Football Legends Golf Invitational: al GC Udine vince la solidarietà

Michel Platini
  06 giugno 2018 In primo piano
Condividi su:

Giuseppe Dossena ”Grazie al golf aiutiamo gli ex atleti in difficoltà”

Nel torneo individuale tra calciatori, prevale l’ex Manchester United Dwigth Yorke

Tre giorni sul green con le stelle del calcio riunite al Golf Club Udine per un progetto di solidarietà a favore degli ex colleghi meno fortunati e il trofeo della Ryder Cup come ospite d’onore. L’evento “Football Legends Golf Invitational” ha centrato pienamente i suoi obiettivi con la Federazione Italiana Golf che ha sposato da subito la finalità benefica dell’iniziativa. Si rafforza così il messaggio del golf come sport aggregante e inclusivo, uno dei punti cardine del Progetto Ryder Cup 2022, coordinato dal Direttore Generale Gian Paolo Montali. Tantissimi gli spettatori accorsi per vedere in azione i campioni del calcio. Per tutti, l’attrazione della Ryder Cup e il desiderio irrefrenabile di una foto ricordo con l’ambito trofeo, icona sempre più popolare tra i giovani.

Giuseppe Dossena, coordinatore dell’evento, ha riunito sul percorso di Fagagna, oltre 50 leggende del calcio. Tra di loro, anche Franco Causio, Marco Tardelli e Paolo Maldini, quest’ultimo giunto a Udine appositamente dalla Cina. L’ex capitano del Milan, dopo “il bagno di folla” nella club house del circolo friulano, ha dichiarato: “Questa prima tappa ha dato ottimi riscontri per la raccolta fondi. Grazie al golf che unisce tanti calciatori, daremo il via ad altri tornei per portare avanti un progetto benefico per gli ex atleti in difficoltà”.

Una volta scesi in campo per la gara stableford su 27 buche, i calciatori hanno messo in mostra tutto il loro spirito competitivo. Sul tee di partenza si sono alternati, tra gli altri, Michel Platini, Gianfranco Zola, Daniele Massaro, Marco Simone, Massimo Mauro, Attilio Lombardo, Stefan Schwoch, Alain Boghossian, Andreas Moller, Thomas Berthold e Mirko Vucinic. In premiazione, alla presenza di Gabriele Lualdi, Presidente del Golf Club Udine, Alessandro Rogato Presidente Comitato Organizzatore Open d’Italia e Direttore Tecnico Squadre Nazionali FIG e Beppe Dossena, il primo premio lordo è andato all’ex attaccante del Manchester United Dwigth Yorke con 54 punti, mentre nella classifica netta si è imposto l’ex portiere della Juventus Alex Manninger (58 punti), seguito dall’ex difensore dell’Inter Nemanja Vidic e dal campione del mondo francese Laurent Blanc (54 punti), ora allenatore di fama internazionale.

Gianfranco Zola, acclamatissimo dai tifosi, ha messo in mostra grandi abilità golfistiche: “Sono stati tre giorni bellissimi” ha dichiarato l’ex attaccante di Napoli, Parma e Cagliari. “Abbiamo giocato su un campo fantastico, al livello dei percorsi inglesi, e abbiamo condiviso tutti insieme la volontà di aiutare gli ex colleghi in difficoltà. Come nasce la mia passione per il golf? È stato merito di Gianluca Vialli quando eravamo compagni di squadra nel Chelsea. E’ uno sport fantastico”.

(Nella foto: Michel Platini)

 

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube