazione di grande impatto internazionale con obiettivi proiettati sul sempre più fiorente mercato del turismo golfistico. E, in tale ottica, sono sponsor i quattro gioielli legati al circolo: Masseria San Domenico, Masseria Cimino, San Domenico House e il nuovo resort Borgo Egnazia, mentre ha rinnovato il suo impegno Sorgente Group. Importante l’intervento dell’Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione che supporta l’evento nell’ambito delle attività di promozione del prodotto golfistico regionale. La Masseria San Domenico conserva tutte le caratteristiche della masseria fortificata, con arredamenti d’epoca e con accoglienza moderna e raffinata. La Masseria Cimino, con torre di avvistamento, risale al ‘700 e si trova nella suggestiva zona archeologica di Egnatia, mentre nel cuore di Londra San Domenico House risponde in modo perfetto alle esigenze di viaggio di manager e turisti. Borgo Egnazia, di recente costruzione, e già ritenuto un resort fra i più esclusivi del Mediterraneo. Circondato da ulivi millenari e dal San Domenico Golf è un’oasi di relax, dove l’architettura si fonde con l’ambiente e le tradizioni. Sorgent Group è la prima società italiana per fondi immobiliari attiva non solo sul mercato nazionale, ma con importanti programmi di investimento all’estero specialmente negli Stati Uniti. Sponsorizzano il Challenge Tour: Rolex, R&A, Abacus e Titleist. L’allestimento è del Comitato Organizzatore Tornei dei Professionisti della FIG, di cui è presidente Alessandro Rogato. Il Pilsner Urquell Pro Tour, oltre che dal brand che fa capo al gruppo Birra Peroni, è sponsorizzato dal Major sponsor CartaSi e dai Partner ufficiali Surgal Clinic e Webgolf. Media partner: Sky Sport HD; Commercial advisor: RCS Sport. Il torneo si disputa sulla distanza di 72 buche, senza taglio. Vi partecipano come detto 45 concorrenti provenienti da 17 nazioni: 12 giocatori dall’Inghilterra, 5 dalla Danimarca, 4 da Francia e Scozia, 3 da Svezia e Italia (3), due da Stati Uniti, Finlandia e Spagna, uno da Norvegia, Cile, Austria, Germania, Argentina, Sudafrica, Olanda e Corea. Grande favorito è lo svedese Kristoffer Broberg, reduce dal successo in Danimarca, che ha conquistato quattro titoli in stagione in sole sei gare disputate in assoluto nel circuito e che può eguagliare il primato dell’inglese Warren Bennett, il quale ne ottenne cinque nel 1998. Naturalmente avrà una concorrenza spietata, poiché tutti sono in grado di imporsi: citiamo, tra gli altri, lo stesso Alessandro Tadini, i danesi Andreas Harto e Joachim B. Hansen, l’inglese Simon Wakefield, il francese Alexandre Kaleka e il norvegese Espen Kofstad. La settimana golfistica pugliese si concluderà domenica 28 ottobre con la disputa della tradizionale Pro-Am, presenti tutti i professionisti che hanno partecipato al torneo.