LPGA: Jin Young Ko segue i consigli di D. Johnson e vince

Ko Jin Young
  25 Marzo 2019 News
Condividi su:

La coreana Jin Young Ko ha realizzato un gran 65 (-7) finale e ha vinto con 266 (65 72 64 65, -22) colpi la Bank of Hope Founders Cup, sul percorso del Wildfire Golf Club (par 72) al JW Marriott Phoenix Desert Ridge Resort & Spa di Phoenix in Arizona.

Ha preceduto di un colpo la spagnola Carlota Ciganda, la cinese Yu Liu, leader dopo tre turni, e le sorelle statunitensi Jessica e Nelly Korda (267, -21), figlie degli ex tennisti Petr Korda e Regina Rajchrtová. In sesta posizione con 269 (-19) la cinese Shanshan Feng e l’inglese Charlotte Thomas, in ottava con 270 (-18) la canadese Brooke M. Henderson e la neozelandese Lydia Ko, Tre colpi in più per la coreana Sung Hyun Park, numero uno mondiale, 14ª con 273 (-15) dopo essere stata al comando nel secondo giro, e più defilate la thailandese Ariya Jutanugarn, numero due del Rolex ranking, 18ª con 274 (-14), e la coreana Inbee Park, campionessa olimpica a Rio 2016, che si era imposta in questo torneo nel 2018, 34ª con 277 (-11).

Jin Young Ko (nella foto), 23enne di Seoul, ha conseguito il terzo titolo nel circuito per un palmarés che comprende anche nove successi nel LPGA of Korea Tour, risalendo dalla quarta piazza con una volata fatta di sette birdie, senza bogey.

La coreana ha spiegato al termine di essere salita sul gradino più alto del podio grazie ai consigli di Dustin Johnson, numero uno del World ranking: “Mi ha detto di rimanere calma e concentrata anche dopo gli errori. Così dopo un secondo giro deludente, nel terzo e nel quarto ho provato a mettere in pratica i suoi suggerimenti e ha funzionato”. La vincitrice è stata gratificata con un assegno di 225.000 dollari su un montepremi di 1.500.000 dollari. Nessuna italiana in campo.

I RISULTATI

 

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube