Rio 2016: in vetta Rose, Manassero 33°, Bertasio 39°

Rose Justin
  13 Agosto 2016 In primo piano
Condividi su:

Volata finale verso le medaglia ai Giochi Olimpici di golf, che si stanno svolgendo all’Olympic Golf Course (par 71), nella Reserva de Marapendi in Barra da Tijuca a Rio de Janeiro. La classifica è cambiata per l’attacco deciso dell’inglese Justin Rose (nella foto), nuovo leader con 201 colpi (67 69 65, -12), e dello svedese Henrik Stenson, secondo con 202 (-11), che hanno sorpassato l’australiano Marcus Fraser, in vetta per due giri, e terzo con 204 (-9). Sono rimasti sostanzialmente nella stessa posizione Matteo Manassero, 33° con 213 (69 73 71, par), e Nino Bertasio, 39° con 215 (72 72 71, +2), entrambi autori di un 71 (par).

Tra i protagonisti della giornata gli statunitensi Bubba Watson e Rickie Fowler. Il primo ha rimontato dal 18° fino al quarto posto e con il parziale di 67 (-4) e il totale di 207 (-6) si è messo in corsa per una medaglia. Fowler ha segnato il miglior score del turno con un 64 (-7): dalla 50ª piazza era difficile poter pensare di proporsi per il podio, ma la 14ª con 210 (-3) è sicuramente più confacente alla sua caratura, ma non cancella due giri sotto tono. Hanno la stessa prospettiva di Watson anche lo svedese David Lingmerth e l’argentino Emiliano Grillo, che lo affiancano.

Possono puntare quanto meno al bronzo l’irlandese Padraig Harrington, Matt Kuchar, il francese Gregory Bourdy, lo spagnolo Rafael Cabrera Bello e il finlandese Mikko Ilonen, ottavi con 208 (-5), ma dovranno in primo luogo confidare su un cedimento di Fraser, in realtà è apparso un po’ provato dalla tensione.

Ha mollato di schianto il belga Thomas Pieters, da secondo a 14° insieme a Fowler e a Danny Willett, mentre da questa Olimpiade potranno solo trarre il piacere di avervi partecipato l’iberico Sergio Garcia, 22° con 211 (-2), il thailandese Thongchai Jaidee, 26° con 212 (-1), il venezuelano Jhonattan Vegas, 51° con 219 (+6), e l’indiano Anibarn Lahiri, 57° con 222 (+9).

Matteo Manassero ha condotto molto bene le prime dieci buche, puttando quasi sempre per il birdie e mettendone a segno due. Alla 11ª ha preso tre putt e, forse, nel desiderio di recuperare rapidamente, non ha avuto la lucidità giusta per superare almeno indenne le altre tre buche, insieme alla 11, più difficili del campo e sono arrivati tre bogey. Nel finale si è riportato in par con due birdie. Nino Bertasio alla 16ª era due colpi sotto par (tre birdie, un bogey), però li ha persi con due bogey a chiudere.

Le partenze – Ore 13,11 italiane: Nino Bertasio, il cinese Ashun Wu e il finlandese Roope Kakko; ore 13,44 Matteo Manassero, il danese Thorbjorn Olesen e il tedesco Alex Cejka; ore 15,28: Bubba Watson, David Lingmerth ed Emiliano Grillo; ore 15,39: Justin Rose, Henrik Stenson e Marcus Fraser.

Il torneo sulla RAI – Il giro finale del torneo sarà teletrasmesso dalla RAI con collegamento dalle ore 12 italiane (ore 7 in Brasile) alle ore 21. Sul sito di Raisport streaming integrale con la telecronaca di Maurizio Losa, mentre sui canali RAI (Rai 2, Raisport 1, Raisport 2) la trasmissione avverrà in alternativa con gli altri avvenimenti della giornata.

 

I RISULTATI

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube