PGA Tour: Honda Classic a Justin Thomas, buona prova di Tiger Woods

thomas-justin
  26 febbraio 2018 In primo piano
Condividi su:

Justin Thomas (272 – 67 72 65 68, -8) ha vinto l’Honda Classic (PGA Tour), disputato sul difficile percorso del PGA National (par 70) a Palm Beach Gardens, in Florida, dove Tiger Woods si è classificato 12° con 280 (70 71 69 70, par) offrendo la miglior prova da quando è tornato in campo dopo il lungo stop.

Thomas ha superato con un birdie alla prima buca di spareggio Luke List (272 – 71 66 66 69) con il quale aveva terminato alla pari a gara. In terza posizione con 273 (-7) lo svedese Alex Noren e in quarta con 274 (-6) l’inglese Tommy Fleetwood, numero uno europeo 2017, entrambi in corsa per il titolo fino alle ultime battute. E’ risalito al 13° posto con 281 (+1), dopo un avvio lento, l’australiano Adam Scott, ha ceduto il sudafricano Louis Oosthuizen, 24° con 283 (+3), e sono andati in altalena gli spagnoli Rafa Cabrera Bello, 29° con 284 (+4), e Sergio Garcia, 33° con 285 (+5). Più defilato Jim Furyk, capitano statunitense alla prossima Ryder Cup (Francia, 28-30 settembre), 46° con 286 (+6), e ancora una volta deludente il nordirlandese Rory McIlroy, 59° con 289 (+9). Dopo due giri sono usciti al taglio, caduto a 145 (+5), Rickie Fowler, che difendeva il titolo, e il nordirlandese Graeme McDowell, 83.i con 147 (+7).

Justin Thomas, 25enne di Louisville (Kentucky), ha portato a otto i titoli nel circuito, comprensivi di un major, ed è salito dal quarto al terzo posto nel world ranking. Ha condotto il giro finale in 68 (-2) colpi con tre birdie e un bogey e nel playoff non ha sbagliato nulla, mentre la pallina di Luke List errava lungo il campo. Ha ricevuto un assegno di 1.188.000 dollari di un montepremi di 6.600.000 dollari.

Tiger Woods è partito forte con tre birdie in otto buche, avvicinandosi di molto alla vetta, poi però ha ceduto nel finale con due bogey e un doppio bogey contro un altro birdie (70, par). La sua prestazione ha indotto alcuni addetti ai lavori statunitensi a ipotizzare un suo ritorno alla vittoria in tempi non lontani. “Pensavo di giocare bene questa settimana e l’ho fatto davvero” ha detto Woods. “Il fisico mi sostiene, continuo a fare la ginnastica nel modo corretto, ma la cosa migliore è l’aver sempre controllato la palla anche su un campo così ventoso. Sono contento dei progressi e di essermi dato una possibilità arrivando a pochi colpi dai leader e pazienza se in un paio di giri ho accusato  cali di rendimento sulle ultime buche”.

 

I RISULTATI

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube