US Womens Amateur a Sophia Schubert, out Carta dopo due turni

virginia-elena-carta
  14 agosto 2017 News
Condividi su:

La statunitense Sophia Schubert ha sconfitto in finale per 6/5 la svizzera Albane Valenzuela e ha vinto l’US Womens Amateur, major femminile per dilettanti disputato sul tracciato del San Diego Golf Club (par 72), a Chula Vista in California. In semifinale la vincitrice aveva messo fuori gioco la taiwanese Chia Yen Wu pr 2 up e l’elvetica aveva avuto ragione della californiana Lilia Kha-Tu Vu per 3/2.

L’unica azzurra in gara Virginia Elena Carta è uscita nel secondo turno di match play per mano della giapponese Karen Miyamoto (2/1) dopo aver battuto nel turno iniziale con un secco 4/3 la francese Pauline Roussin-Bouchard. Virginia Elena Carta, che è stata seguita in campo dall’allenatore Roberto Zappa, era giunta 20ª (145 – 76 69, +1) nella qualificazione su 36 buche medal vinta dalla transalpina Shannon Aubert (135 – 69 66, -9). Lo scorso anno si era classificata seconda superata in finale per 1 up dalla coreana Eun Jeong Seong, sfiorando l’impresa che era riuscita invece a Silvia Cavalleri, vincitrice nel 1996.

SECONDO TURNO DI MATCH PLAY – Virginia Elena Carta è stata superata per 2/1 dalla giapponese Karen Miyamoto ed è uscita nel secondo turno di match play all’US Womens Amateur, major femminile per dilettanti che si sta disputando sul tracciato del San Diego Golf Club (par 72), a Chula Vista in California.

La nipponica è andata in vantaggio con un birdie alla prima buca, l’azzurra ha pareggiato con un par alla sesta, poi la Miyamoto ha messo praticamente al sicuro l’incontro con un birdie e due par vincenti nell’arco di cinque buche e la Carta ha potuto solo accorciare le distanze, a sua volta con un par, alla 13ª. Si sono svolti sedicesimi e ottavi di finale nei quali sono uscite la francese Shannon Aubert (1 up da Lucy Li), che prima aveva messo fuori gioco la connazionale Agathe Laisne (2/1), campionessa d’Europa, e la stessa Miyamoto battuta dalla californiana Robynn Ree (1 up).

Virginia Elena Carta, seguita in campo dall’allenatore Roberto Zappa, era giunta 20ª (145 – 76 69, +1) nella qualificazione su 36 buche medal vinta dalla Aubert (135 – 69 66, -9). Lo scorso anno si era classificata seconda superata in finale per 1 up dalla coreana Eun Jeong Seong, sfiorando l’impresa che era riuscita invece a Silvia Cavalleri, vincitrice nel 1996.

PRIMO TURNO MATCH PLAY – Virginia Elena Carta ha battuto con un secco 4/3 la francese Pauline Roussin-Bouchard e ha avuto accesso al secondo turno di match play nell’US  Womens Amateur, major femminile per dilettanti che si sta disputando sul tracciato del San Diego Golf Club (par 72), a Chula Vista in California. Prossima avversaria la giapponese Karen Miyamoto.

Dopo un inizio molto equilibrato l’azzurra, seguita in campo dall’allenatore Roberto Zappa, si è portata in vantaggio alla sesta buca poi ha chiuso il match conquistando tre buche consecutive dalla decima alla 12ª. Sul 4 up la francese ha provato a rientrare in gara, ma alla 15ª ha dovuto alzare bandiera bianca. Nessuna delle due concorrenti ha realizzato birdie e hanno vinto le buche (cinque l’italiana, una la transalpina) con dei par.

La francese Shannon Aubert, vincitrice della qualificazione su 36 buche medal, ha superato agevolmente la californiana Samantha Hutchison (6/4) e nel prossimo match se la vedrà con la connazionale Agathe Laisne (3/2 su Erica Shepherd dell’Indiana), campionessa d’Europa. L’altra californiana Lucy Li ha messo fuori gioco l’hawaiana Mariel Galdiano (4/3) e la svizzera Albane Valenzuela ha avuto ragione con difficoltà della thailandese Wad Phaewchimplee (1 up): A sorpresa l’eliminazione dell’inglese Alice Hewson (alla 20ª dalla californiana Rinko Mitsunaga). La Carta, 20ª in qualifica, come detto, affronterà Karen Miyamoto, 12ª nella fase medal, che non ha avuto problemi contro la texana Julie Houston (4/3).

Virginia Elena Carta lo scorso anno si è classificata seconda superata in finale per 1 up dalla coreana Eun Jeong Seong, sfiorando l’impresa che era riuscita invece a Silvia Cavalleri, vincitrice nel 1996.

SECONDO GIRO DI QUALIFICAZIONE – Nell’US  Womens Amateur Virginia Elena Carta, con un ottimo secondo giro in 69 (-3) colpi, è salita dal 78° al 20° posto con 145 (76 69, +1) nella qualificazione su 36 buche medal e ha avuto accesso tra le 64 concorrenti che si contenderanno il titolo nella fase match play del major femminile per dilettanti.

Sul percorso del San Diego Golf Club (par 72),a Chula Vista in California, ha ottenuto il numero uno sul tabellone la francese Shannon Aubert (135 – 69 66, -9) con largo margine sulla neozelandese Julianne Alvarez (139, -5). Sulla loro scia le californiane Haley Moore e Stephanie Lau (140, -4), la georgiana Bailey Tardy e l’inglese Alice Hewson (141, -3). All’11° posto con 143 (-1) tre delle giocatrici più gettonate alla vigilia, la svizzera Albane Valenzuela, la texana Kristen Gillman, vincitrice della gara nel 2014, e l’hawaiana Mariel Galdiano, mentre è scivolata dal 18° al 31° con 147 (+3) la transalpina Agathe Laisne, campionessa d’Europa.

Virginia Elena Carta, seguita in campo dall’allenatore Roberto Zappa, è partita molto decisa e ha posto le basi per la rimonta con due birdie sulla prima metà del tracciato. Frenata da un bogey alla buca 11 ha poi completato la rincorsa con altri due birdie nel finale. Nel primo incontro l’azzurra affronterà la francese Pauline Roussin-Bouchard, 44ª in qualifica (148, +4). I match play si svolgeranno sulla distanza di 18 buche con la finale su 36.

Virginia Elena Carta, anche lei tra le favorite, lo scorso anno si è classificata seconda superata in finale per 1 up dalla coreana Eun Jeong Seong, sfiorando l’impresa che era riuscita invece a Silvia Cavalleri, vincitrice nel 1996.

PRIMO GIRO DI QUALIFICAZIONE – Virginia Elena Carta ha concluso al 78° posto con 76 (+4) colpi il primo dei due giri della qualificazione su 36 buche medal nell’US Womens Amateur, major femminile per dilettanti iniziato sul percorso del San Diego Golf Club (par 72),a Chula Vista in California.

L’azzurra nel secondo turno dovrà entrare nel gruppo delle prime 64 in graduatoria che competeranno per il titolo nei match play ad eliminazione diretta. Per farlo dovrà recuperare il colpo che al momento la divide dall’ultimo punteggio utile.

Sono al vertice con 67 (-5) la californiana Haley Moore e la texana Kristen Gillman che precedono la georgiana Bailey Tardy (68, -4), Krystal Quihuis dell’Arizona e la francese Shannon Aubert (69, -3). Al sesto posto con 70 (-2) la svizzera Albane Valenzuela, nel gruppo delle favorite insieme alla californiana Lucy Li e all’inglese Alice Hewson, decime con 71 (par), e alla transalpina Agathe Laisne, campionessa d’Europa, 18ª con 72 (par).

Virginia Elena Carta, seguita nel torneo dall’allenatore Roberto Zappa, ha segnato due bogey sulle  prime nove buche e un birdie e tre bogey nel rientro. L’azzurra lo scorso anno si è classificata al secondo posto superata in finale per 1 up dalla coreana Eun Jeong Seong, sfiorando l’impresa che era riuscita invece a Silvia Cavalleri, vincitrice nel 1996.

Al torneo prendono parte 156 concorrenti. Gli incontri di match play si svolgeranno su 18 buche con la finale su 36.

LA VIGILIA –  Virginia Elena Carta partecipa all’US Womens Amateur (7-13 agosto), un major femminile per dilettanti, in programma sul tracciato del San Diego Golf Club a Chula Vista in California.

L’azzurra lo scorso anno si è classificata al secondo posto superata in finale per 1 up dalla coreana Eun Jeong Seong, sfiorando l’impresa che era riuscita invece a Silvia Cavalleri, vincitrice nel 1996. Alla gara prendono parte 156 concorrenti che disputeranno la qualificazione su 36 buche medal, poi le prime 64 classificate accederanno ai match play ad eliminazione diretta, tutti su 18 buche, ad eccezione della finale che ne prevede 36. La maggioranza delle partecipanti (108) ha un’età che varia dai 16 a 20 anni, mentre il secondo gruppo più numeroso è quello di età tra i 21 e i 25 anni (28). Rappresentate 21 nazioni e 29 stati americani.

Nel field buona parte delle migliori amateur del mondo tra le quali ricordiamo due past champions, Kristen Gillman (2014) e Hannah O’Sullivan (2015), giocatrici della squadra Usa di Curtis Cup quali Mariel Galdiano, Alice Hewson e Mika Liu e altre autorevoli candidate al titolo che sono tra le top ten del ranking mondiale: Albane Valenzuela, Jennifer Kupcho, Lilia Kha-Tu Vu, Andrea Lee e Cheyenne Knight. Naturalmente, dopo la grande prova dello scorso anno, Virginia Elena Carta è tra le più quotate nelle previsioni della vigilia. Accompagna l’azzurra l’allenatore Roberto Zappa.

 

I RISULTATI

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube

Letizia Bagnoli - saranno famosi