fbpx

Alps Tour: Masters 13 a Edouard España

  19 Ottobre 2013 News
Condividi su:

​Alessio Bruschi ha ottenuto un bel quinto posto con 283 colpi (70 68 70 75, -5) e Joon Kim l’ottavo con 285 (67 70 70 78, -3), che gli ha permesso di conservare la ‘carta’ nell’Alps Tour, nel Masters 13, ultimo torneo stagionale del terzo circuito continentale sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72) a Mallemort in Francia.

Vittoria annunciata del francese Edouard España (nella foto), che ha concluso con 275 colpi (69 65 67 74, -13) e che in tal modo ha ottenuto una delle cinque ‘carte’ per il Challenge Tour, inserendosi in extremis, grazie ai 7.250 euro guadagnati su un montepremi di 50.000 euro, tra i primi cinque della money list ai quali spettava. E’ giunto al secondo posto con 24.390 punti preceduto dall’inglese Jason Palmer (p. 36.660), assoluto dominatore e vincitore di tre gare nell’anno. Nel Challenge Tour anche gli inglesi Steven Brown, terzo con p. 20.696, e Ben Evans, quarto con p. 19.537, e l’austriaco Lukas Nemecz, quinto con p. 19.325. E’ uscito lo spagnolo Jesus Legarrea, sesto con p. 17.866, che era stato tra i cinque per quasi tutto l’anno. Nella gara España ha superato i connazionali Frederic Abadie (278, -10) e Thomas Linard (281, -7), e l’inglese Thomas Shadbolt (282, -6). Insieme a Bruschi anche Nemecz e il transalpino Nicolas Joakimides. Si è classificato al 14° posto con 287 Nino Bertasio (70 71 73 73, -1) e sono finiti in bassa classifica Andrea Romano 40° con 298 (72 74 74 78, +10), Cristiano Terragni, 43° con 302 (77 70 75 80, +14), Alessandro Grammatica, 44° con 303 (71 74 81 77, +15), e Aron Zemmer, 45° con 304 (73 74 74 83, +16). Con questa posizioni Romano è riuscito ad agganciare il 50° posto nell’ordine di merito, l’ultimo che permetteva di rimanere nel circuito 2014, mentre non ci sono riusciti Terragni, Grammatica e Zemmer. Tra i 50 anche Alessio Bruschi, 16° con 10.800 punti e migliore degli italiani, Gregory Molteni, 20° con 10.397, Nino Bertasio, 33° con 7.090, Leonardo Motta, 35° con 6.768, Andrea Maestroni, 38° con 6.265, Joon Kim, 42° con 5.539, Andrea Bolognesi, 45° con 5.364, e come detto Romano, 50° con 4.992. Nel Masters 13 sono usciti al taglio: Gregory Molteni, 46° con 148 (+4), Mattia Miloro, 57° con 150 (+6), Francesco Gatti, 65° con 151 (+7), Leonardo Motta, 75° con 154 (+10), Andrea Bolognesi, 88° con 158 (+14), Lorenzo Guanti, 89° con 159 (+15), e Alberto Campanile, 95° con 162 (+18). Terzo giro – Joon Kim, terzo con 207 colpi (67 70 70, -9), e Alessio Bruschi, quarto con 208 (70 68 70, -8), sono rimasti in alta classifica nel Masters 13, ultimo torneo stagionale dell’Alps Tour che si disputa sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72) a Mallemort in Francia. Difficilmente, però, potranno insidiare il francese Edouard España, che ha preso il largo con 201 (69 65 67, -15) e quattro colpi di vantaggio suo connazionale Frederic Abadie (205, -11). Il leader appare estremamente motivato perché con un successo potrà entrare tra i primi cinque dell’ordine di merito e guadagnare una ‘carta’ per il Challenge Tour. Al quinto posto con 209 (-7) il transalpino Thomas Linard, al sesto con 210 (-6) il connazionale Nicolas Joakimidis e al settimo con 212 (-4) l’inglese Tom Shadbolt. E’ in buona posizione Nino Bertasio, 12° con 214 (70 71 73, -2), e sono nella parte bassa della graduatoria gli altri quattro italiani che hanno superato il taglio e che sono in lotta per mantenere la ‘carta’ per l’Alps Tour 2014: Andrea Romano, 30° con 220 (72 74 74, +4), Aron Zemmer, 37° con 221 (73 74 74, +5), Cristiano Terragni, 42° con 222 (77 70 75, +6), e Alessandro Grammatica, 45° con 226 (71 74 81, +10). Sono usciti dopo 36 buche: Gregory Molteni, 46° con 148 (+4), Mattia Miloro, 57° con 150 (+6), Francesco Gatti, 65° con 151 (+7), Leonardo Motta, 75° con 154 (+10), Andrea Bolognesi, 88° con 158 (+14), Lorenzo Guanti, 89° con 159 (+15), e Alberto Campanile, 95° con 162 (+18). Il montepremi è di 50.000 euro. Secondo giro – Nel Masters 13, ultimo torneo stagionale dell’Alps Tour che si disputa sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72) a Mallemort in Francia, Joon Kim ha mantenuto il secondo posto con 137 (67 70, -7) colpi e con un ritardo di tre dal francese Edouard España, nuovo leader con 134 (69 65, -10) e molto motivato perché ha bisogno di guadagnare una posizione nella money list per entrare tra i primi cinque ai quali andrà una ‘carta’ per il Challenge Tour 2014, dove il leader al momento è fuori pur avendovi disputato alcune gare in stagione. Kim è affiancato dai transalpini Nicolas Joakimides e Frederic Abadie e sono rimasti in alta classifica Alessio Bruschi, quinto con 138 (70 68, -6) e Nino Bertasio, settimo con 141 (70 71, -3) alla pari con l’austriaco Philipp Fendt, entrambi preceduti dal francese Thomas Linard, sesto con 140 (-4). Sono rimasti in gara Alessandro Grammatica, 26° con 145 (71 74, +1), Andrea Romano, 33° con 146 (72 74, +2) stesso score dell’inglese Jason Palmer già sicuro vincitore dell’ordine di merito, Cristiano Terragni (77 70) e Aron Zemmer (73 74), 40.i con 147 (+3). I quattro italiani sono fuori dai top 50 dell’ordine di merito che avranno confermata la ‘carta’ per l’Alps Tour 2014, come del resto anche Joon Kim, e quindi necessitano di un buon risultato per raggiungere l’obiettivo. Sono usciti al taglio, caduto a 147: Gregory Molteni, 46° con 148 (+4), Mattia Miloro, 57° con 150 (+6), Francesco Gatti, 65° con 151 (+7), Leonardo Motta, 75° con 154 (+10), Andrea Bolognesi, 88° con 158 (+14), Lorenzo Guanti, 89° con 159 (+15), e Alberto Campanile, 95° con 162 (+18). Il montepremi è di 50.000 euro. Primo giro –  Buona partenza dei giocatori italiani nel Masters 13, ultimo torneo stagionale dell’Alps Tour che si disputa sul percorso del Golf de Pont-Royal (par 72) a Mallemort, in Francia: Joon Kim è al secondo posto con 67 (-5) colpi, Alessio Bruschi e Nino Bertasio al quinto con 70 (-2), Alessandro Grammatica al nono con 71 (-1) e Andrea Romano all’11° con 72 (par). La classifica è provvisoria, perché il gioco è stato sospeso per l’oscurità, e il leader, l’austriaco Philipp Fendt, è stato fermato dopo 15 buche sullo score di “meno 6”. Sono al terzo posto con 69 (-3) i francesi Frederic Abadie e Edouard España e affiancano Bruschi e Bertasio l’iberico Borja Etchart e l’austriaco Lukas Nemecz, stesso “meno 2”, ma con tre buche ancora a disposizione per migliorarsi. E’ in buona posizione Aron Zemmer, 21° con 73 (+1), navigano a metà classifica Gregory Molteni, 43° con 75 (+3), Lorenzo Guanti, 53.i con 76 (+4) alla pari con Cristiano Terragni, medesimo “+4” alla 15ª, sono più indietro Francesco Gatti, Mattia Miloro e Leonardo Motta, 67.i con 77 (+5), Alberto Campanile, 84° con 80 (+8), e Andrea Bolognesi, 99° con 84 (+12). Stanno lottando per entrare tra i primi 50 classificati nell’ordine di merito onde mantenere la ‘carta’ per l’Alps Tour 2014 Romano (51° nella money list), Kim (54°), Zemmer (55°) e Grammatica (60°), che con la classifica attuale hanno buone possibilità di riuscire nell’intento, ma sono comunque sempre subordinati ai risultati ottenuti da coloro che sono avanti. I primi cinque nell’ordine di merito avranno la ‘carta’ per il Challenge Tour 2014. E’ già sicuro della promozione Jason Palmer, leader con largo vantaggio, il quale ha iniziato il torneo al 35° posto con 73 (+2) colpi. Il montepremi è di 50.000 euro. Prologo – Quattordici giocatori italiani saranno impegnati nel Masters 13 (17-20 ottobre), il torneo che chiude la stagione dell’Alps Tour e che si disputa sul percorso del Golf de Pont-Royal a Mallemort, in Francia. Sono: Nino Bertasio, Andrea Bolognesi, Alessio Bruschi, Alberto Campanile, Francesco Gatti, Alessandro Grammatica, Lorenzo Guanti, Joon Kim, Mattia Miloro, Gregory Molteni, Leonardo Motta, Andrea Romano, Cristiano Terragni e Aron Zemmer. Si decide dell’assegnazione delle cinque ‘carte’ per il Challenge Tour 2014 ai primi dell’ordine di merito e anche per la conferma ai primi 50 di quelle per l’Alps Tour 2014. Gioco fatto per l’inglese Jason Palmer, leader incontrastato della money list e dominatore della stagione con tre successi, e quasi fatto per il connazionale Steven Brown. Corrono invece rischi l’inglese Ben Evans (terzo), lo spagnolo Jesus Legarrea (4°) e l’austriaco Lukas Nemecz (5°), che hanno a ridosso Edouard España, l’inglese Andrew Cooley e l’irlandese Brendan McCarroll, ma con i 7.250 euro di primo premio, sui 50.000 in palio possono rientrare almeno i giocatori che seguono fino al 15° posto occupato da Molteni. Tra gli italiani, oltre a Molteni, sono in zona “carta” Bruschi (24° nell’ordine di merito), Motta (33°), Bertasio (37°), Bolognesi (42°) e Miloro (45°) e cercheranno di approfittare dell’ultima chance per entrare tra i ‘top 50’ Romano (51°), Kim (54°), Zemmer (55°) e Grammatica (60°), ma anche in questo caso il primo premio può rimettere in carreggiata che è più distaccato.   I risultati