La Giornata dell’Ambiente celebrata su dieci campi con il “Golf a porte aperte”

  05 Giugno 2012 News
Condividi su:

Numerose scolaresche, giovani e studenti universitari, esponenti delle istituzioni locali, visitatori e visitatrici di tutte le età, hanno partecipato alla manifestazione “Il Golf a porte aperte”, indetta ieri dalla Federazione in dieci Circoli sparsi in tutt’Italia per celebrare la Giornata mondiale dell’Ambiente. Dal Golf Nazionale di Sutri (nella foto alcuni partecipanti) all’Olgiata di Roma, dalle Rovedine di Milano all’Argentario, da Montecchia (Padova) a Cansiglio (Belluno), da Cervia (Ravenna) a Miglianico (Chieti), da San Domenico in Puglia a Tanca in Sardegna, la prima edizione dell’iniziativa ha lanciato un messaggio in favore dell’alleanza fra sport e natura. E proprio in nome di questo connubio, a tutti gli ospiti che si sono registrati verrà inviato un “coupon” per una visita guidata nelle Oasi più vicine del Wwf.

 

Accolti dal presidente Filippo Pacelli e dal segretario sportivo Umberto Tocchi, al Golf Nazionale di Sutri gli studenti del dipartimento di Agraria dell’Università di Viterbo sono stati guidati in campo dal “superintendent” Andrea Cappuccini che ha illustrato le caratteristiche tecniche e ambientali dell’impianto gestito direttamente dalla Fig. Alla visita, hanno partecipato anche Gianfranco Bologna e Annia Della Penna, rispettivamente Direttore scientifico e Responsabile marketing del Wwf Italia. Un videoservizio andrà in onda su Sky Sport.    All’Argentario, tre scolaresche hanno fatto il giro del campo che affaccia sullo scenario della Laguna di Orbetello. A Montecchia, il Circolo presieduto dal consigliere federale Paolo Casati ha accolto un altro gruppo di studenti della Facoltà di Agraria dell’Università di Padova, accompagnati da alcuni docenti, insieme a esponenti delle istituzioni locali: ai giovani visitatori sono state offerte lezioni di prova e poi è stato proiettato un filmato sui lavori di ammodernamento dell’impianto. Al San Domenico di Fasano (Brindisi), una nutrita rappresentanza dell’associazione “Ambiente Puglia”, presieduta da Paolo Lepore, ha visitato prima il suggestivo campo sul mare e poi il vicino complesso delle Chiese rupestri, su invito della signora Marisa Melpignano. In questa circostanza, la stessa associazione culturale ha aderito ufficialmente al “Protocollo d’intesa” già sottoscritto recentemente dalla Federgolf e dalle principali organizzazioni ambientaliste nazionali (Wwf Italia, Legambiente, Federparchi, Fai e MareVivo). L’iniziativa “Il Golf a porte aperte” ha ottenuto un ampio riscontro mediatico su molti giornali e siti Internet. Per l’occasione, l’emittente radiofonica RDS ha intervistato il consigliere federale, Antonio Bozzi. “Visto il buon esito complessivo di questo primo esperimento – ha commentato il presidente della Federgolf, Franco Chimenti – con più tempo e mezzi a disposizione, la manifestazione potrà essere ripetuta e ampliata l’anno prossimo a un maggior numero di Circoli”.      

 

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube