fbpx

Alps Tour: nel Masters 13 Larrañaga non fa sconti quattro italiani tra i top ten

  12 Ottobre 2014 News
Condividi su:

Lo spagnolo Eduardo Larrañaga (nella foto) ha vinto con 282 colpi (65 72 73 72, -6), dopo una corsa di testa, il Masters 13, penultimo torneo stagionale dell’Alps Tour disputato sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72), a Mallemort in Francia. Si è classificato al sesto posto Gregory Molteni con 286 colpi (71 76 72 67, -2) e hanno concluso tra i top ten anche  Alessio Bruschi (72 75 70 70) e Mattia Miloro (70 71 72 74, -1), settimi con 287 (-1), e Stefano Pitoni, decimo con 288 (76 68 72 72, par). Larrañaga, 28 anni, ha ottenuto il primo titolo nel circuito in una stagione in cui nelle precedenti undici gare aveva colto un settimo posto, un 49° e subito nove tagli. Ha lasciato a due colpi il francese Dominque Nouailhac e il forte dilettante belga Kevin Hesbois (284, -4), che si era imposto a luglio nel Flory Van Donck Trophy, e a tre l’austriaco Tobias Nemecz e il transalpino Thomas Elissalde (285, -3). Oltre metà classifica gli altri italiani: Nino Bertasio, leader della money list, Joon Kim e Nicolò Gaggero, 29.i con 295 (+7), Leonardo Motta, Federico Maccario e Corrado De Stefani, 35.i con 298 (+10),  Alessandro Grammatica e Andrea Bolognesi, 43.i con 299 (+11), e Alberto Campanile, 50° con 301 (+13). Sono usciti al taglio: Alfredo Pazzeschi e Andrea Perrino, 61.i con 151 (+7), Cristiano Terragni, 65° con 152 (+8), Aron Zemmer, 73° con 153 (+9), Giorgio De Filippi, 75° con 154 (+10), e Andrea Romano, 89° con 157 (+13). Larrañaga ha ricevuto 6.525 euro su un montepremi di 45.000 euro.   Terzo giro – Mattia Miloro è rimasto al secondo posto con 213 colpi (70 71 72, -3), dove ha la compagnia dello spagnolo Borja Etchart e del francese Dominique Nouailhac, nel Masters 13 (Alps Tour), che termina sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72), a Mallemort in Francia. E’ rimasto al comando lo spagnolo Eduardo Larrañaga (210 – 65 72 73, -6), che sta facendo corsa di testa, ma il suo vantaggio è diminuito di un colpo e questo ha concesso qualche chance in più nella corsa al titolo al 23enne romano e ai suoi compagni di viaggio, ma anche ai transalpini Jean Pierre Verselin e Clement Berardo e al forte dilettante belga Kevin Hesbois, quinti con 214 (-2). Quest’ultimo, peraltro, ha già vinto il Flory Van Donck Trophy a luglio. Sono in buona posizione Stefano Pitoni, 11° con 216 (par), e Alessio Bruschi, 14° con 217 (+1), ma troppo lontani dalla vetta per alimentare speranze. Navigano tra media e bassa classifica Gregory Molteni, 24° con 219 (+3), Nino Bertasio, leader dellla money list, e Leonardo Motta, 27.i con 220 (+4), Alessandro Grammatica, 34° con 221 (+5), Joon Kim, 39° con 222 (+6), Alberto Campanile, 43° con 223 (+7), Andrea Bolognesi e Federico Maccario, 45.i con 224 (+8), e Corrado De Stefani, 53° con 226 (+10). Sono usciti al taglio: Alfredo Pazzeschi e Andrea Perrino, 61.i con 151 (+7), Cristiano Terragni, 65° con 152 (+8), Aron Zemmer, 73° con 153 (+9), Giorgio De Filippi, 75° con 154 (+10), e Andrea Romano, 89° con 157 (+13). Il montepremi è di 45.000 euro.   Secondo giro – Mattia Miloro, secondo con 141 colpi (70 71, -3), ha tenuto un buon ritmo nel Masters 13 (Alps Tour), che si sta disputando sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72), a Mallemort in Francia. Ha consolidato la propria posizione di leader lo spagnolo Eduardo Larrañaga (137 – 65 72, -7) che ha quattro colpi di margine sul gruppetto del 23enne romano, comprendente anche l’iberico Borja Virto, l’inglese Andrew Cooley e i francesi Clement Berardo e Anthony Snobeck. Sono rimasti in gara altri 12 italiani, dei 19 al via: Leonardo Motta e Stefano Pitoni, 12.i con 144 (par), Alessandro Grammatica, 21° con 145 (+1), Corrado De Stefani, Gregory Molteni, Alessio Bruschi e Alberto Campanile, 26.i con 147 (+3), Nicolò Gaggero, Nino Bertasio e Andrea Bolognesi, 34.i con 148 (+4), Federico Maccario e Joon Kim, 43.i con 149 (+5), ultimo punteggio utile per superare il taglio. Sono usciti: Alfredo Pazzeschi e Andrea Perrino, 61.i con 151 (+7), Cristiano Terragni, 65° con 152 (+8), Aron Zemmer, 73° con 153 (+9), Giorgio De Filippi, 75° con 154 (+10), e Andrea Romano, 89° con 157 (+13). Il montepremi è di 45.000 euro.   Primo giro – Quattro giocatori italiani sono tra i top ten dopo il primo giro del Masters 13 (Alps Tour): Mattia Miloro e Andrea Bolognesi, terzi con 70 (-2), Gregory Molteni e Nino Bertasio, settimi con 71 (-1). Sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72), a Mallemort in Francia, è in vetta con 65 (-5) lo spagnolo Eduardo Larrañaga, che ha staccato nettamente l’inglese Andrew Cooley (69, -3). Miloro e Bolognesi sono affiancati dal’inglese Tom Sherreard e dal dilettante francese Mathieu Decottignies Lafon, mentre Molteni e Bertasio, leader della money list, hanno la compagnia dei transalpini Clement Berardo, Richard Jouven, Arnaud Guerin e dell’amateur Romain Langasque. In buona posizione anche Alessio Bruschi e Alberto Campanile, 13.i con 72 (par) e Nicolò Gaggero, 25° con 73 (+1). Sono a metà graduatoria Leonardo Motta e Alessandro Grammatica, 37° con 74 (+2), Corrado De Stefani e Federico Maccario, 48.i con 75( +3), Joon Kim e Stefano Pitoni, 56.i con 76 (+4), e in bassa Alfredo Pazzeschi e Aron Zemmer,  65.i con 77 (+5), Andrea Perrino, 85° con 79 (+7), Cristiano Terragni, 91° con 80 (+8), Giorgio De Filippi e Andrea Romano, 96.i con 81 (+9). Il montepremi è di 45.000 euro.  

Prologo – Si avvia alla conclusione l’Alps Tour che propone il Masters 13 (9-12 ottobre), in Francia, prima dell’Abruzzo Open, evento finale che avrà luogo la prossima settimana al Miglianico G&CC (17-19 ottobre). Sul percorso del Golf de Pont-Royal, a Mallemort,  come di consueto sarà numerosa la presenza italiana con diciannove giocatori: Nino Bertasio, Andrea Bolognesi, Alessio Bruschi, Alberto Campanile, Giorgio De Filippi, Corrado De Stefani, Nicolò Gaggero, Alessandro Grammatica, Joon Kim, Federico Maccario, Mattia Miloro, Gregory Molteni, Leonardo Motta, Alfredo Pazzeschi, Andrea Perrino, Stefano Pitoni, Andrea Romano, Cristiano Terragni e Aron Zemmer.

Tra i favoriti, oltre a Bertasio, leader della money list, Bruschi e Molteni, i francesi Thomas Elissalde, Julien Foret, Nicolas Joakimides, Jean Pierre Verselin e Johann Lopez Lazaro, l’austriaco Tobias Nemecz, gli inglesi Andrew Cooley e Tom Sherreard, gli spagnoli Borja Etchart e Borja Virto e l’irlandese Brendan McCarroll. Il montepremi è di 45.000 euro, I risultati