PGA Tour: è ancora grande F. Molinari secondo nel John Deere

Molinari Francesco
  16 luglio 2018 In primo piano
Condividi su:

Francesco Molinari ha offerto un’altra ottima prestazione sul PGA Tour classificandosi al secondo posto con 265 (65 66 70 64, -19), alla pari con Bronson Burgoon, Joel Dahmen e Sam Ryder, nel John Deere Classic disputato sul percorso del TPC Deere Run (par 71) a Silvis nell’Illinois.

Ha vinto, dopo una prestazione sopra le righe, Michael Kim (257 – 63 64 64 66, -27), che ha tenuto ritmi altissimi sin dalle prime battute. Al sesto posto con 266 (-18) Harold Varner III e al settimo con 268 (-16) Chad Campbell, John Huh, Keith Mitchell, Kevin Streelman e l’argentino Andres Romero. Al 16° con 270 (-14) Zach Johnson e al 23° con 271 (-13) l’emergente giovane cileno Joacquin Niemann, che ha ottenuto il sesto piazzamento tra i top 25 in nove gare facendo onore alla Temporary Membership da poco ricevuta.

Michael Kim, nativo di Seoul ma di nazionalità statunitense, ha colto il primo titolo sul circuito all’83ª gara disputata e ha festeggiato nel migliore dei modi il 25° compleanno caduto sabato scorso. Ha tolto agli avversari ogni speranza iniziando con tre birdie che al termine sono diventati cinque per il 66 (-5). Impressionante la sua regolarità e la sicurezza sui green con un gran numero di putt messi a segno tra i due e i tre metri. Il titolo gli ha reso 1.044.000 dollari su un montepremi di 5.800.000 dollari.

Francesco Molinari ha chiuso con sette birdie senza bogey per il 64 (-7), miglior score del turno siglato anche da Zach Johnson. Nelle ultime cinque gare ha ottenuto due successi e due secondi posti mettendo in mostra un gioco di altissimo livello. Eloquente un numero: ha giocato gli ultimi due con uno score complessivo di 40 sotto par: l’attuale “-19” e il “-21” del Quicken Loans. Ottime anche le percentuali di gioco a Silvis: driving distance 310 yards, driving accuracy 85,71%, green in regulation 88,89%, putting 0,781. E’ rimasto al 15° posto nel World Ranking e ha fatto un bel salto in FedEx Cup, da 43° a 27°, uno dei suoi obiettivi stagionali.

“Non potevo sognare di meglio. A questo punto dell’anno – ha detto – mi trovo in ottima posizione di classifica e ora ho solo bisogno di consolidarla. Mi piacerebbe davvero arrivare al Tour Championship, la gara finale, e non devo distrarmi”. Con l’attuale graduatoria sarebbe già ad Atlanta (20-23 settembre, alla vigilia della Ryder Cup).

I RISULTATI

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube