Nel Womens British Open cede Buhai, nuova leader Hinako Shibuno

Shibuno Hinako
  03 Agosto 2019 In primo piano
Condividi su:

Si conclude sul prestigioso percorso del Woburn Golf Club (par 72), a Milton Keynes in Inghilterra, l’AIG Women’s British Open, il quinto e ultimo major stagionale femminile dove nuova leader è la giapponese Hinako Shibuno (nella foto) con 202 (66 69 67, -14) rinvenuta con sei birdie sulle ultime nove buche, dopo un birdie e due bogey, per il 67 (-5) con il quale ha sorpassato la sudafricana Ashleigh Buhai (204, -12), in vetta per due giri. Quest’ultima ci ha messo del suo nel favorire il sorpasso con tre bogey nelle sette buche conclusive, dopo tre birdie (72, par), che le avevano dato un consistente vantaggio sul resto del gruppo.

In corsa per il titolo anche la coreana Sung Hyun Park, numero due mondiale, terza con 205 (-11), che però ultimamente ha avuto cedimenti clamorosi in vista del traguardo, e la sua connazionale Jin Young Ko, numero uno del Rolex ranking, quarta con 206 (-10) insieme a Morgan Pressel e a Lizette Salas.

La Ko punta a conquistare il terzo major stagionale, dopo l’ANA Insipation e l’Evian Championship della scorsa settimana, ed eguagliare le sole quattro proette che sono riuscite nell’impresa (quando però i major erano tre e poi quattro), tutte entrate nella Hall of Fame: Babe Didrikson Zaharias (1950), Mickey Wright (1961), Pat Bradley (1986) e la coreana Inbee Park (2013), campionessa olimpica. Hanno qualche chances di puntare al successo anche le inglesi Bronte Law e Charley Hull e la spagnola Carlota Ciganda, settime con 207 (-9), mentre sono quasi nulle per la coreana Jeongeun Lee6, decima con 208 (-8), che deve il numero “6” sul cognome per un caso di omonimia nel circuito d casa dove ha iniziato l’attività.

Sono fuori gioco la thailandese Ariya Jutanugarn, 14ª con 210 (-6), l’australiana Minjee Lee, 18ª con 211 (-5), l’inglese Georgia Hall, campionessa uscente, 27ª con 212 (-4), e Lexi Thompson, 37ª con 214 (-2). Ricco il montepremi di 4.500.000 dollari, uno dei più alti per una gara femminile.

I RISULTATI

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube