fbpx

A PAOLO FERRARIS IL PORTUGUESE AMATEUR

  14 Febbraio 2015 News
Condividi su:

E’ iniziato con una vittoria il 2015 dei giocatori azzurri, un ottimo segno di continuità con i risultati eclatanti della scorsa stagione in cui sono stati ottenuti sedici successi all’estero comprensivi di una medaglia d’oro alle Olimpiadi Giovanili (Renato Paratore) e del titolo europeo a squadre Boys. Paolo Ferraris (nella foto) si è imposto con 205 colpi (70 67 68, -11) nel Portuguese International Amateur Championship, torneo che si è svolto sul percorso del Montado Hotel e Golf Resort (par 72), a Palmela in Portogallo. Il portacolori del Royal Park I Roveri G&CC ha lasciato a due colpi il danese Christoffer Bring (207 – 65 72 70, -9)  e a tre il francese Edgar Catherine (208, -8), che lo hanno affiancato sul podio. Al quarto posto con 209 (-7) il danese Peter Launer Baek e l’inglese Joe Dean, al sesto con 210 (-6) il gallese Tim Harry, l’inglese Ashley Chesters e lo sloveno Zan Luka Strin, gli ultimi due leader dopo 36 buche. A dare un ulteriore tono al successo italiano le buone prove di Jacopo Vecchi Fossa, nono con 211 (70 70 71, -5), e di Guido Migliozzi, 19° con 214 (73 70 71, -2). Il torneo, a causa dei ritardi dovuti alla nebbia, è stato ridotto da 72 a 54 buche. Ferrari ha iniziato il turno conclusivo con un colpo di ritardo da Strin e da Chesters, ma ha rimediato subito con una partenza lampo infilando quattro birdie in sei buche. Sulle seconde nove ha avuto un cammino piuttosto accidentato, alternando birdie e bogey sulle prime otto per un totale di quattro e quattro, ma il saldo è stato ampiamente attivo con un 68 (-4) e il titolo in un evento che lo scorso anno aveva visto trionfare Renato Paratore. Il vincitore, 21 anni, è al secondo alloro internazionale dopo quello ottenuto nel Turkish Amateur Open Championship (2014) e, curiosamente, anche in quella occasione la gara fu accorciata di un giro per condizioni climatiche sfavorevoli. E’ stato campione italiano match play nel 2012 ed è andato a segno nella Coppa d’Oro Città di Roma (2014). Lavora presso l’azienda di famiglia. “Sono partito molto bene – ha detto – poi nelle buche di ritorno ci sono stati parecchi alti e bassi. Non mi hanno aiutato un paio di approcci difficili, sono venuti quattro bogey, ma quando si segnano otto birdie e si vince il resto conta poco. Oggi, peraltro, ho avuto anche il pieno supporto del putter, mentre c’era stata qualche incomprensione in precedenza. Siamo stati ostacolati dalla nebbia e c’è stato un leggero vento per tutto il torneo, ma le condizioni tutto sommato sono state buone. Prospettive? A fine anno proverò a passare professionista, ma nel frattempo mi auguro che arrivino altri risultati come questo”. Molto soddisfatto, e non poteva essere diversamente, Alberto Binaghi, direttore tecnico della squadra nazionale maschile, che ha accompagno il team insieme all’allenatore Federico Bisazza: “Abbiamo preparato bene la gara con delle prove campo meticolose. Non pensavo che potessimo vincere alla prima uscita per il fatto che i giocatori delle altre nazioni si erano allenati a lungo in varie località come Stati Uniti, Dubai, Sudafrica ed altre, mentre noi abbiano svolto solo due brevi stage, ma evidentemente il lavoro fatto è stato ottimale e ha pagato”. Il taglio, anticipato di un giro, ha lasciato fuori dai 41 promossi gli altri italiani in campo così classificati: 58.i con 147 (+3) Stefano Mazzoli (73 74), Gianmaria Rean Trinchero (75 72) ed Edoardo Raffaele Lipparelli (77 70); 70° con 148 (+4) Francesco Donaggio (75 73); 77.i con 149 (+5), Giacomo Fortini (75 74), Alberto Castagnara (72 77), Teodoro Soldati (79 70) e Filippo Campigli (72 77); 84° con 150 (+6) Federico Zuckermann (73 77); 97.i con 152 (+8) Michele Cea (77 75) e Luca Cianchetti (80 72); 114° con 160 (+16) Jacopo Guasconi (86 74).   Secondo giro – L’azzurro Paolo Ferraris, terzo con 137 (70 67, -7) a un colpo dai due leader con 136 (-8), lo sloveno Zan Luka Strin (67 69) e l’inglese Ashley Chesters (70 66), competerà per il titolo nel turno finale dell’85° Portuguese International Amateur Championship. Il torneo, che si sta svolgendo sul percorso del Montado Hotel e Golf Resort (par 72), a Palmela in Portogallo, è stato ridotto da 72 a 54 buche a causa dei ritardi provocati dalla nebbia. Ferraris ha la compagnia del francese Edgar Catherine e dei danesi Peter Launer Baek e Christoffer Bring. Hanno chances anche l’inglese Daniel Brown, settimo con 138 (-6), il connazionale Joe Dean e il gallese Tim Harry, ottavi con 139 (-5), e anche Jacopo Vecchi Fossa, decimo con 140 (70 70, -4). E’ a metà graduatoria Guido Migliozzi, 25° con 143 (73 70, -1), mentre il taglio, anticipato di un giro, ha lasciato fuori dai 41 promossi gli altri italiani in campo così classificati: 58.i con 147 (+3) Stefano Mazzoli (73 74), Gianmaria Rean Trinchero (75 72) ed Edoardo Raffaele Lipparelli (77 70); 70° con 148 (+4) Francesco Donaggio (75 73); 77.i con 149 (+5), Giacomo Fortini (75 74), Alberto Castagnara (72 77), Teodoro Soldati (79 70) e Filippo Campigli (72 77); 84° con 150 (+6) Federico Zuckermann (73 77); 97.i con 152 (+8) Michele Cea (77 75) e Luca Cianchetti (80 72); 114° con 160 (+16) Jacopo Guasconi (86 74). Il team azzurro è accompagnato dagli allenatori Alberto Binaghi e Federico Bisazza.   Secondo giro sospeso – E’ stato sospeso per l’oscurità il secondo giro dell’85° Portuguese International Amateur Championship, dopo che la partenza era stata ritardata per nebbia. Nella classifica provvisoria, con 42 concorrenti su 120 in gara che ancora debbono completare il turno sul percorso del Montado Hotel e Golf Resort (par 72) a Palmela in Portogallo, è in vetta con 136 (70 66, -8) colpi l’inglese Ashley Chesters, che precede di un colpo l’azzurro Paolo Ferraris (137 – 70 67, -7), il francese Edgar Catherine e i danesi Peter Launer Baek e Christoffer Bring. Sono giunti in club house altri undici dei quindici italiani presenti: Guido Migliozzi, 19° con 143 (73 70, -1), Stefano Mazzoli (73 74), Gianmaria Rean Trinchero (75 72) ed Edoardo Raffaele Lipparelli (77 70), 43.i con 147 (+3), Francesco Donaggio, 50° con 148 (75 73, +4), Giacomo Fortini (75 74), Alberto Castagnara (72 77) e Filippo Campigli (72 77), 56.i con 149 (+5), Federico Zuckermann, 60° con 150 (73 77, +6), Michele Cea, 67° con 152 (77 75, +8), e Jacopo Guasconi, 74° con 160 (86 74, +16). Sono stati fermati lungo il percorso Jacopo Vecchi Fossa, Teodoro Soldati e Luca Cianchetti. La gara, che lo scorso anno fu vinta da Renato Paratore, si svolge sulla distanza di 72 buche. Dopo 54 rimarranno in gara i primi 40 classificati e i pari merito al 40° posto. Il team azzurro è accompagnato dagli allenatori Alberto Binaghi e Federico Bisazza.   Primo giro – Paolo Ferraris e Jacopo Vecchi Fossa sono al 15° posto con 70 (-2) colpi dopo il giro iniziale dell’85° Portuguese International Amateur Championship, che si sta svolgendo sul percorso del Montado Hotel e Golf Resort (par 72) a Palmela in Portogallo. Nel torneo in cui gli azzurri effettuano la prima uscita stagionale guida la graduatoria, grazie a un gran 65 (-7),  il danese Christoffer Bring, seguito con 67 (-5) dallo sloveno Za Luka Strin, dal francese Edgar Catherine e dall’inglese Daniel Brown. Al quinto posto con 68 (-4)  i transalpini Thomas Le Berre e Nicolas Maheut, lo scozzese Ryan Lumsden e gli inglesi Jamie Li e Sean Towndrow. Così gli altri italiani in gara: 31.i con 72 (par) Filippo Campigli e Alberto Castagnara, 40.i con 73 (+1) Guido Migliozzi, Stefano Mazzoli e Federico Zuckermann, 71.i con 75 (+3) Giacomo Fortini, Francesco Donaggio e Gianmaria Rean Trinchero,  95.i con 77 (+5) Michele Cea ed Edoardo Raffaele Lipparelli, 110° con 79 (+7) Teodoro Soldati, 112° con 80 (+8) Luca Cianchetti e 119° con 86 (+14) Jacopo Guasconi. La gara, che lo scorso anno fu vinta da Renato Paratore, si svolge sulla distanza di 72 buche. Dopo 54 rimarranno in gara i primi 40 classificati e i pari merito al 40° posto. Il team azzurro è  accompagnato dagli allenatori Alberto Binaghi e Federico Bisazza.   Pari tra Italia e Portogallo(6-6) – L’incontro amichevole tra Italia è Portogallo, terminato in parità (6-6), ha fatto da prologo all’85° Portuguese International Amateur Championship (11-14 febbraio) che avrà luogo al Montado Hotel e Golf Resort di Palmela.  Nei singoli i padroni di casa sono andati avanti di un punto (4,5-3,5) poi gli azzurri hanno riequilibrato le sorti nei doppi con un parziale di 2,5-1,5. Hanno portato punti pieni nei match individuali Stefano Mazzoli, Paolo Ferraris e Guido Migliozzi (su Giaau II, Morris e Lopes), pari tra Edoardo Raffaele Lipparelli e Silva I e successi portoghesi con Bessa, Giaau I, Ramos e Silva II (su Luca Cianchetti, Federico Zuckermann, Jacopo Vecchi Fossa e Teodoro Soldati. Nei doppi vittorie di Migliozzi/Soldati (su Lopes/Silva II) e di Mazzoli/Lipparelli (su Giaau I/Silva I), pari tra Ferraris/Cianchetti e Bessa/Morris e punto per i lusitani di Giaau II/Ramos (su Zuckermann/Vecchi Fossa).  Il team azzurro è  accompagnato dagli allenatori Alberto Binaghi e Federico Bisazza.   Prologo – Prima uscita stagionale degli azzurri in Portogallo dove affronteranno la selezione di casa (8-9 febbraio) e poi parteciperanno all’85° Portuguese International Amateur Championship (11-14 febbraio) al Montado Hotel e Golf Resort di Palmela. Il team, accompagnato dagli allenatori Alberto Binaghi e Federico Bisazza, è composto da Filippo Campigli, Alberto Castagnara, Michele Cea, Luca Cianchetti, Paolo Ferraris, Edoardo Raffaele Lipparelli, Stefano Mazzoli, Guido Migliozzi, Gianmaria Rean Trinchero, Teodoro Soldati, Jacopo Vecchi Fossa e da Federico Zuckermann. Il torneo si svolge sulla distanza di 72 buche. Dopo 54 rimarranno in gara i primi 40 classificati e i pari merito al 40° posto.