fbpx

79° Masters Tournament: Jordan Spieth rallenta ma mantiene un buon vantaggio

  12 Aprile 2015 News
Condividi su:

Jordan Spieth (nella foto) ha rallentato, ma ha mantenuto ugualmente il comando con 200 colpi (64 66 70, -16), insieme a un buon vantaggio, nel 79° Masters Tournament, primo major stagionale che si conclude sul percorso dell’Augusta National GC, ad Augusta in Georgia. Il quasi 22enne texano di Dallas inizierà il giro finale con quattro colpi di margine sull’inglese Justin Rose, secondo con 204 (67 70 67, -12), con cinque su Phil Mickelson, terzo con 205 (70 68 67, -11), e con sei su Charley Hoffman, quarto con 206 (-10).   Malgrado una bella prestazione e il recupero di quattordici posizioni sono fuori gioco Tiger Woods (73 69 68) e Rory McIlroy (71 71 68), sebbene quinti con 210 (-6) alla pari con Kevin Streelman, Kevin Na e con Dustin Johnson, che invece ha un po’ ceduto,. Possono provare  a rimanere tra i “top ten” l’inglese Paul Casey e il giapponese Hideki Matsuyama, decimi con 211 (-5), o a entrarvi Zach Johnson, l’inglese Ian Poulter, autore come Rose e Mickelson di un 67 (-5) miglior score di giornata, l’australiano Jason Day e il sudafricano Louis Oosthuizen, 12.i con 212 (-4), così come Hunter Mahan e lo spagnolo Sergio Garcia, 18.i con 213 (-3),  l’argentino Angel Cabrera e i sudafricani Charl Schwartzel ed Ernie Els, 21.i con 214 (-2).   Bilancio negativo per Bubba Watson, campione uscente, e per l’australiano Adam Scott, 25.i con 215 (-1). Gara del tutto anonima di Webb Simpson, Patrick Reed, dell’inglese Lee Westwood e dello svedese Henrik Stenson, 30.i con 216 (par), di Matt Kuchar e di Keegan Bradley, 42° con 218 (+2), del nordirlandese Graeme McDowell, 51° con 221 (+5), e del fijano Vijay Singh, del thailandese Thongchai Jaidee e del nordirlandese Darren Clarke, 53.i con 222 (+6) e in coda al gruppo.     Spieth non è stato brillante, ma una frenata dopo il punteggio record dei primi due turni, era quasi fisiologica. E’ stato incerto all’inizio, ma è comunque sceso sotto par (35, -1) dopo nove buche con tre birdie e due bogey, poi ha aumentato il ritmo dalla 12 alla 16, dove ha messo insieme quattro birdie, contro un bogey, tuttavia sul “meno 18” ha concesso ossigeno ai suoi inseguitori e suspense per il turno conclusivo con un doppio  bogey alla 17. In totale 70 (-2) colpi. “Aver giocato il secondo giro di mattina – ha spiegato – mi ha lasciato troppo intervallo con il terzo: ventiquattro ore di stop in questo torneo sono troppe  Non ho avuto sul campo le stesse sensazioni dei giorni precedenti, ma ho poco da lamentarmi, a parte il rammarico per il doppio bogey alla buca 17, con la posizione di classifica che occupo e il buon vantaggio. Si, ho pensato molto, direi per tutto l’anno, alla conclusione del Masters 2014. Sono rimasto male per il secondo posto, ma la strada è ancora lunga per parlare di rivincita”.   Rose è partito con due bogey che ha recuperato con due birdie a metà strada. Si è scatenato nel finale e con cinque birdie per il 67 (-5) ha occupato in extremis la seconda piazza. Mickelson ha realizzato lo stesso score, anche lui con sette birdie e due bogey, ma ha perso qualche possibilità importante. Troppi par per Hoffman in avvio, quindi due errori pesanti alle buche 15 e 17 e seconda posizione persa, malgrado tre birdie (71, -1).   McIlroy e Woods hanno segnato 68 (-4) colpi con un cammino praticamente parallelo. Il numero uno mondiale è uscito con un eagle e due bogey e Woods con identico “meno 4” dovuto a quattro birdie. Poi due birdie e due bogey per entrambi in un finale sofferto.   Ha detto Tiger: “Ho sbagliato un paio di corti putt e qualche altra occasione per rendere questo giro veramente speciale. Sto migliorando giorno per giorno, ho il pieno controllo del gioco, della distanza e dei colpi. Devo comunque tornare quanto prima ai livelli di qualche anno addietro e la strada è giusta Il Masters? E’ nelle mano di Spieth, dipende tutto da lui”. Il montepremi è di nove milioni di dollari.   Il torneo su Sky – La giornata finale del 79° Masters Tournament sarà teletrasmessa in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky con collegamento sul canale Sky Sport 2 HD dalle ore 20 alle ore 1. La diretta sarà preceduta da Studio Golf, della durata di trenta minuti, condotto da Francesca Piantanida. Replica lunedì 13 aprile alle ore 7,30 (su Sky Sport 2 HD. Commento di Lia Capizzi, Silvio Grappasonni, Massimo Scarpa e di Nicola Pomponi.   I risultati